Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

domenica 28 luglio 2013

Histoire d'O

E ci siamo!!! Prima o poi dovevo affrontarlo no? 
Comincio subito a fare incazzare il mondo va asserendo con profonda sicurezza e convinzione, come disse Fantozzi, "Histoire d'O è una cagata pazzesca". A parte la bellissima Corinne Clery con una figa che sembra un bosco il resto è proprio come sopra.
Ok, il film è del 76 ed io ero ancora una mezza sega. Il romanzo del 1954 e bisogna un po' tornare all'epoca storica per inquadrarlo. Non ho mai letto il libro, premetto, ma ho visto il film diverse volte.
Non c'era l'AIDS, già qualche anno dopo si scopazzava senza pensieri. C'erano pure i figli dei fiori, si professava l'amore libero. Che qualcuna te la sbattesse sul muso e si vedeva dai ragazzi più grandi, era facile come prendere un caffè. Ce l'hanno sbattuta sul muso anche fino a quasi la fine degli anni 80 quando l'AIDS cominciò veramente a fare paura in tutta europa.
Otto anni dopo finivo a letto con la tipa che mi ha introdotto alla pratica decisamente più vecchia di me. Quella dopo ancora poteva essere mia mamma e lo facevano da anni. Nordeuropee come già accennato. Insomma la madre di tutte le porcellate! :D
Fino a quest'anno in Svezia si poteva ancora fare sesso con gli animali, figuriamoci e la figa rasata per una bdsmr's era un must. A che cazzo serviva?
La prima ragione il simbolismo: una rinascita sessuale, la seconda più pratica la sensibilità. Roba da far rizzare i capelli. PEDOFILIIIIIIIIIIIIIIIIIiiiiiiiiiiii ci dicevano. Ignuranti, rispondevamo. Adesso chi non ha la figa per lo meno trimmata, alzi una mano! :P Manica di deficienti!
La gente si fa in genere poche domande, le risposte che si da le capisce se ha letto qualcosa e se si è confrontato. All'epoca il confronto era fatto di presenza, persone, umanità e contatto. Adesso è fatto di internet dove qualsiasi imbecille si mette a scrivere quel che gli passa per la testa. Oddio mi ci metto pure io tra gli imbecilli ma visto il contributo che ho dato alla comunità completamente coglione non sono.
Bon, Che diavolo vi attira in questa boiata pazzesca? Da quel che sento in giro sopratutto i rituali ed il comportamento che deve avere una schiava. Il punto è che quello è un film e rimane un film ed un romanzo e l'amore libero come concetto è decisamente "crollato" perché non lascia molto ai sentimenti. Le persone hanno bisogno di sentimenti oppure sono "esseri" disumanizzati. Vero si può scopare per una volta e via ma come dicevano le suddette tu me lo dici. Se so che ti scopo o ci incontriamo per una session oggi, voglio saperlo, voglio tutto il tempo per dire e per dare il massimo. Voglio che questa cosa mi rimanga e rimanga a te. Siete italiane, difficilmente capirete. Affrontare un'altra persona parlando di sesso o di pratiche qui è raro. Le donne s'incazzano, non vogliono fare l'oggetto poi subito dopo si attaccano ai precetti di H. d'O e dei romanzi che hanno letto e dicono "Si padrone". Deficienti n'altra volta e se a quest'ora dopo 400 post non ne avete capito il senso, beh signori e signore, le iniezioni di materia grigia funzionante non le hanno ancora inventate, mi spiace.

Volete un rituale? Decidetelo di comune accordo non che sia imposto. Le regole per capire se è un abuso ve l'ho date e quando s'impone è sempre un abuso.
Si impone quando ci siamo capiti, quando ci siamo presi, quando quell'imposizione fa parte del gioco e NON preclude dal rispetto reciproco e nemmeno dalla libertà di esserci o di non esserci. Il gioco non è leggerezza. Il gioco è parte integrante della socializzazione. Il gioco è sorriso interiore, è mettersi a disposizione dell'altra con senso di fratellanza e di intesa. Poi chiaro che si gioca ai soldati, al prigioniero, a quel che vi pare ma quando alt, alt!

Quindi concludo, dopo aver affrontato i rituali in un altro post e considerandoli come altrettante puttanate se non prese per il valore che hanno ma come valore assoluto, dimenticatevi "O". Guardate chi avete davanti. Si chiamerà Paola, Stefania, Francesca, Valentina o un qualsiasi altro nome. Chiamatela Cagna se la fa eccitare, chiamatela come volete perché anche le parole hanno il suo senso ma sempre nell'ottica di chi riceve l'appellativo. Vero, io non riesco a chiamare cagna qualcuna o quasi ma questa è un'altra storia. :)

7 commenti:

  1. Ecco! :P :D Ma il seguito qual'era? Essere venduto a trancio in una pescheria, buttarsi una piscina vuota o saltare sulla bicicletta senza sellino? :D

    RispondiElimina
  2. Penso che una qualsiasi delle opzioni possa andare bene :D Dimenticavo... io ho letto pure il libro e riletto di recente per sincerarmi che fosse... (vd. Fantozzi) come ricordavo...

    RispondiElimina
  3. Beh. Dello stesso anno è "Porci con le ali" e siamo sulla stessa strada :D

    RispondiElimina
  4. Però se mi ricordo.. ce n'era un altro: "Yakki coi cingoli (che altrimenti si sfrenano)" ma era un film tibetano... BOH! :D :D :D

    RispondiElimina
  5. MDS e scrivilo però che crei dipendenza!!!!! :-P c'ho fatto nottata :-)
    Battute a parte è un piacere leggerti , buona giornata

    RispondiElimina
  6. Ecco! Te pareva che mo creo pure dipendenza! Shhhhhhhhhhhhh poi mi inseriscono nelle droghe pesanti e tolgono pure l'uso personale!!!
    Aiut! :P
    Però, con chi ho il piacere di chiacchierare visto che il tuo pro-filo sembra appunto un commento e me la filo visto che è praticamente vuoto? :D
    Ben arrivata, comunque. è sempre un piacere :D

    RispondiElimina
  7. Ho creato il profilo per rispondere...poi magari scoprirò che c'era un modo più semplice ehehe
    Chi sono? Una concittadina che è entrata ieri pom per caso e ci ha fatto nottata :-)

    RispondiElimina

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)