mercoledì 27 marzo 2013

L'amore per mastro

Stamattina in posta m'è arrivata questa immagine eloquente. Ovvio che ci ho fatto una succosa risata e siccome la vedo come una burla, ho deciso di metterla on line con la relativa risposta. Intanto credo di aver già descritto che cosa sia l'amore per me con due righe in un vecchio post, ma sto giro e dietro a quanto pubblicato ieri, ci metto pure questo video... ;).
Buona giornata B. :)













lunedì 25 marzo 2013

3458

Ovvia, ho voglia di scherzare un po' e a forza di girare son pure riuscito a rimediare questo mitico pezzo di "Berlinguer ti voglio bene". Per quel che mi riguarda il film non mi è piaciuto ma la disquisizione tra la donna e l'omo e tra la femmina ed il maschio, parecchio.
Non tanto perché abbia un senso ma per il livello cervellotico dei soggetti ai quali giornalmente spesso mi raffronto e si ritorna alla solita storia.
Richieste di contatto da effettuarsi nel prossimo futuro, insomma poco prima del 3458 perché effettivamente fino a quella data siamo tutti pieni d'impegni così impellenti da impedirci di avere una semplice conoscenza. Sarà che il tempo è poco, sarà che al 3458 c'è tempo ma a me viene sempre in mente una cosa e che sto bene così, non mi frega una mazza se ci siete o se non ci siete, sto beneeeeeee!!! Sto talmente bene che m'ammazzo dalle risate per tutto questo ehm... nulla.
Perché si parla di nulla, ci si incontra per nulla, si fissa per nulla, ci si chiede il telefono per nulla. Sono solo intenzioni, buoni propositi come al solito poi smash... si fa i conti con la vita. 


Pazienza, nessuno a fretta ed è così e da buon sorcino, anzi, da buoni sorcini dico che su quel carro con una persona ci sono salito, una bellissima persona che ho avuto il privilegio di incontrare e non importa se non ci raggiungete... non mi frega una mazza! Ci sono, ci siamo e va così... ne è valsa la pena anche se fosse stato per una volta sola. :)

Corso di non-bondage



Argomenti trattati:
Introduzione al non-bondage (come ci si può divertire senza fare corsi, comprare corde ed ottenere lo stesso scopo del bondage).
Perché fare non fare bondage.
Sicurezza senza corde e organizzazione del gioco.
Dalla parte di chi ha le @@ piene delle corde.
Non - legatura arto singolo
Non - legatura due arti
Non - legatura del busto
Non - legatura dei fianchi
Mille modi di poter legare con quello che capita in sicurezza se proprio volete legare.
Non - Ichinawa (non- legature con una sola corda),
Come partecipare: contatti sul blog :P
Si, è una presa per il culo. Mi sono rotto i maroni di sti corsi di bondage. Mi passano fino a sopra i recchi, ecco :).
Indi, portatevi la pulzella e datevi da fare :).

sabato 23 marzo 2013

Sakura 2013

E dopo aver parlato per diverso tempo di tecniche e di porcellate è pure il momento di rilassarsi un po' e dedicarsi allo zen.
Sta cominciando la fioritura dei ciliegi in Giappone. Qui, il primo albero a fiorire sarà il mandorlo e sta sbocciando, poi toccherà a loro.
In Italia non vi sono mappe della fioritura dei ciliegi da fiore ed in Giappone quest'anno è in anticipo. Non ci resta che godersela per immagini, filmati o riuscire a trovare un posto "fornito" di queste meravigliose piante.
https://lacinziaemotionseventi.wordpress.com/

La scopata in bocca, il sesso anale o lo squirting?

Cercare umiliazione? Naaaaaaaaa. Lungi da me. Chi vede in questa pratiche l'umiliazione, con tutto il rispetto non ha capito un cazzo.
Si tratta semplicemente di abbandono, in modi diversi ma è il quanto. Comunque sia, non ho mai ben capito cosa sia effettivamente più piacevole per una donna se fatto bene se il throat fucking, se il g spot, se il sesso anale.
Chiaro che a non tutte piace il pissing, come magari per chi non ha mai provato, non a tutte piace il ginger prima della penetrazione anale ma sono e rimangono comunque "possibilità" esplorative. Ovviamente i video sono porno, quindi c'è una spettacolarità. Nel primo caso, raccomando vivamente di non pensare semplicemente alla bocca ops, alla gola della "slurpina", ma di dedicarsi contemporaneamente anche alla sua fica :).
Il video del G spot è veritiero per gli effetti. Oddio, al secondo o terzo massaggio consecutivo c'è il caso che la "slurpina" ruzzoli dal letto, preparatevi ad afferrarla ed il terzo, beh il terzo è il sesso anale. Fatelo come vi pare l'importante è che usiate le raccomandazioni che già vi ho esposto nel post relativo.

Ah, dimenticavo.. visto che qualcuna non riesce ad usare le tags per ricercare i post "tecniche", vedrò di fare una pagina con gli argomenti così che magari vi viene più semplice.
We, non siate "pignoli", mi limito ad alcune pratiche di sesso e di bdsm senza andare nel troppo specifico perchè ad esempio, i video di "come usare un flogger", se ne trovano in rete e non mi piacciono. E' così tutto personale e relativo che il medesimo attrezzo su una persona o su un'altra, va usato in modo ed in "luoghi" oggettivamente troppo diversi.

Il messaggio è sempre lo stesso: divertitevi entrambi, non fatevi male, conta di più un'esplorazione e la scoperta reciproca che andare subito al sodo seguendo schemi comuni.

giovedì 21 marzo 2013

Galline e Salici

E' un periodo così e non capita a me ma a persone che conosco e che mi girano intorno e mi viene voglia di affrontare l'argomento.
Si tratta sempre di relazioni chiaramente e di nuovo cado su un esempio abbastanza semplice con una domanda: voi sinceramente pensate che il sesso che fate con una escort sia lo stesso sesso che fate con la vostra partner?
Se si, allora potete sicuramente saltare a piè pari il resto. Chiaro che chi si sceglie la escort lo fa in funzione della sua bellezza, dei cosa è disposta a fare ed il prezzo che siete disposti a pagare. Ciò non toglie che non vi sia profondità e che l'appagamento che ricevete dalla escort sia solo fisico. Magari è pure brava a farvi credere che si è innamorata di voi, che a voi ci tiene chiamandovi con i nomi e gli aggettivi che preferite o che vi mettono a vostro agio, ciò nonostante è spesso frutto di una pura illusione. Poche, pochissime, si innamorano sul serio di un cliente che rimane cliente fino a che paga.
Questo è lo specchio della vita, non c'è niente da fare. C'è un gallo e tante galline che girano intorno. Nel caso della escort le "galline" siete voi e fate le uova d'oro, lei cerca soldi il resto è relativo.
Nel bdsm il gallo è un uomo che "promette" unicità, che spesso non vuole rompimenti di coglioni dalle proprie "sottomesse" e che si arroga il diritto di fare quello che gli pare o quasi. Insomma, voi contate fino a che non rompete troppo i coglioni, fintanto che non cominciate a pretendere (sentimenti, soddisfazioni, attenzioni, tutto quanto fa relazione), ed in un attimo vi trovate ad essere le galline, chiamate quando vi serve, quando c'è tempo, quando c'è voglia di zompettare su quella gallina. Insomma, un niente.

