lunedì 30 novembre 2015

L'@amore

L'@more.

Ti voglio scopare, così  s'ha da fare.
Leccare, succhiare, frustare, non è mai amare.
Serve venire e non mai sentire.
Così lascia stare, non serve pensare.

Cos' è il rispetto? È meglio un dispetto.
Se dico ti amo, tu intendi ti chiavo.
Se dico una coccola, tu prendilo in bocca.
E falla finita, strapazza sta fica.

Una promessa? Una roba dismessa.
Se dico futuro, tu intendi l 'ho duro.
Se dico parliamo, tu usami l'ano.
Il bdsm è fatto niente e che non sia gente.

La conoscenza è assai fantascenza
Se incontri qualcuna: che vuoi la luna?
Se dico buon giorno: tu leva di torno.
Sembra coraggio, è solo un miraggio.

Le vecchie promesse, son solo premesse.
E il sentimento è un peso nel mezzo,
D'un mero rapporto completamente distorto.
Dal mezzo che s' usa, e non fa le fusa.

La dolcezza, l'onore, il caldo nel cuore.
Son cose sparite lasciate alla vita.
Un passato lontano, che non tende la mano,
Al pronfondo rapporto che porta trasporto.

Così è mentire e dopo sparire,
Lasciare, negare, per poi abbandonare.
Non è più  volare, è solo affogare.
Un brutto ricordo che hai sempre a bordo.

Nessun salvataggio,  continua, coraggio.

Lunedi del cazzo.

Ecco. N'avevo sentito ma mi sento sempre peggio. Mi sveglio e sento che qualche stronzo ha tirato le scarpe, le bottiglie ed i lumini messi a memoria dei caduti a Parigi.
Pochi imbecili sono in grado di rovinare, di sputtanare, di rendere merda ogni buon senso, ogni rispetto, ogni cosa di buono che abbiamo.
Funziona costantemente così.  Che sia daesh, sti qua, un maschio o una femmina di turno, cambia un cazzo. Nulla.
Ci sono dei giorni in cui veramente vorrei non alzarmi e rimanere a letto e dormire e non "sentire" sta roba che mi fa venire il voltastomaco.
Ho una sola, consolazione.  Qualcuno lo levano dai coglioni. Qualcun altro no. Sta sempre in giro. Però li levano dalle palle dopo che i danni sono stati fatti. Bleah.
Che senso ha...
Qualcuno ha avuto il coraggio di fare una catena umana per proteggere il monumento e gli omaggi. 
Sto veramente di m..
Si, lo so, non ve ne frega niente. :)

venerdì 27 novembre 2015

Foto, cazzate ma mica tanto.




Nemmeno a me pare un grande idea che è come entrare con una fiamma ossidrica accesa dentro un polveriera.  Però c'è chi sfida la pazienza, il buon senso, il buon cuore degli altri. Forse vogliono solo vedere quanto ci mettono ad incazzarsi di brutto. Forse...


