Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

lunedì 3 marzo 2014

La quadratura del cerchio

Mi riprendo il post di un'amica in cui si parla di amici e di compleanni e che tra tortellini e regalucci di sexy shop con tanto di acquisto olandese è trascorsa e finita a quanto pare in una piacevolissima serata di compagnia e di fuoco.
Oddio, non lo scrivo giuro per dire che sono più bravo di tutti o cose così, insomma avete capito ma serve per farvi riflettere.
Per far divertire di brutto la suddetta pulzella, Bianca, per l'appunto ci sono volute semplicemente due calze.
Due fottutissime, semplici, banali, ovvie e stupide calze. Della serie come far urlare qualcuna che in genere non urla e non di dolore.
Non importa cosa cazzo compri, quanti sexy shop giri, usa la testa ed usa quel che hai. La via dei sexy shop a Copenaghen era Istedgade. Uscivi dalla stazione dei treni prendendo la porta sinistra e sempre dritto attraversando la strada. Ci trovavi di tutto quando qua c'era solo in vendita un "massaggiatore" con una forma fallica e che quello era, su riviste fumettistiche e solo on line.
Ci passavo per forza di li e non aggiungo altro altrimenti manca solo che ci metto il nr di telefono ed buon giorno ai suonatori. Bon, mi sono fatto delle spese pazze ogni volta
che andavo li e ci andavo spesso. Mi compri, mi prendi e all'aeroporto dovevo giustificare una serie di uccelloni artificiali che spuntavano dalla valigia ai raggi x.
A che cazzo servono? Quasi a niente. Oddio, adesso tutti i venditori di oggettistica s'incazzeranno ma anche questa è la dimostrazione che molto di quello che c'è in casa funziona meglio, basta sapere come usarlo.
Inutile cercare la quadratura del cerchio. Non funziona. Ci sono situazioni per cui è impossibile ottenere qualcosa perché la fisicità non è per tutti uguale. Non c'è niente da fare.
E' un pezzo che dico che è inutile approcciarsi a questo mondo per curiosità per la stessa ragione. Finirete per fare solo giochi di ruolo perché si tratta di gusti. Puoi scopare una in gola e fare in modo che questo le piaccia? Alle volte si ma c'è il trucco e resta comunque nella sfera dei gusti personali. Puoi fargli scoprire quello che non pensava le piacesse ma non puoi forzare nessuno a fargli piacere qualcosa se non è nei suoi gusti. Spero sia chiaro il concetto. Questo è un mondo all'incontrario, è come guidare in Gran Bretagna o in Australia. Si fa tutto allo specchio ma si arriva nello stesso posto. Se nessuno ti spiega come funziona questo mondo, se non riuscite a vuotare la testa e reimpare tutto da capo come se foste nati oggi, non c'è modo. Insomma la vostra predisposizione a mollare le paure, a cambiare testa e modi di vedere, a rimettere in discussione tutto quanto e anche a rimanere stupiti pur'anche di vuoi stessi, non ci riuscirete.
Non importa a quanti fetish pride siete iti, non importa in quanti locali a tema, quante vergate, quante cose avete fatto o vissuto. Non  è servito ad una mazza. C'è solo l'illusione di aver ottenuto qualcosa. E' solo sesso strano o qualcosa di anticonformista. Niente altro.

Detto questo si ritorna alla conoscenza. Senza conoscere il partner, l'amico o l'amica, non si rimediano manco gli oggetti giusti. Senza sapere come usarli, non si ottiene nessun effetto. Parlavo per mail con C. e non si offenderà credo se cito qualche passo della corrispondenza, visto che poi serve a tutti quelli che leggono, che è facilissimo per un "presunto" master ordinare qualcosa a qualcuno. Fai questo o quest'altro. Ubbidisci. Questo non è bdsm è abuso e pure una sana dose di imbecillità da parte di chi si affibbia questa etichetta. Il master deve saper condurti. Deve capire chi sei, come reagisci e spingerti non solo ad obbedire ma fare in modo che il non obbedire sia la rinuncia ad un piacere intenso e sicuro. Invece, dietro ad un semplice ordine c'è solo il comando e nessuno scopo se non questo. Dominare.
Di nuovo è fortemente sbagliato pensare che visto che D nel bdsm sta anche per dominazione, che questo basti a che sia effettivamente bdsm. E' acqua fresca.

Adesso magari vi chiederete che cazzo è successo con quelle calze. Beh, domandatelo a xxx se vi risponde, sempre che conosciate xxx. ;)

1 commento:

  1. L'importante è che si sia divertita...in entrambe le occasioni
    piacere di leggerti, uno della cena

    RispondiElimina

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)