Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

sabato 15 ottobre 2011

BDSM - Considerazioni sulle discussioni, sui punti di vista, sugli attacchi personali in rete.

In due giorni ho fatto di più e con più serenità rispetto a prima e questo è già un vantaggio. Ho cominciato pure a rimettere un po' d'ordine nel blog ed eliminare qualche post a cui oramai i links non fanno più riferimento come quelli dei video.

Cerchiamo di capirsi. Chi davvero mi conosce sa che non sono una persona "dura" anzi sono piuttosto un casinista allegro. Un dolcione perverso, un "sadico" che cerca intese piuttosto che pretese. Per esperienze di vita, verifico sempre quello che mi viene detto e li spesso casca l'asino.
La prima constestazione pubblica, nacque da una riflessione che mi balzò alla testa dietro la pubblicazione del libro di Shibari di Maestro BD. BONDAGE, la via italiana...
Beh non l'ho mai letto, non l'ho mai aperto, non mi interessa il bondage imparato su un libro, il bondage inteso come legare non mi interessa più di tanto. E' sempre uno dei tanti strumenti mentre il centro dell'attenzione rimane sempre la mia partner.
Si può fare bondage anche con un paio di calze ed anche senza niente come ho detto più volte, è solo uno stato mentale, gli strumenti aiutano ma non sono determinanti. Di certo ampliano le possibilità di "gioco".
Beh quel bondage ed i bondagers mi fecero andare a vedere e ricontrollare sui dizionari come stessero le cose. Pubblicai quel pezzo su legami org e successe il finimondo.
A me piace molto la dialettica e la contestazione di quello che dico ma con argomenti validi e con l'approccio giusto come sempre. L'amico Dominique de Lernos, su FB, è sempre stato un piacevole contestatore anzi, un bel "bastian contrario" ma dietro ad ogni suo commento ci sono stati argomenti frutto di un ragionamento e non di una contestazione intesa a distruggere e screditare quel che pubblichi. Posso aver detto di sicuro una cazzata anche gigantesca ma sono gli argomenti che contano e quando li finisci se cominci ad arrampicarti sugli specchi semplicemente per "opporti", vuol dire che sei il tuo scopo è un altro che la riflessione.
Da subito, quella pubblicazione fu ragione di attacco non in quanto sbagliata ma in quanto fuori dal coro. Tu ti devi adattare alla massa. Se tizio guru dice bondager non sbaglia, se questa denominazione viene accettata anche dagli altri guru diventa un modo di dire alla quale la massa informe si adatterà immediatamente. Insomma la verità non è verità ma è una bugia detta talmente tante volte da diventare verità.

Allora tornando indietro nel tempo mi vengono in mente due cose. Perché quando sono usciti allo scoperto i vari guru attuali hanno prima di tutto chiesto aiuto? Aiuto inteso come.. vengo alla tua festa, vieni alla mia festa, fatti vedere, vieni qui, partecipa per poi ogni volta che posti qualcosa o che ti iscrivi in un sito e ti presenti arrivano sempre e dico sempre e ridico sempre le stesse frasi?
"ciao, mi pare di conoscerti", "mi pare di avere letto qualcosa su di te", "ho letto questo e quest'altro cosa mi suggerisci?", "si ma io ho fatto in modo diverso". Ma come? Sono le stesse domande che tu mi fai su uno, due, dieci luoghi diversi eppure mi conosci. Eccome se mi conosci. Cinque anni fa sbavavi dalla voglia di apparire adesso non sai più chi sono? Commento una tua foto e manco mi rispondi. Praticamente un commento inesistente. Ci sei solo quando ti fa comodo, quando arrivo, quando mi presento e la soluzione di questo caso è una sola. Dimostrare in ogni situazione che non sei nessuno, che non sei degno di nota, che quel che dici o fai non ha senso rispetto a te, il guru. Porcate. Non si sa mai da chi si ha da imparare. Stai smontando un rubinetto, arriva uno e ti dice: prendi una chiave quadra, mettici un pezzettino di pelle o di straccio e non farai segni. Tu che fai lo mandi a fanculo solo perché non lo conosci o dici per caso: cavoli, è un'idea? Mentre tu mi contesti io vado su google, cerco riferimenti alle tue contestazioni, giuste o sbagliate devo verificarle. Cerco siti, l'attendibilità dei siti che se mi arriva da un coglione come me o te allora non è una prova è solo un altro coglione come me o te in rete. Dopo rispondo. Tu no. Tu che mi consideri un coglione e basta ed una pezza da piedi, tu seguiti a contestare secondo le tue idee e la tua conoscenza senza MAI metterla in dubbio. Questo E', l'approccio sbagliato. La conoscenza si condivide non perché lo dico io, si fa perché è crescita di per se.