giovedì 26 novembre 2015

E ora si tromba

Erano gli anni 80. L'aids non esisteva. Era molto facile fare sesso senza pensieri o complicazioni. Eppure anche nelle storie così e ce ne erano molte, non si cercava solo sesso. Nessuno va fuori e la da o scopa con il primo che passa. Qualcosa ci deve essere. Oddio, qualcuna ne ho conosciuta che la dava al primo che passa o quasi. Una disse: "non ne ho mai abbastanza" ma stando a quello che poi diceva, l'appagamento era legato solo allo stato fisico. La parte mentale sentimentale aveva dei seri problemi. Qualcuno la chiama ninfomania, io la chiamo assenza di sentimenti.
È possibile seguitare a fare sesso senza sentimenti con la stessa persona per tanto tempo? Non credo almeno che tutto si limiti ad appuntamenti legati al semplice sesso. Ci vediamo alla tot ora, nel dato posto e si fa quello che si fa. Pensate davvero che sia possibile o se esistono,  siano persone che non abbiano bisogno di una seria assistenza psicologica?
Beh, ho trovato questa capacità di fare sesso con il primo che passa con diverse libere prostitute ma a anche qui con dei  limiti seri. Dividere il sesso per amore e quello per lavoro.
Ancora, pensate che sia possibile fare bdsm senza sentimenti? Si, per certi lati si. Così come è possibile andare a farsi una scopata con una prostituta e con un gigolò ma cambia la dimensione e la profondità di quello che vivi. Di sicuro, legame, appartenenza,  bisogno l'uno dell'altra anche come semplice presenza, è un dato sconosciuto.
Adesso complico le cose perché nella vita non sono mai facili. È difficile trovare la tipa vergine così come è difficile trovare la tipa libera. Qualcuno ha detto più volte che i migliori "pezzi" sono già presi ed anche questo è quasi un dato scontato. A meno che come ha fatto qualche amico/a, che ha mollato la vecchia vita per cercare totalmente questa per l'appagamento. Per il resto c'è poco da fare. O si trova il modo di viverla di nascosto oppure in qualche modo ci si rivela certi che prima o poi, il rispettivo partner ti metterà davanti ad una scelta più o meno definitiva o dura. Capiterà comunque. Qualcuno di fronte ad un tradimento o a quello che considera tale, alle volte sparisce e non si fa più vedere se non in aule legali. Succede eccome. Quindi, svegliarsi un mattina e farsi venire il bisogno di sado maso con una storia durevole o è da scemi o si è preparati ad affrontare le conseguenze perché ci saranno indipendentemente dal Mastro o dalla Slave. È un po come andare in barca, se hai un problema non puoi scendere e spingerla quindi, cerca di evitare i problemi a priori. Se ti capita un casino in una burrasca, non puoi manco abbandonare la barca sbattendone di chi rimane su. È come essere li insieme a due figli e fare consapevolmente una scelta di chi salvare.  Poi di sicuro partire con uno e per fatalità non poter riuscire a salvare l'altro ma di nuovo, da qui a dimenticarti di averlo avuto quel figlio è una cosa a cui non riesco proprio manco a pensare. Reminiscenze dirette di un naufragio a largo dell'Elba e di Platoon e una convivenza del periodo.
Così qui. Avrai pure una scelta a cui sei messo alle strette ma se davvero sei sincero devi pur ammettere con te stesso che non smetti di amare, non smetti di pensare e che magari hai pure infilato quel desiderio in un cassetto  aspettando il momento buono per ritirarlo fuori se possibile. Se valeva, eccome se lo fai.
A grandi linee mi pare che ogni sano rapporto e sentimento, funzioni così.  Quello che non è sempre sano invece è l'assenza di tutto questo o di gelosie e paure talmente malate ed estreme da non  farci capire che le persone non si possiedono. Abbiamo un opportunità più o meno lunga di viverci ma fintanto che ce lo meritiamo.  Mi pare un'altrettanta stupida pretesa utopica. "Tu" fai quello che vuoi fintanto che non spezzi tutto quello che tocchi. Esistere è un diritto, rispettare le altrui esistenze è un dovere. Punto. Leggetela come cazzo vi pare, buona giornata.

"Il vero amore non è né fisico né romantico.
Il vero amore è l'accettazione di tutto ciò che è, è stato, sarà e non sarà.
Le persone più felici non sono necessariamente coloro che hanno il meglio di tutto, ma coloro che traggono il meglio da ciò che hanno.
La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di come danzare nella pioggia!" Kahlil Gibran