Se poi vi trovate voi nel tempo libero a guardare culi, a chiacchierare a destra e a sinistra con il primo che passa, alla fine non fate altro che uniformarvi al pollaio. Non c'è niente oltre che delle belle parole e qualche orgasmuccio che passa così, come per magia.
Però se il top o il master o l'uomo vi becca, poi s'incazza. Già perché fino a che fa comodo va bene così. Insomma quando lo fa lui è tutto ok, quando il gallo viene ricambiato dalle galline, succede il finimondo e magari venite additate come zoccole. Si, perché lo siete e lo è pure lui e non importa chi sia effettivamente il maschio del "pollo".

C'è una morale in tutta sta faccenda. La prima è che chi non si sente un pollo e non vuole galline sceme da monta, appena sente puzza di gallina si da alla fuga e non importa se alla medesima poi dispiace, rimane il fatto che da donna si è trasformata in un volatile da "pappare".
La seconda è che se vi infilate in un pollaio, non potete pretendere che vi sia qualcosa di più che galline così come se vi infilate in un ovile, non trovate di meglio che pecore o capre. Il cane, quello che vi porta fuori e che vi controlla, spesso abita con il padrone ed ha un altro trattamento.
Il terzo e siamo al salice, è che alla fine spesso queste situazioni portano solo della tristezza, delusione e sconforto quindi il "piangente" ha una sua ragione.
C'è di più. Gli esemplari più belli dei salici, sono quelli femminili ed il loro nome latino è Salix Babylonica (il salice della babilonia), descritta fino dalla bibbia come un luogo in cui gli "abitanti avevano manie di grandezza" e che furono puniti da Dio, proprio per quella torre di babele che eressero per i loro Dei. Oddio, nella realtà fu Alessandro Magno a demolirla ma non è questo il punto.
Semmai che se vi infilate in un casino, pensate prima a quello che fate. "Perdete tempo" a costruire piuttosto che mirare a culi, ad apparenze ed a polli che la fine è sempre quella: galline sotto salici piangenti che cercano qualcosa che non troveranno mai.

Contorto? :)

venerdì 15 marzo 2013

Prova!



Bah!
Ti svegli una mattina ed è successo il finimondo e si torna li, sempre li. Quando rendi indietro quello che ti danno, la gente s'incazza o ne rimane delusa. Non capisco sinceramente. Seguito a non capire come si possa prima di tutto chiedere qualcosa e poi fare l'esatto contrario. Seguito perché ogni volta ne rimango deluso, profondamente e si parla di amicizia niente di più. Solo che è uno strano modo di fare questo qui.

Come fare a raccontarla senza scrivere un romanzo o dire dettagli che non voglio per non scoprire di chi si tratta? Non so manco questo ma  mi manca sinceramente un po' di sincerità ed ancora tanta coerenza. Perché, mi si accusa alle volte di fare di tutta un'erba un fascio anche quando non lo faccio perché non credo alla massa poi, l'accusatore fa esattamente questo?

Eppure ognuno di voi ha avuto le sue chances in individualità. La possibilità di presentarsi, di parlare, di esprimere la sua opinione, di raccontare le cose che nella vita gli vanno, quelle che no. Cosa lo/a rende felice, cosa invece lo/a intristisce. Quali siano i suoi desideri, le sue paure, dove va e dove è visto che si tratta di incontri. Poi ti rendi conto che quello che ti viene detto oggi, il giorno dopo o solo qualche ora dopo, non solo non vero, ma è l'esatto contrario. La maggior parte delle persone, quando vengono prese in castagna e chiedi spiegazioni, in genere si zittisce e sparisce dalla circolazione. Uno/a, due, tre, quattro e via così. Poi è chiaro che se qualcuno ti chiede un'opinione sul genere femminile o sull'amicizia arrivo a dire che sono deluso e parecchio.
E tanto per non fare un'erba un fascio c'è chi viene taggato dal mondo su fb che uso solamente per chiacchierare, ieri mattina, fa un bel post con un tag personale in cui invita a non taggarla più che si trova la bacheca piena. E che c'entro? Ne ho fatti due in tre mesi e altrettanti ricevuti nello stesso periodo dal medesimo soggetto. Siamo impazziti? No, è cosa comune. Un giorno siete normali con il buon giorno e buona domenica ed il successivo succede il finimondo... così! Passa un treno.
Un giorno ti contatta tizia, ti molla il nr di telefono, poi sparisce. Domandi se sta bene, se va tutto bene e risponde dopo una settimana. Nel frattempo seguita a postare articoli su articoli sul suo blog. Aspetti n'altra settimana, ridomandi come va e "manc pu' cazz" che qualcuno risponde. Nisba. Cortesia, zero. Chiudi ovviamente.
Il bello di questo mondo è che la gran parte delle "persone", mi correggo, dei soggetti che incontri sono quelli che cercano un master e poi tentano di costruirsi il tipo di rapporto che loro desiderano. sembra il mercato delle assurdità. "No, non mi frega come sei (ma se non sei strafigo, manco te la faccio vedere), io cerco un master ma voglio le coccole e questo e quest'altro e quest'altro e ancora questo e ancora quest'altro non lo farò mai."
Risultato: non ti resta che far finta di sculacciarla e si tromba e basta. Insomma, quasi una dominazione dal basso senza la dominazione.
Poi ci sono quelle che attaccano bottone e si ritirano a mezza strada che si accorgono che si fa sul serio. quelle che se non hai un set di corde e non vai ai munch, non sei un master. poi ci sono ancora quelle che pensano che basti una foto per capire chi hai davanti e quelle che vogliono unicità, poi la danno il lunedì a uno il giovedì ad un altro ed il fine settimana tra il marito e l'amante.
Ancora ci sono quelle che hanno una dotazione di attrezzi che un sexishop non ce l'ha in magazzino e non hanno mai avuto un'orgasmo legato ad uno squirting. Eppure, convinte, ti dicono che loro lo fanno ma che non vengono. Beh, "figlie mie", non avete capito un cazzo di come funziona la frittata. Potrete anche averla data a tre diversi la settimana, trombato in ogni posizione possibile ma non sposta il tutto di una virgola.

