Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

domenica 23 gennaio 2011

Pensiero generale sull'evoluzione del sado masochismo.

La domanda di base che ognuno si dovrebbe porre: perché dovrei cominciare a fare bdsm? in fondo si tratta di punizioni, situazioni spinte ed estreme per la convenzionalità popolare del momento e che coinvolgono SEMPRE stimolazioni sessuali. Insomma, qualcuno di si sicuro si chiederà del perché si dovrebbe infilare a capo fitto in un ambiente in cui il superamento del limiti è la normalità.

In effetti non solo qualcuno, ma tutti, proprio tutti lo fanno. C'è chi risponderà un solo perché mi piace senza approfondire quel perché, c'è chi risponderà perché mi piace servire, chi mi piace dominare, chi mi piace un altro sacco di cose ma l'unica assoluta verità è la libertà con cui certe cose si fanno. Nessun pregiudizio, solo SSC (Sano, sicuro e consensuale). Prenderemo spunto da De Sade l'originale il precursore rivoluzionario di una visione libera e distaccata dei piaceri della carne che afferma in una lettera alla moglie «Sì, sono un libertino, lo riconosco: ho concepito tutto ciò che si può concepire in questo ambito, ma non ho certamente fatto tutto ciò che ho concepito e non lo farò certamente mai. Sono un libertino, ma non sono un criminale né un assassino.», ma al contrario suo, io ti farò quello che tu vuoi che io ti faccia. Io non ti imprigionerò se tu non vorrai essere imprigionata, io non ti farò urlare e non userò la frusta se tu non vorrai, in altre parole sarai tu  a decidere. Questa non è costrizione, è libertà. E' la libertà di scegliere la propria sessualità senza pregiudizi in un costante rispetto reciproco. Noi costringiamo solo apparentemente a superare i limiti che invece sei tu a voler superare.
Premesso questo, ci sono alcuni principi da tenere sempre presenti e che non possono solo limitarsi ad un bel corpo, ad un bel culo, ad una semplice esibizione di carne tremula. Il pensiero erotico d'altro canto non è nato recentemente. Grandi poeti classici precristiani, già scrivevano di letteratura erotica, da Melagro a Saffo. Certo, sono morti nella regressione umana del cristianesimo dove tutto è rivolto ad un unico Dio che parla attraverso uomini. Il grande dillemma è tutt'ora presente: «Se la natura disapprovasse le nostre inclinazioni, non ce le ispirerebbe.» dice uno dei personaggi di De Sade ed è vero. La nostra natura non la possiamo cambiare. Possiamo indirizzarla questo si, ma essa fa parte del nostro bagaglio atavico e culturale fin da prima che conoscessimo ciò che è giusto e ciò che è sbagliato solo che adesso lo sappiamo eccome!

Noi sappiamo discernere il bene dal male e sappiamo discernere il piacere dalla sofferenza anche se in alcuni casi, la soffernza può diventare puro piacere. In effetti non è un discorso semplice ed è una delle ragioni per cui ho aperto questo blog. De Sade recupera il naturalismo di Didierot per cui  « Il pensiero è il risultato della sensibilità, che è una proprietà universale della materia » e diventa illuminsta fino all'estremo. Dichiara che noi siamo quello che siamo e non abbiamo nessuna responsabilità dei nostri atti. Se ci piacciono, li facciamo e questo è sbagliato. E' sbagliato perché abbiamo una coscienza, è sbagliato perché se una rivoluzione, la vogliamo condurre nel senso della giustiza e della verità non nel sopruso e nell'irresponsabilità. Noi siamo responsabili dei nostri gesti. Del piacere che diamo ed in quello che neghiamo, sopratutto nei confronti della persona più direttamente investita da tutto ciò: la nostra partner. Una o più di una. Non è impossibile fare sessioni o avere rapporti multipli. Quindi affermo con forza: "sii pronto a ricevere ciò che sei pronto a dare". Applica e fai quello che sai davvero fare e non prendere una canna e fustiga la partner semplicemente perché le piace o perché piace a te. Si chiama BDSM non egoismo a confronto. In altre parole senza una buona dose di empatia del vostro partner, evitate di mettervi nelle sue mani o rischierete grosso.

Vorrei riportare alcuni aforismi di Didierot perché ben farvi capire meglio 

"L'ignoranza è meno lontana della verità del pregiudizio." In effetti se vuoi vivere la tua vita in modo libero e capire il mondo, devi abbandonare ogni pregiudizio.

"Si dice che il desiderio é il prodotto della volontà, ma in realtà é vero il contrario: la volontà é il prodotto del desiderio." Esatto! ci sono centinaia di volumi dedicati al desiderio nella cultura orientale che sono il frutto di qualche migliaio di anni di esperienza maggiori della nostra!

"Mandiamo giù a gran sorsi la menzogna che ci lusinga. Ma beviamo a goccia a goccia la verità che ci riesce amara." Non mentire, avere sincerità è la chiave per scegliere il partner giusto. solo che spesso la verità non ci piace o abbiamo paura di riverlarla. Difficile dire al proprio compagno che magari ti piace: "sono una libertina", con tutto quel che ne consegue.

"Quasi sempre ciò che nuoce alla bellezza morale raddoppia la bellezza poetica. Con la virtù si fanno soltanto quadri tranquilli e freddi; sono la passione e il vizio quelli che animano le composizioni del pittore, del poeta, del musicista. " Se amare è un 'arte, anche in quest'arte tutto ciò è ancora più vero.


Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)