martedì 24 novembre 2015

Abilità, empatia e sindrome di Stendhal

Abilità ed empatia, due cose cosi distanti a confronto. L'abilità è lo sviluppo estremo di ogni determinata tecnica. Un falegname ad esempio che produce mobili in serie con precisione e standardizzazione del prodotto, un  musicista che suona senza interpretazione ma seguendo le note, così scritte, magari brani pure di elevata difficoltà. Uno scultore che produce belle opere, fatte anche molto bene ma che non hanno altra che la forma e li si ferma.
L'empatia è invece per il falegname fare quel mobile che sia talmente "bello" da indurre sensazioni magari alla vista o al tatto. Un mobile imperfetto magari, con linee meno precise ma che abbia "anima". Nell'arte è in particolar modo il fulcro fondamentale della realizzazione dell'opera.
Da fiorentino posso di sicuro ricordare la "Sindrome di Stendhal o Sindrome di Firenze" che mise inluce proprio cosa può fare l'arte ad una persona sensibile: "Ero giunto a quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti ed i sentimenti appassionati. Uscendo da Santa Croce, ebbi un battito del cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere."
Ci sono molte opere famose in città e in grado di stimolare  emozione. Ne cito subito due, tanto avrete di certo indovinato: il David di Michelangelo (Firenze, galleria dell'Accademia delle belle arti), e La Gioconda di Leonardo da Vinci (Parigi,  il Louvre). Entrambi imperfetti, il primo è decisamente sproporzionato il secondo gioca su una ambigua espressione della donna dipinta. Eppure la forza del "David" è unica, irreperibile come la forza espressiva de "La Gioconda".
Nella musica è forse più semplice. Ci sono canzoni cantate e suonate decisamente male, magari stonate o con delle evidenti stecche ma che a discapito della qualità strutturale, hanno una forza emotiva unica. Tutto questo avviene indipendente dal genere e dal tema affrontato.
Mi vengono in mente alcuni pezzi degli U2, dei pink floyd, la cura di Battiato, alcune canzoni di Baglioni. Lo stesso Vasco Rossi che pur essendo stonato come una campana, scrive e suona dei pezzi bellissimi ed unici, gli stessi AcDc e tanti, tanti altri. L'emozione è empatia, senza emozione altruistica, riconoscerla in quello che vedi, senti e vivi è il sale della vita. Penso al nostro vampiro più famoso, che la violenza e l'inganno avevano fatto si che ripudiasse il suo stesso dio dalla rabbia e dalla disperazione in cui un gesto vile e traditore può condurre un amore vero e profondo. Dracula non è il cattivo ma è in realtà, quello che può essere la negazione dei valori positivi. Dracula è colui che brama di nuovo una vita normale e la cerca in ogni dove costretto a non sentire in  cerca di un ricordo, di una parvenza. Così sono i narcisisti e tutti gli psicopatici patologici che non hanno sentimento. Quelli che dicono ti amo ma non sanno cosa amare sia. Dicono ti voglio ma in realtà vogliono solo il piacere che tu gli dai quando lo desiderano. Sono schiavi dei loro desideri inappagati e puniscono gli altri diffondendo il loro dolore, il niente che hanno dentro cercando di punire le incolpevoli persone che gli girano intorno per qualcosa che non hanno mai fatto. La loro colpa è l'essere vuoti e di non fare niente per cambiare.

"In tutti i tempi gli uomini più profondi hanno avuto compassione degli animali, proprio perché essi soffrono della vita, ma non hanno la forza di rivolgere la punta del dolore contro se stessi e di comprendere metafisicamente la loro esistenza; il vedere il dolore senza senso suscita anzi ribellione nel più profondo dell'anima". Friedrich Nietzsche

VIDEO ORIGINALE RIMOSSO PER "INESISTENZA"

Fiducia una sega

"Se saprai sorridere con chi sorride, piangere con chi soffre, allora, figlio mio, chi potrà contestarti il diritto di esigere una società migliore? Nessuno, perché tu stesso, con le tue mani, l’avrai creata!" Tommaso da Kempis

Che diavolo ha a che vedere l'empatia con il bdsm? Guardatevi il video va.





Legame. Senza legame non c'è appartenenza,  senza appartenenza e legame non esiste relazione. Ergo, non c'è manco bdsm. Semplice in fondo. Ho dedicato anni a cercare di spiegare e di capire dove, nei rapporti SM vi sia patologia e dove invece vi sia un sano rapporto.  Avevo sempre considerato come marginali le persone borderline  veramente tali qui, come rari casi e mi sono dovuto ricredere.

