Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

mercoledì 12 marzo 2014

A volte se ne vanno

Oggi se n’è andato un altro micetto,
quello di un amico.
Oggi è li ad aspettarlo al ponte dell’arcobaleno
Come i miei, come i vostri.

Oggi qualcuno è triste e ha gli occhi pieni di lacrime.
In casa c’è un vuoto incolmabile.
Oggi manca quell’andatura dondolante,
il pelo arruffato, quegli occhi sinceri, quell’amore assoluto.

Oggi daresti tutti i giorni della tua vita
Pur di stringerlo un solo minuto ancora tra le braccia.
Oggi quella soffice zampetta non accarezza la tua pelle
Non la senti più sul tuo viso insieme al suo musetto umido.

Oggi ti giri cercandolo ovunque e non lo trovi
Rimane solo il suo dolcissimo ricordo impresso nella tua anima.
E stanotte guardando le stelle in cielo non puoi che pensare
Che questa vita riservi un posto speciale per loro

Che un giorno possiamo di nuovo stringerci e giocare assieme
Che quei momenti possano ritornare fino alla fine dei tempi.
Perché stanotte abbiamo bisogno di credere che il bene,
la dolcezza, l’amore e la sincerità, superino i confini della nostra vita.

Buon viaggio cuccioletto, un giorno saremo di nuovo assieme.

7 commenti:

  1. Io non ho mai commentato, ma spesso passo di qui. Giro e rigiro nella rete per curiosare, per capire, ma poi ricasco sempre qui. Oggi ho capito perché. Perché di lei, mastro, mi piace il duplice animo: quello di sapiente master (a volte per me anche incomprensibilmente incazzoso :-)) e quello di questo post. E credo che possano convivere benissimo, mi danno l'idea di un uomo a tutto tondo, senza necessità di infingimenti.
    Non so se avrò il coraggio di commentare di nuovo, ma oggi mi andava di dirglielo perché anche io ho provato più di una volta quello che lei descrive.

    RispondiElimina
  2. Ciao Cybelle e perché no? Non mordo se non su richiesta e manco troppo forte. :)
    Me lo dite tutti che qui sembro un po' "un orrido brutto" anche quando poi non lo sono.
    Chissà come mai. Eppure quando mi rileggo mi paio suonato ma non incazzato. Boh! :D
    E per il tondo ehm, si, parecchio tondo ma il lei nooooooooooooooooooo per pietàààààààà!!! il lei nuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu-uh-uh-uh :D
    A parte gli scherzi, scrivi quando ti pare, non c'è niente di più bello che fare una piacevole conversazione anche epistolare. :)

    RispondiElimina
  3. Ah no, rischio all'opposto che mi venga voglia di farmi mordere :D
    Non so da dove mi è uscito il lei, forse l'aura del maestro... :-) Io non ho detto che sembri un orrido brutto, anzi, suonato non l'ho mai pensato, però a volte secondo me sembri proprio avercela con qualcuno e a me non è sempre completamente chiaro perché... ma nel mio caso è logico e poi forse avere un blog serve anche a questo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perché non ce l'ho con nessuno. Alla fine mi rompono solo un po' le balle i modi di fare fasulli. Il dire una cosa e farne un'altra o il non capire. Ecco, in sti casi alle volte scrivo per fare ordine o per cercare di capire le cose anche se poi non ci si capisce un cazzo lo stesso. Non c'è mica una ragione per cui uno fa una cazzata. La fa perché è così.
      Morsi? Dove? :P
      Non ho manco capito se sei uomo o donna, andiamo bene!!!
      Son suonato sodo :D !!!

      Elimina
  4. Sì un po' suonato lo sei allora... Leggendoti non dai l'idea di uno che morda anche gli uomini, virtualmente magari, con qualche post, però io sono troppo ingenua, magari mi sbaglio :)
    Capisco benissimo invece lo scrivere per fare ordine e capire le cose, lo faccio immancabilmente anche io, anche se non pubblicamente.

    RispondiElimina
  5. Parecchio in effetti. :p
    E se non ti confronti hai sempre ragione. Che impari a chiacchierare da solo? :D
    Poco, credo...

    RispondiElimina
  6. Mah, sono tanti quelli che sono troppo pigri per confrontarsi e pensano di sapere già tutto. Non sanno cosa si perdono :)
    Buonanotte

    RispondiElimina

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)