Quelle che ti chiedono una seconda prova in amicizia e che si mettono pure  piangere quando si accorgono che sono partite per prenderti per il culo (e che non gli frega se chiacchiarano con uno che comunque non è "a piedi"), che garantiscono che sono cambiate, che la loro vita è diversa, etc. etc... poi rifanno lo stesso, esattamente lo stesso se non peggio.
Quelle che per darsi un contegno dicono che a loro, non gli frega come sei, l'importante è che ti piaccia
Le ho dette tutte? Non credo ma è tutto un casino. Un casino serio dove la maggior parte dei soggetti cerca qualcosa ma non sa quel che cerca e siccome non sa manco chi è, pensa che basti un bel culo per combinare qualcosa.
Infine ci sono quelle che sono capaci di fare tutto questo nel giro di due giorni e pretendono pure di essere considerate esseri umani pensanti e con sentimenti.

domenica 10 marzo 2013

Draghi...

Un'amica dice di me: "se tra dieci modi giusti di dire una cosa, ce ne fosse uno sbagliato, tu di sicuro caschi sempre ed inequivocabilmente, quell'unico li. Ciò non toglie che quando parli, farloccate non ne dici affatto".
In effetti, i modi del drago sono da... Drago :P

sabato 9 marzo 2013

Gioco perverso - Indagine del cronista Marco Corvino

Habemus Papam. L'ho comprato! :P
Dopo la fatidica intervista, chiacchierata dello scorso anno, mi sono deciso. Adesso è da leggere! :P
Peccato che invece di ringraziare me caro Massimo, hai ringraziato un certo master de sade. Oddio, tra mastro e master c'è poca differenza e la sostanza è la stessa ma di certo ci sarà da qualche parte qualcuno che porta quel nick che gongolerà come una foca ingrifata :).
Vabbè, ridiamoci su e andiamo a leggerlo tutti assieme.


Contraddizioni


C'era nel mezzo una discussione sull'esperienza. Conosciamo una coppia che fa bdsm da pochi mesi ed è una coppia regolare in tutto e per tutto.
Ragazzi giovani, un po' alle prime armi per evidenti ragioni intrinseche ed entriamo nei dettagli. C'è un limite fisico a quello che si prova o si crede di provare. Spesso nasce da un equivoco totale ed anche questo non è colpa di nessuno, è semplicemente che siamo individui ed è facile capire fischi per fiaschi. Anche questo l'ho già scritto mi pare. Alessandro Baricco, scrisse una bellissima frase qualche anno fa: "E' uno strano dolore morire di nostalgia per qualcosa che non potrai mai avere". Adesso è girato come pensiero ma quando la trovai, fu in un blog del tutto regolare di un ragazzo che esprimeva benissimo questo concetto e che adesso ho problemi a ritrovare. Mi spiace, mi piacerebbe mettere il link e lo splendido discorso che articolò. Sicuro di non essere capace di fare altrettanto.

Bon, detto questo il concetto della frase è molto ampio. Tu ti innamori di qualcuno e pensi che questo sentimento sia "simile" al tuo. Tu pensi che lui o lei ti ami con lo stesso sentimento e modo che senti tu, poi ti accorgi che con gli anni questa cosa è diversa. E' il suo modo, diverso dal tuo e che non s'incastra mai con chi sei. Praticamente gli hai attribuito i tuoi stessi pensieri e sentimenti. Ecco perché quel "qualcosa che non avrai mai" e ecco perché é "sbagliato" sfuggire al confronto. E' chiaro che è difficile riuscire a capirsi sul serio ma evita profonde delusioni nel corso del tempo.
Ne parlavo ieri sera con un'altra amica a proposito della sua situazione ed è proprio questo il problema. In una coppia regolare, "ci può essere amore, complicità, ma non BDSM. Secondo me c'entra un pizzico di gelosia."
Tutto ciò lo condivido. Ora, non dico che questa non sia profonda ma bdsm e coppia sono due cose diverse, profondamente. Spiegarlo? Se chi legge il blog non l'ha ancora capito, difficile fare di meglio ma questo  è il quanto. Il rapporto top-bottom, non è lo stesso e non lo sarà mai. Sono diversi i livelli di sentimento, di vita, di situazioni, forse sono agli antitesi anche se in ogni rapporto c'è spesso un "dom". Vero, ho pure scritto che si può partire da questo per evolversi ma non ci trovo strada nel matrimonio.

Perché i "vecchi" continuano a sostenere che il 98% fa solo giochi di ruolo? Forse, veramente, bisogna solo provarlo per capire. Capire la differenza vivendola. Se c'è gelosia e non complicità, finisce tutto spesso a puttane.
Siamo come due lune che danzano in armonia intorno allo stesso pianeta in fondo, coscienti che entrambi sappiamo cosa e come lo facciamo. Così "se siamo convinti di quello che facciamo, non  ci tocca quello che pensano gli altri" e questo è uno sbaglio totale.
All'atto pratico rimango un osservatore, la mia mentalità è questa. Segue un metodo scientifico. Quindi se io ho ragione, deve esserci la prova, indipendentemente da me, che quello che dico è supportato. Ci sono coppie sposate che fanno bdsm? Non ne conosco nessuna che ha retto per più di qualche anno. Il rapporto diventa dialogo oppure odio ed insopportazione reciproca. Non ci vuole una capacità media di gestire le cose, ci vuole una capacità superiore alla norma per farlo. Il che non significa che non sia possibile ma solo talmente raro da essere di fatto, quasi impossibile.
Non c'è differenza o incoerenza in quello che dico o per lo meno non credo. C'è inoltre un'altro problema intrinseco nel "gioco", comunque questo sia. L'assuefazione e che è dovuta alla frequenza. Ogni droga funziona così. Se uno fosse capace di farsi un buco ogni sei mesi, probabilmente, non avrebbe danni. Qualcuno mi smentisca per cortesia. Con le sigarette, con l'alcool è lo stesso.
Giocare quotidianamente anche solo ad un gioco di ruolo spinto, può sicuramente portare ad una parafilia, a non essere più capace di vivere un rapporto tradizionale, a doversi far massacrare per provare la stessa sensazione, a non essere più capaci di capire dove sta il limite della ragionevolezza.
Per questo spingo chi mi chiama ad evitare da subito, preconcetti e piuttosto che un "ci si vede li", ad una più umana relazione del ciao come stai? Buon giorno, tutto bene, passata una bella giornata? E quando arriverà il momento, di potersi vivere in sicurezza ed senza sbafi che siamo prima di tutto un uomo ed una donna.
E' più importante il dialogo che scrivere sul proprio blog e se un giorno od una settimana ti dedichi alle relazioni piuttosto che a scrivere quello che hai sentito e vissuto ieri sera o come la pensi, fai in modo di rompere quel muro di "incomprensione" di cui parlavo poc'anzi. Fregatene se il mondo non legge il tuo di blog. Scegli tra la qualità della tua relazione e l'esibizionismo sentimentale o fisico e se poi cambi idea, come capita a tutti quelli liberi di testa, non è contraddizione, è spesso semplicemente crescita!
Se ci arrivate bene, se non ci arrivate, pace! :)


