lunedì 25 febbraio 2013

Eccomi


Bon, è una settimana che manco ma come al solito c'è sempre una ragione valida.

Amiche in spedale che bene o male hanno passato dei momenti particolari. Meglio evitare di fare post dedicati per non far sapere al mondo chi e cosa c'era in ballo e lasciarvi riflettere su dove porre la crocetta per decidere il vostro futuro.
Avete votato? No?
Vi siete rotti i maroni della non politica che ha invaso questo paese da 20 anni a questa parte? Bene, allora non rimanete li in casa a farvi massacrare da chi andrà, ci sono due ore e mezzo ancora. Andate al seggio, esprimete la vostra opinione che un voto, non è mai perso. Quello che hanno paura i vari partiti che si sono succeduti al governo più o meno indirettamente è proprio questo. Che iniziate a pensare e che esprimiate un voto ragionato non di parte. Che non sia di destra e di sinistra tanto non esistono più, ma che sia frutto del buon senso, sempre che ce l'abbiate.

Così quest'appello giunge volutamente fuori tempo così da essere ininfluente ma insomma un giorno da non passare piangendovi addosso per un destino che è stato scelto da altri, ci vuole. Un giorno o qualche ora o solo pochi minuti a riflettere piuttosto che a pensare a cazzi e fighe ci deve pur stare. O no? ;)
Detto questo, porgo i miei migliori auguri a chi è già tornato a casa e non stava sicuramente bene, e si riparte, speriamo in meglio, con l'economia, il tenore di vita e gli slurpi che vengono meglio con la salute e la serenità.


Buon lunedì

venerdì 15 febbraio 2013

Spankomusica

Siccome non bisogna mai prendersi troppo sul serio, ecco. Un video che mi hanno messo in bacheca su fb. Non sapendo se chi l'ha fatto gli fa piacere essere citata, lo metto in modo anonimo così che se poi lo vuole, posso aggiungere anche il nome.
Musica... del culo :D




mercoledì 13 febbraio 2013

Briatore e promesse da mercante

Io non dimentico. Ho una memoria da drago e non da elefante, il che significa che ogni ricordo diventa memoria collettiva e non cancellabile.

"Tutti parlano nessuno agisce. Io proporrei che i seicento euro al mese glieli do io."



Era il novembre 2012 e ancora nessuno ha visto un soldo, manco un cent. Cerchiamo di capirsi: non ho nessuna relazione con la signora in questione, non sono io che dovevo prendere quei soldi, manco un parente anche lontano è coinvolto. Insomma, è solo una questione di sensibilità e di una storia che ho preso a cuore.
Flavio Briatore
Michele Santoro
Troppo facile andare in una trasmissione e fare ascolti, troppo facile lasciar fare queste promesse e non verificare quel che poi succede. Questa è solo propaganda e pubblicità personale di entrambi. Non è né giornalismo, né attualità.
Poveracci

lunedì 11 febbraio 2013

Master dei miei coglioni (e novizie a confronto)


Premessa. Siccome non voglio crear casini a nessuno, mi metto a raccontare sta cosa sfasandola nel tempo e inventando nomi di fantasia, così come le città di provenienza dei soggetti, sono inventate. 
Storia.
Lei è una novizia e comincia ad interessarsi ad un master molto distante. Dopo diverse chiacchiere e discorsi, decidono di incontrarsi dalle mie parti. Lui però ha il costo maggiore del viaggio sia in termini di tempo che in termini di costi vivi.
Si avvicina la data del viaggio, lei fissa una stanza per se e aspetta ovviamente che lui fissi la singola per lui. Non si sa mai, se le cose non vanno, per lo meno si dorme ognuno nella sua stanza. Sta di fatto che sto qua cincischia fino all'ultimo e, notate bene, manda un messaggio alla suddetta dopo le una del giorno stesso dell'incontro che non viene. Nel frattempo, la novizia in questione sperando fino all'ultimo che sto qua si facesse vedere, gli aveva fissato anche la sua di singola.
Il risultato è che il drago ha fatto l'accompagnatore della suddetta novizia in quel di toscana, tanto per non lasciarla sola spersa da qualche parte.
Ragazzi e ragazze, cerchiamo di capirsi una volta per tutte anche se siete di coccio ma se una persona qualsiasi si fa ubbidire, ha sempre ragione, alle volte bisogna pure dargli del lei e che si comporta così, come lo definireste?
Ve lo dico io, una emerita testa di cazzo. Allora perché se ne incontrate uno così e che scrive dietro al proprio nick, MASTER, credete a tutto quello che vi dice e fate tutto quello che vi ordina di fare, compreso prendere qualche sonora ripassata?
SVEGLIA!
Credo che prima di tutto un master debba comportarsi da persona seria e coerente. Non vieni? Non importa, fissi una singola, la lasci se non vai alla suddetta novizia, oppure fissi una doppia e la lasci pagata e lei. Sei troppo lontano da non sapere se ce la fai o se magari quella volta si ma la distanza obbliga a non potersi rivedere? Declini. Credo che bisogna essere abbastanza maturi da sbavare per qualsiasi pulzella con la topa in calore ma inesperta e un po' "gonza". Insomma, non fate i salti mortali per incontrare l'ultimo coglione nella rete che utilizza le solite menate per accalappiare pulzelle ingenue.
"Odio", le persone così. Non mi piacciono quando lo fanno con me. Sarò sbagliato non lo so ma un si è un impegno, un no altrettanto, un forse non lo so e si vedrà ma fammici pensare è roba da cretini. Ci sono anche tra le donne è, non solo fra gli uomini.
Gente che pensa che prendere con uno strap on qualcun altro/a sia da mistress e che se ti trombano da sopra non sia per il ruolo. Gente che crede che sia solo un gioco, gente che si spoglia per prendere e non per dare. Lasciamoli per cortesia che si rigirino nel loro brodo. Sicuramente tromberanno più di noi ma tutti sappiamo che la soddisfazione viene dalla qualità e non dalla quantità.
Buona giornata :)

sabato 2 febbraio 2013

Ma le tecniche bastano?


