sabato 9 marzo 2013

Contraddizioni


C'era nel mezzo una discussione sull'esperienza. Conosciamo una coppia che fa bdsm da pochi mesi ed è una coppia regolare in tutto e per tutto.
Ragazzi giovani, un po' alle prime armi per evidenti ragioni intrinseche ed entriamo nei dettagli. C'è un limite fisico a quello che si prova o si crede di provare. Spesso nasce da un equivoco totale ed anche questo non è colpa di nessuno, è semplicemente che siamo individui ed è facile capire fischi per fiaschi. Anche questo l'ho già scritto mi pare. Alessandro Baricco, scrisse una bellissima frase qualche anno fa: "E' uno strano dolore morire di nostalgia per qualcosa che non potrai mai avere". Adesso è girato come pensiero ma quando la trovai, fu in un blog del tutto regolare di un ragazzo che esprimeva benissimo questo concetto e che adesso ho problemi a ritrovare. Mi spiace, mi piacerebbe mettere il link e lo splendido discorso che articolò. Sicuro di non essere capace di fare altrettanto.

Bon, detto questo il concetto della frase è molto ampio. Tu ti innamori di qualcuno e pensi che questo sentimento sia "simile" al tuo. Tu pensi che lui o lei ti ami con lo stesso sentimento e modo che senti tu, poi ti accorgi che con gli anni questa cosa è diversa. E' il suo modo, diverso dal tuo e che non s'incastra mai con chi sei. Praticamente gli hai attribuito i tuoi stessi pensieri e sentimenti. Ecco perché quel "qualcosa che non avrai mai" e ecco perché é "sbagliato" sfuggire al confronto. E' chiaro che è difficile riuscire a capirsi sul serio ma evita profonde delusioni nel corso del tempo.
Ne parlavo ieri sera con un'altra amica a proposito della sua situazione ed è proprio questo il problema. In una coppia regolare, "ci può essere amore, complicità, ma non BDSM. Secondo me c'entra un pizzico di gelosia."
Tutto ciò lo condivido. Ora, non dico che questa non sia profonda ma bdsm e coppia sono due cose diverse, profondamente. Spiegarlo? Se chi legge il blog non l'ha ancora capito, difficile fare di meglio ma questo  è il quanto. Il rapporto top-bottom, non è lo stesso e non lo sarà mai. Sono diversi i livelli di sentimento, di vita, di situazioni, forse sono agli antitesi anche se in ogni rapporto c'è spesso un "dom". Vero, ho pure scritto che si può partire da questo per evolversi ma non ci trovo strada nel matrimonio.

Perché i "vecchi" continuano a sostenere che il 98% fa solo giochi di ruolo? Forse, veramente, bisogna solo provarlo per capire. Capire la differenza vivendola. Se c'è gelosia e non complicità, finisce tutto spesso a puttane.
Siamo come due lune che danzano in armonia intorno allo stesso pianeta in fondo, coscienti che entrambi sappiamo cosa e come lo facciamo. Così "se siamo convinti di quello che facciamo, non  ci tocca quello che pensano gli altri" e questo è uno sbaglio totale.
All'atto pratico rimango un osservatore, la mia mentalità è questa. Segue un metodo scientifico. Quindi se io ho ragione, deve esserci la prova, indipendentemente da me, che quello che dico è supportato. Ci sono coppie sposate che fanno bdsm? Non ne conosco nessuna che ha retto per più di qualche anno. Il rapporto diventa dialogo oppure odio ed insopportazione reciproca. Non ci vuole una capacità media di gestire le cose, ci vuole una capacità superiore alla norma per farlo. Il che non significa che non sia possibile ma solo talmente raro da essere di fatto, quasi impossibile.
Non c'è differenza o incoerenza in quello che dico o per lo meno non credo. C'è inoltre un'altro problema intrinseco nel "gioco", comunque questo sia. L'assuefazione e che è dovuta alla frequenza. Ogni droga funziona così. Se uno fosse capace di farsi un buco ogni sei mesi, probabilmente, non avrebbe danni. Qualcuno mi smentisca per cortesia. Con le sigarette, con l'alcool è lo stesso.
Giocare quotidianamente anche solo ad un gioco di ruolo spinto, può sicuramente portare ad una parafilia, a non essere più capace di vivere un rapporto tradizionale, a doversi far massacrare per provare la stessa sensazione, a non essere più capaci di capire dove sta il limite della ragionevolezza.
Per questo spingo chi mi chiama ad evitare da subito, preconcetti e piuttosto che un "ci si vede li", ad una più umana relazione del ciao come stai? Buon giorno, tutto bene, passata una bella giornata? E quando arriverà il momento, di potersi vivere in sicurezza ed senza sbafi che siamo prima di tutto un uomo ed una donna.
E' più importante il dialogo che scrivere sul proprio blog e se un giorno od una settimana ti dedichi alle relazioni piuttosto che a scrivere quello che hai sentito e vissuto ieri sera o come la pensi, fai in modo di rompere quel muro di "incomprensione" di cui parlavo poc'anzi. Fregatene se il mondo non legge il tuo di blog. Scegli tra la qualità della tua relazione e l'esibizionismo sentimentale o fisico e se poi cambi idea, come capita a tutti quelli liberi di testa, non è contraddizione, è spesso semplicemente crescita!
Se ci arrivate bene, se non ci arrivate, pace! :)


Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)