venerdì 8 marzo 2013

Festa della donna

Dovrebbe esserlo tutti i giorni.
Auguri sinceri a tutte voi. Che sia un giorno splendido e che duri una vita.



giovedì 7 marzo 2013

Problemi relazionali


E ci risiamo. Intanto buon giorno a chi c'è e a chi legge se ha voglia di farlo e sopratutto a chi capisce quello che diavolo scrivo.
Stamattina è di nuovo il turno di un'amica che mi chiama per un'amica che è in difficoltà e che ha perso la testa per una persona e attua dei gesti e dei comportamenti fuori della norma o per lo meno senza senso.
Tutti i giorni è  questa storia. O qualcuno messaggia o ci pensate da voi a rompere i coglioni sperando di trovare in una pseudo persona le risposte, la stabilità e la chiarezza che la vita non vi da. Quando siete a questi punti signore, l'unica cosa saggia che potete fare non è chiamare mastro ma è varcare le soglie di uno psichiatra e mi raccomando, non prendetela come un'offesa.
Andare a cercare una relazione qui sopra, senza conoscenza, senza dialogo, senza vera relazione e costruzione non vi porta da nessuna parte se non a creare altro casino interiore. Non avrete soddisfazione in un rapporto di letto se non per pochi minuti, non avrete stabilità e sicurezze perché non ce le avete, quelle che vedete nel vostro "compagno", sono solo illusioni che possono essere interpretati in milioni di modi e che dipendono solo dal vostro umore.
Cerchiamo di capirsi una volta per tutte, ho cercato di evitare quest'argomento per anni ma forse adesso serve. Una donna che subisce violenza, nelle parti basse ha gli stessi effetti di una donna che scopa con soddisfazione. La vagina si bagna, si prepara comunque a ricevere il membro del violentatore. Non sono stati rari i casi di donne che si sono colpevolizzate perché durante l'atto hanno comunque ricevuto piacere. La testa funziona in modo strano. Il cervello prepara comunque la vagina a ricevere quel membro ed il contatto è contatto. Fine, punto, basta. Stiamo parlando di istinto, di riflessi incondizionati e di situazioni in cui vi sono comunque dei conflitti interiori di grossa portata.
Se vi spogliate con chi non vi piace e non intendo fisicamente, ma con chi vi sentite a vostro agio, sotto probabilmente avrete la fica bagnata ma una voglia assurda di fuggire via.
Non dipende dalla fica, dipende dalla testa, dalla relazione che avete con il vostro partner e da cosa fate perché questa cresca e si evolva in meglio e la vista inganna. Il giudizio visivo, al quale noi ci appelliamo di primo tiro, è fallace perché superficiale. Si basa su concetti fisici ed estetici che poi non hanno nessun riscontro con l'eccitazione a lungo andare e manco sulla qualità del rapporto.
Non potete cercare master e dom da mettere in casa ed averci una relazione 24/7 perché la stessa relazione è il bisogno di soddisfare insicurezze che non riuscite a colmare.
Non potete chiedermi incontri, telefono oggi e poi dopo 20 giorni ancora non avete trovato il modo di passare una mezz'ora a chiacchierare serenamente e che anche se è riduttivo e limitato, per lo meno è un inizio. Se tanto meno, vedo che seguitate a postare sui vostri blog tutte le vostre porcellate, culi in aria, rapporti costruiti nella vostra fantasia. Arrivate pure a descrivere come lo vorreste nei particolari e se qualcosa non vi torna è colpa di chi avete davanti. Il punto è che i rapporti non si sa dove si fermano e dove vanno perché dipendono dagli altri e da come vuoi interagite con loro sempre che siate capaci di interagire e non di avere sempre e costantemente ragione!
C'è chi tra voi è stata così furrrrrba da pensare che se invece di cercare un uomo, cerco un master, così trovo pure anche una guida!
Non funziona. Ve lo ripeto, non funziona!!! Così aprite solo la porta verso emeriti stronzi che sanno interpretare segni così evidenti di instabilità e che spandete a piene mani e regolarmente cadete dalla padella nella brace.
Non esiste la possibilità che ci si possa relazionare così. A chiunque capiti una donna così o è uno che non gli frega una mazza e se è tanto, tanto passabile fisicamente vi da qualche botta e poi seguita a farsi gli emeriti cazzi suoi, oppure uno sano una domanda se la pone: "perché questa si mi si offre semplicemente perché gli sembro una persona affidabile e sicura di quello che fa".
Quello che in genere si scopre è sempre lo stesso, di nuovo lo stesso!
Che te ne fai di una persona così anche se ha due belle cosce e si fa fare di tutto durante un gioco? Se non gli piace come pensi, se non ha capito dentro di se che prima di buttarsi in un rapporto instabile ed estremo come questo, ci vuole prima di tutto stabilità interiore, non ne uscirete vive!
Quando scrivevo cosa volete? Volete fare una passeggiata o volete andare sulla luna? Per la passeggiata bastano un paio di scarpe e volontà di mettere i piedi l'uno davanti all'altro, per la luna no! Questa è la luna ma se continuate così vi trovate tutte a mettere i piedi nei posti peggiori e farvi male anche durante una semplice passeggiata. Il guaio è che volete andare sulla luna indossando solo il solito paio di scarpe all'ultima moda!!! E' una cosa stramaledettamente seria quello che vi dico. Dovete prima cambiare testa e approccio prima di tutto verso voi stesse, poi affrontare la luna!