E adesso che avete qualche tecnica in più che ve ne fate? :D
Pensate forse che sia sufficiente conoscere il modo giusto di far godere in modo inusuale la vostra partner perché sia sufficiente qualificarvi come master o top e slave o bottom?
Se avete questa sensazione o sicurezza, questa è sbagliata. Magari vi permetterà di gestire una o due volte qualche novizia e quindi di fare una scopata "come Dio comanda" completa di sesso estremo e di situazioni hard parecchio spinte. Di sicuro la conoscenza di una tecnica vi permetterà di rischiare il meno possibile e di rendere il tutto sicuro, consensuale, divertente ed eccitante e che non è poco, ma qui vi fermate.
Il bdsm è uno stato mentale non è una pratica e non è composto da pratiche. Il bdsm si compone di stati fisici legati ad un rapporto che è prevalentemente di testa seguito da sentimenti contrastanti di distanza e d'amore altrettanto intensi e le pratiche garantiscono un'apparente illusione. Faccio queste cose, pertanto sono un bdsmr's.
SCORDATEVELO
E' la stessa cosa del saper suonare bene una chitarra o lo scalpello di un falegname. Sicuramente saprete suonare bene le canzoni di qualcun altro in modo tecnico o intagliare che ne so, la cornice di un quadro ma la musica e l'arte non è solo abilità, è il trasmettere agli altri le proprie idee, le proprie sensazioni o nei casi top, saper stimolare singole sensazioni attraverso il mezzo ed individuali per tutto il "pubblico".
Come ogni sano e vero rapporto, questa "cosa" si fonda su una relazione che non è usuale anzi, è parecchio anticonvenzionale ed è intensa, sfiancante per quanto sia pariteticamente appagante. Metti pure uno sculaccione oggi, uno sculaccione domani, uno domani l'altro e nel giro di un mese, vi trovate le chiappe frollate. Pertanto vivere sotto lo stesso tetto giornalmente e rapportarsi reciprocamente come top è bottom, è poco realistico. Io spero che questo lo capiate perché altrimenti è inutile che seguitiate a leggere. E' come la tortura cinese della goccia d'acqua o il vecchio proverbio fiorentino che recita: "l'acqua cheta la rovina i ponti". Funziona nello stesso modo.
Se mi domandate se sia possibile vivere una storia bdsm anche 24/7 per brevi periodi allora vi dico di si. Una settimana, due, un mese e li ha da finire. Se ne riparla eventualmente dopo qualche mese per fare un bis o un ter o un quater ma già questo cambia la visione del 24/7.
Ammettiamo pure che siate una mosca bianca, che la storia vada bene per lunghi periodi continuativi. Quell'unico sculaccione giornaliero provocherà la creazione di endorfine e per avere lo stesso effetto dopo 3 o 4 mesi, di quegli sculaccioni ne avrete bisogno di due o tre accoppiati ad un crescendo di forza. Dopo qualche anno, vi ci vorranno situazioni intense e parecchio sopra le righe per sentire qualcosa. Anche questo è un dato di fatto e non parliamo di sculaccioni e basta. Desensibilizzazione del seno, del clito, e via così. Le problematiche nel corso degli anni sono fisicamente serie e quasi irreversibili.
Allora per avere un rapporto bdsm non c'è solo attrazione fisica anzi quella forse è un valore che passa in terzo o in quarto ordine.
In primo luogo occorre fiducia reciproca e questa si costruisce con il tempo.
In secondo luogo occorrono mutualità di intenti. Avere gli stessi scopi le stesse affinità di gusti altrimenti è inutile che ne so chiamare MDS per un approccio se non ti piace il pissing. Prima o poi ti tocca.
In terzo luogo occorre coerenza che è in questo caso, spesso un mix tra il primo ed il secondo punto. Se tizio o caia arrivano ti dicono che faranno questo e quest'altro, che sono così e cosà e poi non lo fanno e


non lo sono è inutile avere un bel culo!
In quarto luogo occorre dialogo, serio ed onesto altrimenti nessuno dei precedenti punti sarà mai esaudito.
Ecco, adesso siamo all'attrazione fisica ma che spesso è mentale. Perché una pancetta pronunciata crea attrazione? perché una cicatrice, il modo di sorridere, di guardare crea attrazione anche nelle persone meno belle? Perché l'attrazione non è solo fisicità. Certo che se vedi passare una bella topa per strada ti giri ma se poi a quella bella topa manca il quanto, quello per cui sopra, sempre che arriviate a scoparvi, probabilmente sarà una delle cose più sciatte che abbiate mai fatto.
Quindi superate la fisicità, superate i preconcetti ed imparate non solo le tecniche ma anche la "via", quell'anima che rende un rapporto vero e vivo e non una cosa sciatta e vuota come è capitato a me con persone false o come è capitato a voi senza che abbiate riflettuto prima per cosa cercate e chi siete veramente.


venerdì 1 febbraio 2013

Arti fotografiche le foto che amo Tim Rosier

Mi ricorda molto Tisbury ma ha dei grigi meno "argentati" e c'è qualcos'altro oltre il bdsm. In ogni foto, mi pare, ci sia quasi la ricerca di voler raccontare un'evoluzione della donna. Molto bello.


















Pagine di riferimento per trovare altri lavori (ed acquistare), le foto di Tim Rosier.