giovedì 10 maggio 2012

Malattie a trasmissione sessuale ed incontri protetti

Vale la stessa, solita premessa: questo non è un blog medico, io non sono un medico e non mi intendo di medicina. Questo articolo è frutto solo di informazione reperita in rete, di un po' d'esperienza di studio e non è da seguire alla lettera. Anzi, per le vostre accurate informazioni mediche, rivolgetevi al vostro medico di fiducia: é suo dovere darvele e voi di essere informati prima di fare qualche passo falso e poi pentirvene. Prendete questo pezzo come una informazione superficiale, da approfondire nelle sedi e nei luoghi più opportuni ed adeguati.

Siccome c'è una furba che se non ti metti il preservativo non te la da' allora m'è venuto in mente di fare un bel post da riderci su, sulle protezioni da usare nel caso di sesso o incontri bdsm che quelle descritte nell'HIV non gli andavano bene.
La prima domanda da porsi pertanto è:
DA COSA CI PROTEGGIAMO?
Una per volta va, così magari si fa più chiarezza su cosa bisogna adottare per fare sesso o bdsm sicuro.

Gonorrea o blenorragia, detto comunemente "scolo": è sufficiente il contatto con gli indumenti intimi dell'altro partner, pulirsi con lo stesso asciugamano, alle volte anche baciarsi, il cunnigulus (leccare la topa), i rapporti anali e quelli normali. Insomma è sufficiente un semplice contatto. Il batterio al contrario di  HIV, sopravvive all'aria. Quindi il solo uso del preservativo sul cazzo è non serve a nulla. Proprio a nulla. L'unico modo serio per evitare un contagio di gonorrea è non averla, quindi analisi. Altrimenti guanti, nessun o quasi contatto fisico e attenzione anche al letto dove ci si sdraia assieme.

Sifilide: è causata da un batterio molto aggressivo e anche un numero limitato di questi, può causare il contagio. Si trasmette attraverso tutti i rapporti sessuali, cunnigulus e fellatio incluso. Vale per come sopra. Il semplice preservativo su cazzo come protezione equivale semplicemente a non proteggersi.

Gardnella e questa è proprio bella. Già perché il 30% delle donne è portatrice di questa malattia. Si tratta di un comune batterio presente in TUTTE LE DONNE, solo che in alcuni casi o dietro alcune condizioni, incluso quel che si porta come biancheria intima, può alterare tutta la flora batterica vaginale moltiplicandosi a dismisura. L'odore di "pesce", in genere è causato proprio da questo batterio. Nell'uomo che fa? Ti può causare una uretrite infiammatoria ma in questo caso il preservativo è sufficiente.

Chlamydia: rapporti sessuali, in particolar modo quelli anali. Il preservativo in genere è sufficiente ma siccome da sintomi solo quando oramai siamo già infettati di brutto, nessuno si accorge di averla. Nell'uomo etero causa uretriti (infiammazione dell'uretra), gonfiore allo scroto, formazioni allungate sull'epidimo (cercarsi il termine grazie che altrimenti scrivo una vita). Nei gay, prochite (infiammazione del retto, diarrea). Nella donna: infiammazione della cervice con facilità di sanguinamento, uretriti.

Ureaplasma urealyticum: anche per questo è sufficiente un preservativo e siccome nel 70% dei casi infetti, non da' sintomatologia evidente, puoi contagiare o ricevere il contagio da qualcuno e non te ne accorgere fintanto che è troppo tardi ed il tardi significa problemi a carico dell'uretra, dei reni, della prostata, epididimi e compromettere anche la fertilità. 

Ce ne sono altre al livello batterico e micologico, ma qui mi fermo. Passo ai virus ed alle epatiti.

Il papilloma virus o HPV: è molto diffuso, si può contrarre in diversi modi anche per contatto con pp in un bagno pubblico non scaricato, con indumenti, con tutto quanto fa semplice contatto fisico. Il preservativo non è pertanto sufficiente. Per evitare di contrarlo, vi sono analisi specifiche, ed ovviamente, se non ce l'hai, non contagi. Non metti a rischio insomma la tua e la palle del tuo partner scopazzando a destra e a manca o avendo comportamenti poco igienici nella vita di tutti i giorni. Il che non significa girare il mondo con una bottiglia di disinfettante ai quaternari d'ammonio o di cloriti (es varichina o amuchina, ipoclorito di sodio in entrambi i casi).

HIV, già trattato, vedi POST

Epatite B: Come sopra, si trasmette nei rapporti sessuali ed in presenza di sangue. Da quel che leggo, bastano i fluidi corporei. Quindi protezione totale.

Epatite C: trasmissibile attraverso il sangue, molto pericolosa e subdola, causa danni al fegato e tumori. In genere non è legata ai rapporti sessuali ma si può contrarre attraverso i rapporti sessuali. Ad esempio facendo sesso durante o in prossimità del ciclo, causando lesioni alla pelle con fuoriuscita di sangue anche in modo involontario. Vedi sempre post HIV.

Pellicola trasparente da cucina
Si può usare come diga per il cunnigulus
al posto di un preservativo aperto.
Concludendo: per fare sesso sicuro il preservativo da solo non sufficiente. Ci sono malattie serie e gravi il cui semplice contatto può causare contagio.
Andare a dire a chiedere a qualcuno: "ma tu lo usi il preservativo?" significa non aver chiaro bene il rischio che si corre. Andare a chiedere a me, ma tu usi il preservativo ti viene data una semplice risposta: "NO". La ragione è perché c'è solo un modo di fare sesso sicuro più e che coinvolge più o meno entrambi i modi. Avere prima di tutto una vita, sana, regolare e di non saltare da un partner all'altro in poco tempo e dopo una conoscenza superficiale ed un comportamento igienico corretto aiutano a diminuire il rischio. Gran parte di queste malattie non si conclamano in poco tempo: un'analisi personale saltuaria, evita gran parte del rischio.
Nel caso di sesso o bdsm sicuro, il contatto personale è oltremodo ridotto e soprattutto molto ma molto protetto per evitare tutte le possibilità di contagio. A molti questo non piace. E' molto asettico, spesso si usano oggetti e l'oral se c'è, passa attraverso materiali plastici di ogni genere dal cellophane, al lattice, al nitrile.
Quindi risposte o domande a cazzo al primo contatto sarebbe bene evitarle così da non vedersi spedire a fotbar per ignoranza congenita. Anche perché, personalmente non ho nessuna intenzione di andare a letto o fare bdsm con qualcuna vestito con uno scafandro o quasi, semplicemente non mi diverto. Altra cosa è sapere cosa hai, se ce l'hai e quindi TI SEI CONTROLLATA ed allora si adegua il modo al rischio ma tirando alla cieca diventa tutto un gran casino di protezioni. Meglio un cinema.

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)