E' stancante tutto ciò. Veramente stancante e disarmante sul serio. Innamorarsi di se stessi e degli ideali che vi siete costruite, purtroppo vi infila in un baratro più grosso del precedente. Non importa se godete mentre lo fate, ne uscirete o con le ossa rotte o non ne uscirete affatto.
Non è ne guardare o nel parlare con qualcuno pochi minuti che vi porta a vivere quello che cercate. Fate bene attenzione perché un costante senso di insoddisfazione non è dietro l'angolo ma è la costante che vi accompagna. Mi sbaglio? Non credo. Cercate risposte dentro di voi, il modo di trovare il senso delle cose, di addirizzare una vita che non c'è a cui manca qualcosa e non capite cosa. Volete appartenere, sentire questo bisogno di essere apprezzate per quello che siete, coscienti che valete qualcosa e pure tanto ma non riuscite a trovare durata e stabilità e avete una fretta boia di finire la vostra ricerca ma non ne trovate il bandolo.
Credete di più ai vostri occhi che alla pazienza.
Credete di più nella parola di un amico/a che vi garantisce che tizio è serio.
Credete di più ad un orgasmo che che alla sostanza del medesimo.
Credete di più in voi stesse che nella relazione perché avete paura.
Credete che chi sta sotto sia sub e chi cavalca sia dom.
Credete che basti pisciare in bocca a qualcuno/a o di avere in mano un frustino perché si faccia bdsm.
Sveglia!!! Non lo è e avete una stramaledetta paura di cedere a qualcuno che non vi meriti e che vi deluda di nuovo. 
Non vi preoccupate, è quel che vi tocca. Pochi mesi, qualche annetto di illusioni e la consapevolezza di nuovo di non essere niente arriverà perché alberga dentro di voi e non si può scappare da noi stessi.
Tuono? No, assolutamente no. Mi auguro che questo vi serva una volta ancora a decidere che cazzo fare dei vostri momenti liberi purché non mi rompiate i coglioni con lingerie e proposte vuote e senza senso che di imbecilli è pieno il mondo. Se ne fate una siate disposte ad ascoltare prima di parlare!
Non c'è altro e non se ne esce. Se non capite il senso di quello che vi dico per lo meno cominciate di nuovo dal "buon giorno, come va oggi?" oppure di nuovo, rivolgetevi al medico di fiducia che vi saprà indirizzare verso psichiatra o sessuologo che sia che meglio vi si confà.


Buona giornata.




mercoledì 6 marzo 2013

martedì 5 marzo 2013

Ma le donne dove stanno?

E ci risiamo?
Di nuovo?
Ma che due coglioni m'avete fatto proprio :). Si, dico a voi, Signore in generale. A chiedere informazioni su tizio e Caio e poi prendere legnate nel muso e venite da mastro a leccarvi le ferite.
Lo ridico. MAI avuto minor considerazione del genere femminile da quanto sono qui.
Fate di tutto per rompere i coglioni chiedendo relazioni ma come vi pare a voi. D'altra parte di qua non c'è nessuno, è no!
Fate di tutto per chiedere un incontro, poi sparite, senza manco proferir parola.
Fate di tutto per chiamarmi, per chiedere consigli, qualcuna mi ha pure eletto a punto di riferimento poi però non credete a quel che dico.
Vi spogliate, pretendete e non date un cazzo!

Vi dipingete in un modo, poi i fatti dimostrano che siete tutte il contrario.
Capitela teste d'utero. Gli uomini non ragionano con l'uccello, lo fanno i maschi  e di quelli è pieno il mondo. Gli uomini ragionano con la testa e con il cuore e se vale la pena usano anche l'uccello, altrimenti preferiscono farsi una sega che viene pure meglio di come la fate voi.

Volete il master dei miei coglioni, andate alle feste, vi invitano di qua, di là poi non  siete soddisfatte della pochezza che trovate.

Vi siete MAI chieste cosa diavolo date voi?
No è, altrimenti non sareste qui. L'ho già detto e ridetto. Chi è con me lo sa perché c'è e sa che importanza ha nel mio cuore e nella mia testa. Non importa che scriva qua su chi è, cosa è, che sento e via così. Sto bene come sto e quando le cose cambieranno, .lo saprete pure semmai lo faranno!
Avete rotto i coglioni di anno in anno, di tutte ste manfrine vuote come le vostre anime. Mi spiace ma non credevo che avrei mai pronunciato queste parole ma avete tutte, anzi quasi, fatto di tutto per farmele dire.

Ficcatevelo di nuovo nella zucca, una volta sventolato il fazzoletto per dire. "sono qui, sono qui", se volete la differenza dovete essere pronte a dare la differenza, costi quel che costi.
La ricerca di un rapporto giusto richiede tempo, sofferenza, delusioni ed una gran capacità di fare autocritica e da questa migliorarsi. Coraggio, tanto coraggio, che spesso ci si dice che non si ha più voglia a causa della pochezza che si trova.
Buona serata.

Ridotti ad una cosa


E' possibile che si riduca tutto a culo, fica, frusta, troia, porco, sbattimi e succhiamelo e che cortesia, dialogo e "umanità" siano così distanti dal modo di pensare di tante persone?
Sono io quello "sbagliato" o c'è qualcosa che non va in questo modo così superficiale e talmente asettico da risultare disgustoso ai miei occhi?

Un amico poco tempo fa mi fece notare come "cortesia" sia l'essenza del Giappone ed ovviamente, visto che non smetto mai di imparare, mi domando il perché di tutta questa ostentatezza quasi maniacale con un modo di fare che funziona esattamente all'incontrario del nostro. Così ho trovato on line questo piccolo racconto sulla cortesia in un blog di un italiano che ha deciso di vivere in quel paese.
Ecco il pezzo.

"Per la serie “brevi pillole”, quest’oggi parlo di cortesia giapponese. Argomento spinoso e contorto, che sicuramente non sono nemmeno in grado di affrontare, ma che nasconde un mondo di cui probabilmente si può anche evitare di sospettare l’esistenza. In pratica, tutta la cultura giapponese è centrata sul far sentire l’altro a proprio agio, eseguirne le volontà ed evitare l’imbarazzo, e da questi punti fondamentali si sviluppano una serie di comportamenti che potrebbero sembrare astrusi, ma che hanno una loro (perversa) logica dietro.
Esempio pratico: le porte dell’ascensore si stanno chiudendo, si intravede una signora che sta correndo verso l’ascensore, premo il tasto per evitare che si chiudano e la signora entra. Adesso arriva il quesito: cosa dirà la signora?