http://it.wikipedia.org/wiki/Condividi_la_conoscenza
http://www.lighting.philips.it/connect/philips_lighting_academy.wpd
http://saperi.forumpa.it/story/33690/condividere-la-conoscenza-e-un-diritto-ripensiamo-i-modelli-economici
http://www.masternewmedia.org/it/collaborazione_online/l_importanza_della_conoscenza_e_della_condivisione_20060613.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Knowledge_management

Per quel che mi riguarda posso solo fornire una scala per cercare di farti salire ma quel percorso devi farlo tu. Spesso il fornire una scala non è sufficiente che qualcuno sopra ci balla il tip tap e non perché è un altro modo di saperla usare, semplicemente perché non arriva a capire qual'è il modo proprio di usarla.

Provate un po' ad andare su google, scrivere BDSM e vedere cosa vi esce. Provate a scrivere Shibari e vedere cosa vi esce. Un bel lavoro di chiavi di ricerca e di indicizzazione. Si bravino, lo so ma non è questo il punto. Il punto è che se mi avessero chiesto tre o quattro anni fa un'aiuto per indicizzare i loro siti, l'avrei fatto eccome. Adesso, dopo tutte questi attacchi se si provasse solo uno, probabilmente lo farei alla meno. Fare in modo che non ti trovino. Non si può fare da qui. Non ci pensate nemmeno. Si deve poter entrare nelle frasi all'interno dei siti e nelle chiavi. Nella scrittura e programmazione insomma. Quindi se risultate dopo non è colpa mia :P. Così vanno su tutti i siti, mettono i links ai propri corsi, alle proprie attività contribuendo a mercificare ogni più bella pratica di relazione.

Così il quadro è completo. Non ci possono essere relazioni o discussione con chi non le vuole ma la cosa strana è che di nick BONDAGER adesso ne sono rimasti quanti? :) Da che i giapponesi sono rientrati prepotentemente riappropriandosi delle loro tecniche, sono riemersi pure le giuste definizioni. Nawashi non bondager. Così per non finire di essere derisi.. via! :) Ma come.. quando ve lo dicevo io ero un bischero adesso cercate di levarti di dosso l'etichetta di bischero che vi siete appiccicati addosso da soli due volte. La prima quando vi siete messi il nick, la seconda quando mi avete contestato di brutto senza riflettere.
Anche il mio nick è frutto di un errore è. L'ho detto e ripetuto. Il mio latino non esiste e magister pensavo fosse mago. La magia di una relazione, di un certo tipo di relazione. A questo pensavo. Poi che faccio? Cambio tutto? Per cosa... magari è un maestro di magia, magari è solo per la sua esperienza ma se passo da scemo.. ecco è sempre li. Sono io quel bischero li che ha sbagliato nick. Capita!
Quando capita ditelo piuttosto che incazzarvi e fare incazzare chi ha ragione.  Magari ci giocate puntando sulle mie incavolature ma poi ci rimettete lo stesso che i miei post escono per primi e gli argomenti sono validi.  Mi fate buttare fuori da un gruppo semplicemente che mi volete chiudere la bocca così che voi, guru, non possiate essere di nuovo messi in discussione  Ci rientro come e quando mi pare. Dovreste far chiudere la rete per evitarlo o mettermi addosso una squadra di hacker incazzati. Possibile che non ci arrivate? :) Ve l'ho dimostrato con le chiavi... ;)

MDS

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)