Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

venerdì 18 ottobre 2013

I gruppi dei masters su facebook o sui social network.

Intanto cos'è all'atto pratico un gruppo? E' un luogo virtuale in cui vengono invitate o accettate persone scelte dall'amministratore del medesimo. In genere questi gruppi sono segreti per evitare che qualsiasi foto osé o i membri possano essere bannati o il gruppo  chiuso. Chi non è gradito non viene né invitato, né accettato come membro.
In altre parole non vi è confronto con il leader del gruppo. Senza questo, il medesimo ha sempre ragione anche quando sbaglia. La pulzella nuova viene attratta da "nome" del "master" che li dentro rimane un Dio, ha sempre ragione lui non essendoci confronto.
Adesso qualcuno potrà dire che sto esagerando ma purtroppo non è così.
Nel prontuario su come riconoscere un abuso, c'è una bella scritta nella sezione: "Abuso mentale / emozionale:  * Isolamento dai tuoi amici, familiari o altri." Ed è la prima voce.
In realtà questo non è un vero e proprio abuso ma il primo passo. Ci si conforta del fatto che la gran parte di voi non sappia usare internet né i motori di ricerca. Che la gran parte di voi non sappia andare a leggersi ad esempio siti qualificati in lingua inglese e che addirittura non vi riesca manco a trovarli.
Dico puttanate? Purtroppo no. In questo stesso blog pur essendo dotato di un motore di ricerca fornito da google in grado di cercare ogni parola o argomento pubblicato qui sopra, pochissimi lo usano.
Non vi riesce, alla gran parte delle persone, senza voler offendere veramente nessuno, non riesce proprio ad utilizzare il mezzo. Chiappa un link perché gli viene proposto dal sistema, fa un'amicizia perché gli viene suggerita o vede che tizio è amico di caio. Pubblica frasi fatte perché c'è qualcuno che gliele confeziona con una foto adeguata. Se sono qui sopra, seguono la cronologia o i post più cliccati ma non fanno ricerche.

L'altro giorno in un gruppo di discussione è stato forte. Latex si, latex no. Poi qualcuno se ne esce con il fatto che il vinile è meglio del latex e giù foto. Peccato che alla fine erano solo foto di latex trattato con raggi UVB e reso lucido. Chi aveva fatto il post del "meglio il vinile"; l'ha frettolosamente rimosso. Chiaro come funziona la cosa?
Uno pubblica, l'altro ci crede e non verifica, tutti gli vanno dietro. L'errore o la burla diventa una verità. 


Nei primi tempi di facebook avevo qualche gruppo dedicato al figging ed ai clisteri. Poi portai all'attenzione di tutti il massaggio al G rimediando un video e facendo un gruppo segreto con il solo risultato di essere bannato a raffica da quel posto. Il limite è sempre quello poi. Ci puoi fare entrare chi ti pare ma devi stare attento a chi fai entrare. Meglio qui, confronto aperto e mi pare che di cose, dal coglione che sono stato appellato, di cose invece ne avete prese a caterbe. C'è un'ennesima messa sega, masterone anche da tv che fa pure finta di non conoscermi e che mo organizza convegni sul limite tra bdsm ed abuso.
Questo è il mondo italiano del bdsm. Rifiutano il confronto per evitare di essere presi in castagna e per poter farvi credere quel che gli pare a loro. Si "scordano" di te perché gli fa comodo, casomai che ci sia qualcuno che ha una buona idea e che si possa ringraziare. Non è questione di gentilezza, è semplicemente il credere che si perda credibilità o autorità. Si perché la modestia non fa parte di questo mondo.


Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)