Io pensavo che potesse dire “arigatò” (cioè, grazie), ma ha in effetti detto “sumimasen” (cioè, scusa), ovviamente inchinandosi per esprimere il suo dispiacere. Dunque, al posto di ringraziarmi perché mi ero “sforzato”, ha preferito esprimere le sue scuse per avermi “costretto” a questo atto di cortesia verso di lei con il suo comportamento. Il che, a pensarci bene, è sì raffinato ma anche, in un certo senso, meno immediato, e richiede un po’di adattamento…

Ecco, io ho sempre pensato di avere un tipo di sensibilità giapponese per questo tipo di cose, ma ora vedo che ho ancora molto imparare…! Trovo affascinanti i mille piccoli accorgimenti che i giapponesi adottano come conseguenza naturale della loro filosofia di vita, come ad esempio il momento della consegna del resto (otsuri) nei negozi “tradizionali” (ad esempio, le catene commerciali di stile occidentale non lo adottano). La cassiera (o il cassiere, ma vedo che, a giudicare dalle proporzioni, qui è considerato come un lavoro da donne), prima di consegnarlo, conta le banconote che le hai dato ad alta voce, dicendoti quanto “ha ricevuto” (usando tra l’altro un verbo che vuol dire “ricevere dall’alto”, e che si usa per le grazie divine e cose del genere); poi ti annuncia ad alta voce il resto; poi conta il resto davanti ad i tuoi occhi ed infine, momento clou, mette il resto su un vassoietto (generalmente di lacca o di pelle) molto elegante e te lo porge inchinandosi. Ho chiesto alla mia “guida spirituale” di questo e lui mi ha detto “In fondo, il resto che il commerciante ti porge appartiene già a te, ed è nelle ‘mani sbagliate’; dunque, il minimo che possa fare per restituirti quanto ti spetta e possiede in maniera indebita è di porgertelo con il massimo del rispetto”. Inutile dire che non arrivo a queste sottigliezze.
Insomma, penso che questo non sia l’ultimo post sulla cortesia che scrivo, visto che ci sono spunti in abbondanza! Quindi, prima o poi, un altro ne capiterà, sempre se questo primo vi è piaciuto…
Mata ne!"

Ma c'è altro, da un'altra parte, un italiano che vive a Fukuoka che fa questa riflessione: "In Giappone e a contatto con i giapponesi ho capito che noi italiani non siamo più abituati alla “cortesia”, ad utilizzare con naturalezza, senza sentirci in qualche modo prostrati, parole come “grazie” o “scusa”. Tutto ciò non e’ per i giapponesi, come spesso si insinua in Occidente, soltanto una serie di formule vuote e di cortesia; sono invece strumenti “vivi”, desiderio “normale” e comune di un quieto vivere, di un’armonia spontanea, di un più facile e meno traumatico relazionarsi con l’altro da sé."


E questo mi torna. S'è perso l'anima delle cose e la bellezza di una relazione prima di conoscenza, poi di esplorazione ed infine anche di complicità che non necessariamente deve sfogare in un rapporto di sesso. Il piacere nasce dalle piccole cose, l'interesse per il dettaglio ed allora guardando in grande, troveremo il mondo più affascinante di come ci sembra a prima vista. Qualcuno potrà obbiettare che ho preso dei pezzi che mi sostengano e che sicuramente sono di parte e forse è pure così, ma rimane il fatto che qualcuno ci ha chiamati: "sapiens" e che alla fine significa solamente, sapiente, erudito, che conosce la ragione delle cose. Basta perché sia "uomo"?

Dotto ed erudito è anche un pc opportunamente istruito. Basta la conoscenza tecnica perché sia "homo sapiens"? Non credo proprio.

Allora il mascherarsi dietro ai silenzi, l'evitare il dialogo, il piacere dell'approfondimento e la socializzazione riducendo il tutto ad un mascherarsi dietro ad un bel corpo, ad una bella lingerie, alla spersonalizzazione di se attraverso un blog, un profilo di fb farlocco, un "quel che vi pare" che si può attuare in rete, basta a rendere fattibile una "storia"?
Per me è solo timore di se, di non sapersi relazionarsi che basta solamente un sono una troia, mi piace prenderlo nel culo, sono decisa, sono "spinta" e pure tanto manca di quella sostanza che ripeto, si chiama empatia. Il che non confondersi come ha fatto qualcuna, con la capacità di emozionarsi. L'empatia è decisamente qualcos'altro e che ci fa discernere spesso tra il bene ed il male, che rende possibile capire gli altri ed allo stesso modo, non trincerarsi dietro quello che è solo egoismo e semplicità sentimentale. Mi viene in mente quel prefetto donna di cui non ricordo il nome che fingeva di piangere sulle macerie del terremoto.

Ecco.



domenica 3 marzo 2013

Attrazione fatale

Ieri m'è passata davanti questa pagina di Notipedia e chiaramente m'ha fatto riflettere su quello che ho postato e che già sapevo. Ve lo ripropongo in modo integrale con un copia ed incolla pur essendoci il link, così da non uscire da questa pagina ed evitare le pubblicità presenti nel sito nonché un fastidioso redirect che chiude la pagina aperta e vi porta su un seguici su facebook. Premesso che la scienza non ha sempre un valore assoluto e non ha sempre ragione dategli il peso che trova perché tra qualche anno, scientificamente, queste affermazioni, con una probabilità del 90%, verranno contraddette o modificate.

I 5 insospettabili fattori che determinano con chi andrai a letto


Cari, dolci, romantici amici di Notipedia. E’ giunto Marzo ed ormai la primavera è quasi alle porte, posso sentirla quasi bussare. Percepite anche voi nell’aria che qualcosa comincia a risvegliarsi? A parte l’allergia, ovviamente. In ogni caso, vale la pena rimboccarsi le maniche e darsi da fare: spesso piccole fulmini, relazioni nate sotto la dicitura “una-botta-e-via”, possono trasformarsi in bellissimi rapporti di lunga durata. Ma cosa fa realmente scattare la scintilla? E’ il modo in cui parla? Quel bel sorriso a mille denti? Il fatto che guida una Lamborghini? La scienza ci spiega oggi che esistono dettagli chimici e psichici, all’apparenza addirittura insignificanti, che in realtà determinato quasi totalmente di quale persona ti innamorerai. Al bando le frasi romantiche e le cortesia da dolce stil novo, la scienza dice che.. 


