venerdì 14 ottobre 2011

Regole BDSM - tra me e te.

Regole BDSM - Reblogged IV. A quanto pare c'è qualcuno che non ha ancora capito. Non so come si sono comportate le tue conoscenze prima di me ma questo è il quanto. Questo sono io e non sono nessun altro. Questo post è scritto con dolcezza e non con severità. Tratto per principio tutti come se li conoscessi da sempre per poi cambiare tiro durante magari una conoscenza negativa. Il post è modificato per l'aggiunta di nuove regole/chiarimenti. :)

Non parlare se non puoi mantenere. Non mi contattare se non sei decisa. In questo blog c'è descritto chi sono ed ho un sacco da fare per perdere tempo con curiose idiote e indecise rompiscatole. E' chiaro che la conoscenza può anche non rivelarsi in attrazione ma è anche vero se attrazione c'è poi non voglio pretesti.

Non tradire la mia fiducia. Il rapporto bsdm si basa su una fiducia totale ed un serio comportamento di vita, se la tradisci con me hai chiuso. Non serviranno giustificazioni o pretesti. In questo caso tu vai per la tua strada io per la mia. Nessun modo di "tornare indietro o sui miei passi", qualsiasi rapporto sia, in questo caso si conclude in modo netto.

La mia parola è una, non tante a seconda del comodo. Se ti dico una cosa non importa che sia seguita da una promessa o da un giuramento. Mantengo semplicemente perché la mia parola e viene dalla mia anima.


Bandisci dal tuo dizionario d'animo ipocrisia e falsità. Se hai un problema sono qui e ti ascolto, ti sorreggo e ti aiuto in ogni modo possibile.

Se tu mi dai amore anche piccolo ma sincero, riceverai indietro una montagna d'amore. In altre parole tutto quello che mi doni ti sarà contraccambiato con gesti e sentimenti sinceri in modo esponenziale. Ti conviene pertanto non provare nemmeno a pensare di giocare con me. "Ad ogni azione ne corrisponde una uguale e contraria". In fisica è il principio dell'inerzia ed il mio nick non è Mastro Geppetto, è Mastro De Sade.

Ognuno vede il bdsm a modo suo. Perfino tra te e me ci saranno differenze e probabilmente ognuno rimarrà sulle proprie posizioni ma faccio quel che faccio perché mi piace e lo so gestire. Se non ti va bene, libera di scegliere altro. 

So bene che sarai tu a scegliere a chi donarti, ma è anche vero che l'ultima parola spetta a me. Ricordalo.



Credo che sia meglio fare le cose con un sorriso piuttosto che con con l'autorità ma non confondere mai i ruoli.

Sono a firenze, non posso viaggiare ma posso ospitare. Non mi cercare se non sei mentalmente disposta ad accettare un possibile viaggio. Vero è che se non ci conosciamo non potrai mai decidere ma non sono un fenomeno da baraccone per soddisfare le tue curiosità.

Tutto quello che facciamo o ci diciamo, rimane riservato. Nessuna foto, nessun film. In questo caso la riservatezza è tutto.

Lo vedi st'affare? Ecco, non serve per spaccare i maroni alla nuova conoscenza. Serve proprio per conoscersi. Per fare in modo che non succedano casini, per cercare incastri nella vita di tutti i giorni qualsiasi essa sia e per fare in modo che vi siano spazi per costruirlo questo rapporto. Non li so usare molto ma insomma vedi di non adoperare il numero per metterlo in cassaforte. Spesso le impressioni sono quelle sbagliate, le parole scritte si interpretano, quelle dette a voce, si sentono.

Sii sempre sincera ed onesta, io sarò altrettanto. Il dialogo è conoscenza il silenzio è l'assenza. Senza confidenza, cordialità voglia e capacità di sapersi "sentire", non si arriva da nessuna parte. Nascondersi non serve a niente, anzi è distruttivo.

La rigidità è il primo passo verso stupidità. Quindi nuove situazioni o nuovi "giochi" danno origine a regole nuove.

Non abbiamo nessuna fretta, nel fare le cose, nel conoscerci, nell'esplorare. Il viaggio è il bdsm, l'arrivo è la fine. Ricorda sempre queste parole.

Le persone e le cose: io non posseggo te, tu non possiedi me. Le tue cose sono sempre tue, le mie cose rimangono mie. Posso imprestarle se ne ho voglia, posso regalarti qualcosa ma tu non chiederle, semmai meritatele. Il possesso delle persone è dato solo dal sentimento di appartenenza che la costruzione di un rapporto valido ha prodotto non dall'abuso. Il "gioco" è un'altra cosa.

I giocattoli che useremo andranno nel tuo personale "necessair", saranno cose tue e solo tue, tuo il compito di tenerli puliti e pronti. Se un giorno la storia finirà, queste cose rimarranno tue. Alcune cose te le procurerai da sola, altre no.

Non sono un nawashi, un legatore e non faccio shibari/kinbaku. Le uso come un accessorio e mai prima che le vere corde ti abbiano legato la mente. Non mi chiedere nemmeno legature complesse, semplicemente non mi piacciono da fare. Al massimo durante un dopocena tra amici in cui il divertimento è diverso dallo stare nudi. 

Ogni uomo o donna è in grado di fare questo ad un altro. C'è chi lo fa per odio, c'è chi lo fa per egoismo, c'è chi lo fa per trarne un vantaggio e per altri mille motivi. Chiediti sempre il perché di un gesto o di un'azione con mente ed anima aperta perché di si sicuro nessuno di questi motivi è presente nelle mie motivazioni. Questa è crescita e piacere comune, non altro.

Una relazione di bdsm non esclude altre relazioni di bdsm o relazioni amorose del tipo tradizionale purché concordate ed accettate. Mantenere rapporti equilibrati con tutti è una saggia decisione. In caso contrario ogni relazione cessa tra me e te. In altre parole: rispetto e sincerità prima di tutto. Questa non è gelosia ma onestà. Non è possibile fare e vivere bdsm completo senza questi principi. In altre parole, e visto quel che s'incontra, piglia un numero, la macchinetta è alla porta. Se perdi l'orario, difficile che te ne venga dato un altro.


Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)