martedì 10 aprile 2012

Psicologia nel bdsm - per conoscersi meglio.


Adesso e per la prima volta sul blog mi spingo ad affrontare problematiche psicologiche ed evocative in modo serio, forse non comprensibile a tutti ed è proprio per questo timore che non l’avevo fatto prima. Ho scelto da tempo un linguaggio semplice, di facile comprensibilità, di “messaggi” visivi attraverso le fotografie e quando ho affrontato alcune pratiche o aspetti interiori, è stato solo con una voluta “superficialità” per lasciare agli altri un attimo di riflessione introspettiva e di analisi interiore.

Oggi vi espongo il mio pensiero, serio, profondo, logico e psicologico per quel che vale.

  
Abraxas
Mi rifaccio un po’ al dualismo Jungiano già espresso da Herman Hesse nel romanzo “Demian” del 1919: Demian aveva detto allora che possediamo bensì un Dio da noi venerato, ma egli rappresenta soltanto una metà del mondo arbitrariamente staccata (il mondo “chiaro”, ufficiale, lecito). Si deve però poter venerare il mondo intero e perciò o si deve avere un Dio che è anche diavolo o bisogna introdurre accanto al servizio divino anche un servizio diabolico. Ed ecco ora Abraxas, il Dio che era Dio e diavolo insieme” in cui non vi sono parti staccate ma luci ed ombre parti della stessa persona.”

Ritorno a dire con forza che questi concetti nel mondo occidentale, sono arrivati solo un secolo fa e che prima, a causa della forte influenza clerico-cattolica in ogni sua forma, aveva scisso per secoli il bene ed il male, il bianco ed il nero. Sei santo o peccatore ed in base a questo ed al comodo, ti giudichiamo e ti espelliamo dalla società se non nel senso stretto della parola o ti mettiamo al rogo direttamente in pubblica piazza. In oriente il “chi”, il bilanciamento delle due forze, positive e negative, albergano nello stesso individuo da millenni. E’ un concetto di base dove il chi, il bianco ed il nero, sono graficamente separati ma parte dello stesso cerchio.
Così in ognuno di noi vi è Abraxas in una funzione inscindibile. Abraxas è il “peccato” e la “santità”, quello che siamo, ovunque andiamo.

In due persone che si affacciano al bdsm, sarà semplice essere attratti da una bella legatura, da una bella fotografia, da una situazione eccitante, da uno o più orgasmi intensi, da piaceri “broibiti” dalla società moderna e da quella arcaica. Vero, alcune cose sono state sdoganate da tempo. Adesso vi sono i sexy shop dove si può acquistare ogni genere di attrezzatura per dare o darsi piacere che fino a qualche decina di anni fa, proprio non esistevano.

Però non esiste bdsm senza abbandono, non esiste bdsm senza legame ed il legame non è solo attrazione ma è anche e soprattutto fiducia. Una donna che ti apre le cosce e ti mostra la fica non è sesso, è mostrarti l’anima. Una donna che legata magari ad un tavolo viene percossa a cinghiate ti mette a disposizione il suo dolore fisico ma chiede protezione per il dolore dell’anima. Chi prende sputi in faccia, chi riceve offese, degradazione, umiliazione fisica chiede dietro la maschera della fisicità soprattutto rispetto interiore. Questo è il dualismo sempre presente nel bdsm o in qualsiasi atto di sadomasochismo. Il legame, la fiducia si forma se dietro ogni gesto c’è una dimostrazione di rispetto interiore accompagnato da un “non apparente” rispetto per il corpo e per la stessa anima. Non è una contraddizione. Le due cose vanno a completare i due aspetti delle nostre personalità.

Quindi seguito a sostenere che vi siano due modi di affrontare lo stesso gesto e che ogni passo debba essere seguito dalla giusta preparazione interiore. Lo so che è semplice legare una donna e fustigarla se in lei c'è fiducia. Il punto è solo questo: come provo, come valuto la profondità della sua di fiducia? Qualcuno potrà rispondere ma a che serve se è quello che vuole? Rispondo semplicemente che è questione di passi e rimane questione di crescita e di percorso assieme altrimenti non sono un master ma un dom che ti lego, faccio quello che mi pare, godiamo e ciao. Arrivederci alla prossima. Se mi definisco master la tua fiducia può semplicemente manifestarsi stando ferma da sola davanti ad un frustino, libera di fuggire in ogni momento se la situazione lo richiede e quando fiducia davvero c'è e che ti porta a quell'abbandono che cerchi e di cui mi faccio custode e guida, userò le corde.


Quando la “mia” psicologa-miss mi disse dietro ad una logica semplice, pratica, coerente e senza tanti fronzoli che una volta accertato che quello che fai da piacere, che quello che fai rispetta chi hai accanto in ogni suo aspetto di integrità, che quello che fai è una crescita comune dove sta il male o il divieto o il peccato? In effetti è questa la sostanza. Puoi fare “qualsiasi” cosa che ti viene per la testa se non dimentichi questi principi. Il resto è indottrinamento, è opinione legata ad un modello di società, a concetti e valori che si affermano nel tempo ma che spesso sono impregnati di religiosità bigotta. Per me non esiste il peccato. Non dovrebbe se credi in Dio e deve se credi in un Dio che parla attraverso una Chiesa o attraverso gli uomini spesso conducendoli alla follia.

D’altra parte anche lo stesso Jung venne influenzato dal suo viaggio in India del 1937. Troviamo le sue riflessioni sui Lingam, dei templi dello stato di Orissa nei sui scritti ma anche per questi, non possiamo prescindere dal contesto e le conoscenze storiche dell’epoca. Ci è stato detto tutto? Ha riportato davvero quello che pensava e quello che pensava è scevro da condizionamenti socio-politico-religiosi? Difficile. Difficile per tutti ma bisogna sforzarsi di farlo pare arrivare a individuare quello che per quanto più possibile, si avvicina alla verità. Un po’ come la meditazione nel “distacco” corporale buddista. Vedere le cose da fuori, senza condizionamenti, lasciando la mente aperta a nuove conoscenze, a nuove possibilità. Questa è la chiave della ricerca e del cammino assieme e da esseri umani, con la giusta e la dovuta dose di empatia anche con una bella, sana e coinvolgente dose d’amore e di passione reciproca.

E' chiaro che nessuno è disposto a dare la propria interiorità a chiunque. E' più facile dare il proprio corpo nella ricerca di ottenere qualcosa per lo spirito ed è spesso questa la ragione di tante delusioni affettive. Mentre il letto si fa con la tecnica, il sentimento si "tocca" solo con altri presupposti. L'apertura mentale ad accogliere qualcuno che per forza è diverso da te, l'accettazione di chi siamo per come siamo e per cosa ci piace anche nell'estremo. Il rispetto per l'altra persona che appunto, diversa da te, di sicuro interpreta quello che fai e per come glielo poni in modo diverso. Quante volte si sente dire: "scusa, ho sbagliato, non volevo?". Meglio parlare. Conoscersi. Accettabile all'inizio, quasi intollerabile dopo. Tenere presente che in ogni frustata, in ogni capezzolo ammolletato, in ogni strillo, in ogni avvolgimento con le corde c'è un gesto d'amore. "Riconoscere la vita in ogni respiro" ecco ;).



1 commento:

  1. "in ogni frustata, in ogni capezzolo ammolletato, in ogni strillo, in ogni avvolgimento con le corde c'è un gesto d'amore" .... Sic est.... <3

    RispondiElimina

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)