5. Paura
Frase romantica: "Se due persone sono destinate a stare insieme, possono incontrarsi ovunque".

Ma la scienza dice che: immaginiamo questa situazione: passeggi tranquillamente in città quando all'improvviso  in un vicolo stretto e buio, ti si para dinanzi un leone inferocito, affamato e pure leggermente incazzato. Come reagisci? Probabilmente la paura trasforma il tuo cuore in un tamburo impazzito e corri via. Beh, secondo la teoria del Juke-Box cognitivo non accade esattamente questo: le emozioni (come la paura del leone) non comandano i nostri stati fisiologici (il battito del cuore). Accade piuttosto il contrario, ovvero: istintivamente il nostro corpo prova una sensazione spiacevole (il cuore batte all'impazzata , ma solo successivamente il cervello deciderà che nome attribuirgli (ho avuto paura del leone/ero in ritardo/avevo dimenticato il gas aperto). In pratica scopriamo solo in un secondo momento, con calma, che emozioni abbiamo provato. Ma se è veramente così, allora è anche possibile “camuffare” gli stati fisiologici con emozioni differenti? E se al posto della paura si tentasse di educare il cervello a provare attrazione sessuale? Partendo da queste basi i ricercatori Donald Dutton e Arthur Aron diedero vita ad un interessante esperimento, condotto sopra due ponti sospesi. Il primo ponte era una passerella instabile sospesa a 60 metri da terra, mentre il secondo era molto solido e ben posizionato. Su entrambi i ponti c’era una intervistatrice che chiedeva a dei volontari di compilare un questionario prima dell’attraversamento e, successivamente, metteva a disposizione il proprio numero di telefono per chi avesse voluto contattarla. Risultato? I ragazzi del ponte più alto contattarono con una maggiore frequenza la ricercatrice. Se il cuore ti sta battendo forte allora chi incontri risulta più attraente? Sembra proprio così! Per cui se vuoi fare colpo è meglio portare la persona a vedere un bel film horror piuttosto che la solita commedia italiana.


Non è del tutto vero o meglio, c'è altro. Bisogna sapr creare emozione ma anche la capacità di far affrontare quell'emozione. La paura è paralizzante. Da esperienze di arti marziali, so che ci sono delle persone che affrontano il karate solo nei kata (combattimenti simulati fatti di forma e teoria da affrontarsi da soli o in squadra ma che non hanno nessun contatto fisico), e persone che come me, i kata non davano emozione e che preferivano il kumite (combattimento), dove la forma va decisamente a farsi fottere e si passa alla sostanza. Qui non si tratta di ammazzare nessuno ma studiare le arti marziali, significa anche sapere in quanti modi si può uccidere o venire uccisi e far di tutto per evitare di farsi male o fare male a qualcuno. Vi ricorda qualcosa? C'è qualche analogia con il bdsm? ;)
Bene, Detto questo, chi fa kumitè, caratterialmente ha bisogno di una dose di ormoni elevata che la paura provoca perché questa è emozione. Chi fa kata, non riesce a sopportare lo stress e la paura. Quindi è inutile che si cerchi di spingere qualcuno a superare la propria paura se non ingannandola e solo fino ad un certo punto, dopodichè se hai paura di affrontare un combattimento, probabilmente hai anche paura a vivere un incontro normale, figuriamoci poi uno di bdsm. Alla fine c'è sempre il momento dove le parole di conoscenza e d'intesa finiscono e si passa alla sostanza. Per questo è difficile entrare sul serio nel bdsm e ci si ferma al sesso estremo o ai giochi di ruolo. E' altrettanto vero che se ci entri nel modo giusto, con tutta probabilità non se ne potrà uscire perché quelle emozioni sono talmente forti da non poterne fare più a meno. Non parlo di sensazioni fisiche, parlo di sensazioni interiori. Il fisico è solo una parte del "gioco", così come il sesso, le fruste e via così.


4.  Il Colore Rosso
Frase romantica: “Non importa quello che c’è fuori, ma quello che c’è dentro”.

Ma la scienza dice che: questa notizia rientra a pieno titolo nel novero delle frivolezze alla cui base vi è uno studio scientifico rigidissimo ed autorevole. Secondo due insigni psicologi dell’Università di Rochester, Adam Pazda ed Andrew Elliot, un uomo percepisce come immediatamente più attraente, a prescindere dalla gradevolezza dell’aspetto fisico, una donna che indossi un abito o un accessorio rosso. Come a dire: siamo finalmente di fronte alla prova inconfutabile che “rosso uguale passione”. Decisamente curioso il test sul quale gli studiosi hanno basato la loro ricerca: in sostanza si chiedeva a un campione selezionato di 96 uomini di assegnare un voto ad alcune donne, mostrate loro in foto con addosso abiti di vari colori, precisando anche quanto sarebbero stati disposti a spendere in caso di appuntamento galante con le signore in questione. Risultato? Non solo quelle vestite di rosso hanno ricevuto un apprezzamento maggiore in termini di fascino (pur essendo le stesse che comparivano abbigliate di giallo o verde in altre foto) ma sono riuscite anche ad ottenere dagli uomini sotto osservazione gli ipotetici regali più costosi. Ma il rosso non fa impazzire solo gli uomini: “Anche le donne sono più attratte dagli uomini in rosso, ma per ragioni differenti – afferma Elliot – socialmente è attribuito a questo colore un significato dominante.” Per giungere a tali conclusioni, i ricercatori hanno coinvolto nel loro studio un campione di donne invitate a vedere delle foto in bianco e nero di alcuni uomini e a esprimere un giudizio usando una scala da 1 a 9; ogni foto era incorniciata con un colore diverso. Ebbene, il voto all’attrattività degli uomini raffigurati in foto incorniciate di rosso è risultato mediamente superiore di un punto.


Siamo tori? :) vero, ci sono colori preferiti ma rimane un fatto personale. Vero è che il colore rosso è uno di quelli caldi, come l'arancione, ricorda il fuoco, il calore e per associazione d'idee, la passione e l'ardore ma è questione di abiti? Vale anche per i capelli? ,)
Si dice che una donna bionda dia l'idea di una persona più "sfacciata" a letto ma rimane un'idea. Ci sono studi sulla cromoterapia ma è anche vero che i colori sono un fatto culturale. Ok, non ho memoria per i nomi quindi cito letteralmente un casino. Avevo visto tempo fa un servizio su una tribù che non aveva semplicemente contemplato un colore nel loro linguaggio. Non mi ricordo ovviamente di quale colore si tratta ma per fare un esempio è come dire verde e blu, rimane verde. Giallo e arancione, rimane Giallo. Com'è quindi possibile che qualcuno non "veda" la differenza cromatica di un colore e lo chiami nello stesso modo? Il giallo non è uguale all'arancione e manco al rosso. Ci sono persone che il verde non lo sopportano (io), e gli occhiali da sole devono tendere al marrone altrimenti non li portano.
Insomma oltre che ad un livello personale di "tollerabilità", c'è un fatto culturale che fa cadere in errore e la differenza è tra una scelta oculata o subire l'effetto anche inconsapevole, dei nostri modi di pensare sbagliando partner. 


