Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

sabato 2 novembre 2013

Prostituzione minorile un fatto di cronaca di questi giorni di cui ho veramente il bisogno di parlare. E' troppo lo schifo".

Da "La vita in diretta", tempo: 1.26' 30"

Perego: “Perché a parità di età ci sono ragazzine che capiscono cosa è bene e cosa è male e altre che non se ne rendono conto o anche se se ne rendono conto, alla fine poi non gli interessa più di tanto?”

Meluzzi: “Dove si impara ad interiorizzare che cosa è bene e che cosa è male?”

Perego: “In famiglia.”

Meluzzi: “Avviene In una complessa dinamica no che evidentemente avviene nei rapporti più elementari direi più primordiali che sono quelli con i genitori. Però c’è un problema, c’è un inghippo. C’è un passaggio nello sviluppo della vita psichica in cui quasi inesorabilmente per un po’ i figli tendono ad avere bisogno di essere accolti in una comunità di pari e quindi inizia una presa di distacco che per certi versi è anche fisiologica dai genitori, dai loro modelli. Quello è un momento delicatissimo perché se il rito di appartenenza della comunità di pari dalla quale si deve far parte o dalla quale si vuole far parte o dalla quale si vuole essere accettati per esempio presume il consumo di sostanze per essere accettati, quella è una zona ad altissimo rischio. Se prevede comportamenti di autodistruzione del corpo come questo, quella è ad altissimo rischio. Allora, il rischio vero che poi si manifesta in questa crisi dei rapporti genitoriali è di ritrovarsi a vivere con una ragazzina o con un ragazzino sconosciuto barricato nella sua stanza con i suoi videogiochi, con i suoi posters, con le sue solitudini e perdere il contatto.”
 
I figli nell’età dell’adolescenza sono particolarmente disattenti di quello che i genitori dicono ma sono particolarmente attenti a quello che i genitori fanno… l’esempio è quello che chiama in causa la profonda natura del nostro essere”

I dati:
70.000 prostitute il 20% sono minorenni. Pertanto le baby prostitute sono circa 14000 e mi faccio una stima. Ammettiamo che facciano 6 clienti al giorno per tre giorni a settimana con qualche abituè, tanto per fare i “conti della nonna” siamo a: 210.000 ragazzi giovani che frequentano minorenni perché l’età media in questo caso è di 25-30 anni.

Questo scandalo ci dice diverse cose oltre a quello che c’è direttamente scritto. La prima è che duegentomila ragazzi trentenni non ha nessuna morale. Pur di scoparsi una ragazzina, pagano, non si pongono domande, non si chiedono se sia giusto farlo o se quella ragazzina abbia la testa per fare quella scelta (cosa fra l’altro quasi impossibile), o se sia stata costretta. Chi è quindi l’aguzzino, chi la costringe, chi ci và o entrambi?

Ci sono inoltre 400000 genitori che forse non sono stati in grado di trasmettere ai propri figli quella moralità che invece è importante nella vita. Stiamo parlando “semplicemente” del fenomeno della prostituzione poi ci saranno di certo quelli che girano nel mondo della droga e via così, raggiungendo in questo modo, risultati allarmanti.


Personalmente credo che la prostituzione sia il mestiere più antico del mondo e che sia difficile risolverlo in modo serio senza affrontarlo con mente aperta. In primo luogo in Italia la prostituzione non è un reato e non dovrebbe esserlo ma semplicemente regolamentato. Fai in modo tu, stato che chi vuole praticare questo mestiere sia in grado di decidere autonomamente ed in piena coscienza e non sotto costrizione. Fai in modo che chi pratica abbia un indirizzo, una “ambiente” di lavoro pulito e controllato e fagli pagare le tasse. Una delle ragioni per cui questa cosa funziona è l’enorme quantità di denaro che riescono a fare.
Usa il pungo duro con chi costringe un altro essere umano a fare una cosa del genere e se è un minore, un pugno ancora più duro. Si tratta di moderni schiavisti, sveglia!
Nel caso di queste ragazze costrette anche se fossero maggiorenni, sono loro che il reato lo subiscono ed associa lo stupro per ogni rapporto che i “clienti” ci hanno avuto e di nuovo con pugno duro, non come qua che li mandano a casa!
Prendi i minori, cerca di recuperarli, di ricostruire quella moralità e quella capacità di giudizio che servirà a loro per tutto il resto della vita. Sono loro il nostro futuro, vanno tutelati senza guardare in faccia nessuno di fronte a tanta evidenza.


Da fiorentino e da ragazzi andavamo spesso a fare un “troia touring”. Un giro per ragazze e trans che lavoravano per strada tanto per farci due risate. Una sera capitò che una signora ci chiedesse un passaggio a casa. Alla fine è finita a sesso e chiacchiere e nessuno di noi ha speso una benché minima lira. La cosa che mi colpì fu cosa ci disse lei (eravamo in due). Era andata a lavorare in Germania per una nota casa automobilistica. Si accorse che era allergica alla vernice e dovette smettere. Da sola e là, fu secondo lei, una scelta obbligata ma decise di venire a Firenze che al contrario di altre città non c’erano magniacci. Qui era libero. Potevi fare il tuo “lavoro” senza botte o costrizioni e si era fatta una casa ed un ambiente di lavoro sicuro e pulito. E’ stato uno dei pochi contatti seri con questo mondo ma mi fece riflettere ed anche parecchio. In fondo fu bella quella nottata, veramente. Non sentivi pressione addosso, non c’era niente altro che piacere di stare assieme e fine li. C’era solo io, tizio e caia liberi di fare sesso senza soldi, senza botte, senza altro che piacere. Erano gli anni ottanta, era comunque facile andare a letto con qualcuna e l’ho già detto parlando di quel periodo.
Mi chiedo infine quanti imbecilli che crescono così poi frequentano anche il mio mondo mettendosi un frustino in mano o creando una famiglia a cui presentano una faccia falsa, ipocrita ma pulita per poi andarsene in giro a fare ste cose.
A me viene voglia di vomitare ed è per questo che ne ho parlato. Il post ha l'etichetta "abuso" perché non ne trovo un'altra migliore.
Buon w.e.

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)