Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

giovedì 30 maggio 2013

Essere o non essere, questo è il dilemma

Non si trovano molte porno attrici nordiche,
chissà come mai.
Si ok, prendo spunto dai post che leggo e dalle situazioni che vivo o dalle esperienze confidate. Ovviamente ci sono dei blog di persone che mi piacciono e che seguo particolarmente, quindi magari è più facile che trovi spunto spesso dai soliti.
I commenti che ho letto ieri su "La rossa" m'hanno fatto tornare indietro di una trentina d'anni abbondante. Già, sono vecio ed è una vita fa se non due. Il mio primo viaggio all'estero fu in nord europa, avevo 16 anni e mi cambiò la vita. Viaggio organizzato per poi aver fatto amicizie particolari, fino ad avere convivenze in vikingonia. Ovviamente non dico tutto a meno che non voglia anche scrivere il mio indirizzo completo nel blog, cosa che vorrei evitare.
La cosa che più mi colpì in assoluto fu la libertà sessuale che vi trovai. A quell'età ed in quei tempi erano incomparabili a cominciare dall'educazione sessuale nelle scuole. Possedere un vibratore non era drammatico anzi, dipendeva molto dalla disponibilità economica ma trastullarsi solo con le dita alle volte non è soddisfacente. Esperienze gay di molte ragazze che alle volte preferivano farlo in tre. Nessun timore o quasi nel mostrarsi nuda, nel chiedere o nel dare o nello sperimentare. Nella non gelosia dell'amica presente e quindi nessun odio verso il proprio sesso, cosa abbastanza comune qui che ci sono un sacco di persone a cui piacerebbe farlo con una donna ma l'incomodo "deve essere niente", l'oggetto di piacere di una notte. Spesso  già a 16 anni vivevano per conto loro e se andavi in casa dei genitori, avevi la tua stanzetta e ci davi dentro senza che nessuno si scandalizzasse, anzi bussavano. Io non so cosa succede adesso qui ma all'epoca era praticamente impensabile.
C'era un'altra cosa che piano, piano cominciò ad infilarmi in testa. I peli. Ho scoperto li la fissa dei peli e queste donne ne avevano pochi, mentre le italiane se non erano depilate qualche ora prima e gli accarezzavi le gambe controverso, sembrava di toccare il viso di un uomo. Si dice nel mondo che la donna danese sia la più bell'amante del mondo ed al contempo la peggior madre del mondo. Ci sarà una ragione anzi, più di una e le conosco tutte anche se non voglio scrivere un romanzo o fare paragoni che ognuno è un individuo distinto e separato. Per una nordica un no è un no, un si è un si e non come qui che un no è un forse, ma vedi che e forse dipende da ed un si spesso solo a certe determinate condizioni che cambiano a seconda dell'ora e del giorno. Tutto più semplice, chiaro, evidente, sincero e sopratutto, meno atteggiato. Qua per imbroccare se non avevi il vestito alla moda o uno strafigo, non eri nessuno. Li le persone ti guardavano per quel che eri e non per quello che sembravi. Ad una incomprensione o un fraintendimento, ti chiedevano spiegazioni pacate, qui erano e sono spesso reazioni uterine frutto di giri mentali che alle volte mi lasciano veramente allibito. Non per niente ho cominciato il SM con una di loro e non per niente se cerchi del porno, raramente trovi attrici scandinave o danesi.
Mi ricordo pure i sexy shops e la lista della spesa che facevo per questo o quel marito per bocca della moglie ed alle volte era difficile giustificare in aeroporto un set più o meno vasto di oggetti da scopatura fantasiosa.   Mi tornano in mente le facce strambe dei finanzieri in quel di Milano dove regolarmente la convivente veniva fermata per chissà quali ragioni ma che alla fine era solo per l'imbrocco ed i miei raid nel lato arrivi per sbloccare la situazione.
Mi ricordo che in genere si vestivano in un'altra stanza perché non sapessi mai cosa si fossero messe sotto. La noia uccide! Mi ricordo pure una diversa e più aperta volontà e curiosità nel volere sperimentare cose nuove mentre qui per fare anche solo il culo a qualcuna, dovevi aspettare dei mesi.
Ora però, andare a dire che quello era il paradiso e che tutto filava perfetto, sarebbe uno sfondone di quelli grossi. A 16 anni sei solo ribelle e fai degli sbagli che te li porti in giro per la vita. Quando ne hai 25, ti sei accorta di quello che hai combinato e già ti viene la tristezza che ti toccherà lavorare per altri 25 per la banca se non di più. Hai tirato conclusioni affrettate, hai deciso in modo impulsivo e poi te ne sei pentita. Cazzo, quante volte. Riflettere non fa male. Lasciare sbollire la rabbia e recuperare senso di giudizio aiuta ed anche parecchio. Chiedere spiegazioni e comprenderle fa la differenza nella vita piuttosto che ragionare con il cazzo o con l'utero.
Le ragazze mediterranee sono quasi l'opposto di queste. Spesso trovano la loro sessualità solo dopo i trenta e cominciano a capire come stanno le cose oltre i quaranta. Piuttosto spesso ragionano a camere stagne e non si sentono mai libere, una libertà che viene di nuovo cercata nel partner in cui è impossibile trovarla. Pregi? Quando sono in uno stato di grazia, sono molto calde e disponibili, peccato che in generale siano stati rari. Devi stare attento a cosa dici e come lo dici ed alle volte non basta. Le italiane sono spesso talmente contorte da non essere comprensibili, per lo meno per me che sono "cresciuto" in un altro mondo ma così appaiono ai miei occhi.
Oddio potrei scrivere per ore a costo di annoiare tutto il mondo e dire cose che forse oggi non esistono più. Quel poco che ho potuto scrivere senza annoiarvi forse è che il problema è spesso trovare il "fiore" che si distingue dalla massa e questo vale in entrambi i mondi perché alla fine quel che vale veramente è l'educazione assimilata, la capacità singola di ragionare sugli insegnamenti ricevuti, il modo di rapportarsi al mondo e non la razza.
Aggiungo solo che "normanno" deriva da nord-mand (uomo del nord, vikingo (pirata), norvegese).


Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)