Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

giovedì 19 settembre 2013

Dei professionisti del “mestiere” di nawashi.

Buon giorno gente. C’è in italia un guru del karate-do di cui non faccio nome per evitare grane di qualsiasi tipo. Bon, questo guru in passato è stato accusato di mercificare un’arte marziale, attraverso pubblicazioni ed attività che pur dando risalto alla sua attività d’insegnamento, erano come dire, legate al vil denaro. Tema ricorrente questo perché contrasta in modo forte con il “Do”, la via. Anche su http://laviadelleartimarziali.blogspot.it/2012_03_01_archive.htmlsi trova un accenno importante al denaro e cito testualmente: “Il Maestro Azato era un Tonchi (capo della città per successione) secondo lo Udon (classe nobiliare - equivalente al giapponese Daimyo), il secondo ad Okinawa per importanza di rango. Il suo prestigio era così grande che egli fu trattato dal governatore di Okinawa come un amico di pari grado e non come un vassallo. Egli non dovette insegnare le arti marziali per denaro e non ebbe una scuola, ma accettò solamente allievi privati. Dato che aveva solo pochi allievi (se si eccettua Gichin Funakoshi, suo allievo fu solo Ogusuku Chogo) egli ha oggi un ruolo piuttosto subordinato nella storia delle arti marziali di Okinawa.”

Il denaro non è la via ma la negazione della medesima. Non conosco nessun sensei che abbia fatto i soldi o che stia in un dojo per soldi e non trovo manco risposte in tal senso manco su google. Non le troverete nemmeno voi perché di questo si tratta. Morale non denaro.
C’erano in epoca antica i “ronin”, i samurai senza padrone che si vendevano al miglior offerente. Mercenari, “banditi”, per l’appunto. Disprezzati dai Samurai non per la loro abilità che alle volte li superava ma per la loro “immoralità”.
Quando la morale è legata al denaro, il denaro è la morale, tu non conti niente ed è solo quest’ultimo che ha valore non la persona. Non vi è nessuna via o do che porti all’elevazione spirituale che non parta da se stessi.
Nel contesto giapponese manco la parola Sensei (maestro), ha un senso di autoattribuzione. «“Shi” (sensei,maestro), è un qualcosa che non posso dire di me. Io non posso dire: “io sono uno Shi”.Shi è qualcosa che gli altri possono dire di te. Lo rispetto il mio maestro, lo amo ed ecco che lui è il mio “Shi”. E’ qualcosa di diverso per tante persone. Qualsiasi cosa un maestro faccia, buona o non buona, lui è il mio spirito, il mio “Shi”, il mio maestro.»  cit. Hirokazu Kanazawa Sensei.
Per chi mi legge adesso di sicuro avrà da ridire sul mio “mastro” ma ho già trattato questo argomento. Si tratta di un errore del mio vago latino a cui non potei rimediare per tempo e poi era tardi. Così è rimasto mastro ma è un nome non un aggettivo. Rimango una persona che ha ancora molto da imparare e che quando non sarà più così, vuol dire che sarò passato a miglior vita, non prima.

Per acquisire le basi per cominciare ad imparare il karate, ci sono 6 livelli inferiori che si chiamano Kyū. Per arrivare al Primo dan di cintura nera, occorrono diversi anni. Probabilmente in contrasto con quello che la maggior parte delle persone credono, la cintura nera non è un punto di arrivo ma il punto d’inizio. Adesso qualcuno mi dica come mercenari che vendono corsi, sensazioni e che hanno imparato questa specie di fai da te con le corde cosa cavolo hanno da insegnarmi. Una tecnica loro? Ci sta. Morale? Nessuna. Crescita interiore? Forse quella del conto in banca o del giro di pulzelle che gli gravitano intorno. Corsi per imparare a legare? Si, per non farsi male, tecnica pura, buon senso, suggerimenti. Tutto il resto passa di sotto come l’acqua in un colino. Adesso forse vi viene pure qualche dubbio del perché di questo post che lo vedete in contrapposizione con il workshop pubblicizzato due giorni fa di Hikari Kesho. Quella a mio modesto punto di vista è arte. E’ arte visiva e pure bella. E’ genio, capacità fotografica di saper armonizzare creazioni stupende, con modelle centrate per quella legatura che appagano lo spirito. Nawa shibari, il bel legare. La purezza dell’arte e li c’è molto da imparare. Quindi andateci. Se pensate che il resto dei corsi vi diano qualcosa di vero e di autentico anche nelle sensazioni, scordatevelo. E’ solo l’illusione che volete vedere realizzata. E’ solo aria ma non è respirabile. Imparate di più con una cerimonia del the.

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)