3. L’orecchio giusto
Frase romantica: “Non importa quello che dici, per me sarà sempre la cosa giusta”.

Ma la scienza dice che: la ragione per cui hai accettato di uscire con quella persona? Beh, ovvio! Ti piace, è simpatica e veste bene. E se invece dipendesse da altro, come ad esempio l’orecchio nel quale ti ha sussurrato “Facciamo due passi”‘? È il right ear advantage (il «vantaggio dell’orecchio destro). Un curioso articolo del Telegraph riporta il risultato di una ricerca svolta presso l’Università di Chieti. Il team guidato da Luca Tommasi e Daniele Marzoli ha rilevato che le persone sono più propense a svolgere un’attività se questa viene richiesta rivolti verso l’orecchio destro. La spiegazione è semplice: le informazioni ricevute dalla parte destra del corpo vengono trasformate dal lato sinistro del cervello, l’emisfero della logica, il più adatto a decifrare le informazioni verbali. I ricercatori hanno osservato il comportamento di centinaia di persone in tre diverse discoteche della città. A tutti veniva indirizzata una richiesta precisa: una sigaretta. Ebbene, delle 286 persone coinvolte nell’esperimento – svoltosi in una nota discoteca di Pescara – quelle che ascoltavano dall’orecchio destro erano più propense a offrire la sigaretta (o altro) al proprio interlocutore. ”La ricerca conferma l’ipotesi della specializzazione tra destra e sinistra degli emisferi celebrali - hanno detto i ricercatori – e possiamo notarla anche quando le persone usano il telefono: la maggior parte risponde posizionando la cornetta sull’orecchio destro“.

Ecco, anche in questo caso si arriva ad una relazione per un sussurro! E' strano, pensavo che prima di arrivare ai sussurri negli orecchi, ci volesse attrazione. Davvero strano! :)

2. La chimica dei baci
Frase romantica: “Il bacio è un apostrofo rosa”

Ma la scienza dice che: perché ci innamoriamo di una persona e non di un’altra? Si tratta di un fatto puramente istintivo? A queste domande ha risposto una professoressa americana, Helen Fisher, antropologia fisica all’Università del Colorado, dopo aver condotto una ricerca durata dieci anni. “Proviamo a descrivere il nostro partener ideale – scrive la nota studiosa americana – in pochi minuti elencheremo una serie di qualità fisiche o caratteriali. Ma il segreto sta principalmente nella chimica”. Lo studio, condotto con la collaborazione del noto sito americano Chemistry.com, ha dimostrato che nel nostro cervello quattro principali ormoni regolano il nostro carattere:

Dopamina: persona curiosa, energica ed ottimista
Serotonina: carattere calmo, cauto e prosociale
Testosterone: persona competitiva e calcolatrice
Estrogeni: carattere intellettuale, sensibile ed empatico

Ed è la corrispondenza di questi elementi che determina il successo di una coppia. Ma non è tutto! Persino una storia d’amore può essere analizzata, nel suo svolgimento, secondo le regole della chimica. L’amore romantico sarebbe, infatti, legato alla produzione di dopamina: si inizia a non dormire, a perdere peso, a pensare continuamente all’altra persona. Nella passione invece è coinvolta la feniletilamina che produce un vero e proprio senso di esaltazione ed aumenta le prestazioni psicofisiche. Provoca assuefazione e se viene a mancare, scatena una depressione da astinenza. La terza fase dell’amore è quella dell’attaccamento a lungo termine, favorito dall’ossitocina, famigerato ormone prodotto dall’ipofisi. In una università americana si è costatato che somministrando ai topi maschi ossitocina questi contribuivano a costruire il nido e a proteggere la prole; se si bloccava la produzione dì questo ormone, invece, divoravano i figli.  ”Ci sarà sempre la magia di amare – commenta la Fisher – ma la conoscenza è potere!“


Questa invece comincia ad essere la parte fondamentale di un'attrazione. Non dimentichiamoci anche dei fermoni, argomento già trattato nello squirting o ejaculazione femminile. Poi chiaro che c'è anche la vista ma non c'entra un cazzo la vista di un bel culo se, scusate, quel culo non vi tiene duro l'uccello anche perché quel culo non è solo un culo! Ho detto troppe volte culo? Lo amo, non importa, attaccato al culo c'è il resto che è una donna e non importa se grosso, magro, secco, fatto male. Non importa!!!
Tutto questo "ragazzi", significa veramente capire o tentare di farlo, i meccanismi dell'attrazione e di non subirli in funzione di un'apparente vestito o colore o forma fisica. Significa dal passare a subire la propria natura ad avere la coscienza di se.


1. Tempismo
Frase romantica: “Sarà il destino a dirti quando arriverà il momento giusto!”.

Ma la scienza dice che: il fatto che tu venga piantato in asso o riesca a fare centro con una ragazza può essere determinato esclusivamente dal giorno del mese in cui la incontri.  Ogni mese il corpo femminile femminile fa partire la tanto celebre macchina-sforna-figli, rilasciando un uovo fertile che, con un po’ di (s)fortuna (dipende dai casi) un uomo riuscirà a fecondare. Per aumentare le sue chance, il corpo femminile subisce un’altra serie di piccole variazioni: aumenta le dimensioni del seno, la voce diventa più acuta e rilascia nell’aria una scia di feromoni particolarmente invitanti per i maschietti. E’ questo il momento del mese ideale per fare centro ma, soprattutto, sono i giorni in cui una donna risulta praticamente irresistibile. Secondo uno studio condotto da  Charles Wysocki del Monell Chemical Senses Center di Philadelphia, le donne in ovulazione risultano molto più attraenti delle altre. Per giungere a questa conclusione  Wysocki ha analizzato il comportamento dei frequentatori di 20 strip-club disseminati negli USA. La scienza è anche questo. Il risultato? Le donne in ovulazione ricevevano una “mancia” (rigorosamente infilata negli slip) in media di 75$. Decisamente superiore a quella ricevuta dalle donne con il ciclo, 25$, e dalle colleghe “normali”, 40$. Ma non è tutto! Se da un lato l’ovulazione rende le donne più attraenti, dall’altro riduce la severità che queste dimostrano nel giudicare un potenziale partner. Insomma, una combinazione esplosiva!

Tempismo non è solo ovulazione. Il desiderio si manifesta in qualsiasi momento. Dire no, o ammazzare il medesimo scopando solo per se e non pensando al partner, significa "ucciderlo". Meditate, gente, meditate :)