Do pure la colpa al mezzo. Questo coso esalta la bugia e la menzogna, fa si che non sia possibile vedere, soprattutto nei rapporti a distanza ma bisogna prima di tutto credere e dare fiducia. Questo è un paese dove tanto si regge sulla solidarietà per via di uno stato incapace a dare servizi e perché alla fine ci piace e ci rende tutti più umani.
Questo coso rende possibili reperire informazioni ed imparare nel peggio quello che c'è di peggio. Facile. È stato facile dire una cosa e farne un'altra perché se ne stava pensando un'altra con uno scopo opposto. Si certo, se te accorgi subito,  rimedi subito ma quando il tempo passa quello che succede è perdere la fiducia nel prossimo. Senza fiducia guardate non si fa niente, proprio niente. Manco un idraulico chiami o porti l'auto dal gommista. La fiducia è la base, proprio il primo passo di una società, come cazzo fai a vivere senza fiducia?
Oddio magari sta cosa ci voleva, in fondo impari ma a quale cazzo di costo?  Una pulzella sana cerca fiducia. Anche uno/a stronzo/a cerca fiducia pur essendo freddamente deciso/a però a tradirla in partenza.
Il prossimo giro se mai ce ne sarà uno, devo per forza non dare per scontato niente ed i segnali sono tanti da tenere in considerazione. Adesso, di nuovo, che cazzo te le fai della verità? Quando danno è fatto e non si torna indietro. C'è una cosa fondamentale sul riconoscimento di questi individui, gli rendi difficile seguitare a mascherarsi e fare i loro porcacci comodi con i loro "bersagli".

domenica 22 novembre 2015

I miei gatti

I miei gatti. Solo dei piccoli, insulsi gatti.
Il piccolino, gamba di legno che si strappò un dito nel termosifone, dopo averlo cresciuto come mamma, lo chiamo e gli dico: "amore", lui si avvicina, mi da le testate (sono le coccole intime dei gatti), poi si alza sulle zampe, mi afferra le guance con quelle anteriori e accarezzandomi, mi da un morsetto in faccia. Polpetta, qualsiasi cosa faccia, viene a vedere ed aiutare. Birillo non mangia se non rientro, aspetta le coccole fatte e rese e poi, forse mangia. Forse. In genere prende un fermino ma aspetta. La piccola scodinzola appena ti vede, ti viene in contro con le coccole e sono tutti, ma tutti cosi, proprio tutti. Portano le cose come i calzini e le mutande che lasci in giro. L'altro giorno la mammona ha sfilato una rosa di plastica da un vaso e l'ha portata tra i denti ad uno di noi. Sono gatti, sono dei semplici, piccoli, insulsi gatti ma sono sinceri e hanno una anima così grande che qualche cazzo di essere umano ci si perderebbe tanto è falso e vuoto. È dura da dire ma è il quanto.



Riconoscere un partner narcisista.

Da: https://it-it.facebook.com/notes/narcisismo-patologico/come-evitare-una-relazione-con-ununa-narcisista/389355211083398
come evitare una relazione con un/una narcisista.
28 marzo 2012 alle ore 15:33
Uno dei modi migliori per gestire la relazione con un narcisista è NON AVERNE AFFATTO!
Ecco come fare per evitare di rimanere impantanati in una relazione con un narcisista.
Occorre:
- LA CAPACITA' DI EDUCARE SE STESSI A RICONOSCERE QUESTO TIPO DI PERSONE;
- AUTOCONSAPEVOLEZZA;
- AUTOSTIMA.

1. Innanzi tutto i narcisisti sono spesso attratti da persone che servono ai loro interessi e che danno loro la massima attenzione. Quindi, se sei una persona con la sindrome della crocerossina (io ti salverò) ATTENZIONE! Sei il/la compagn* ideale per un narcisista. 

2. Se sentiamo che non possiamo fare a meno di salvare qualcuno o di dedicare il nostro tempo a qualcosa, evitiamo di indirizzarci verso una persona! Gli animali randagi, i senzatetto, le opere di carità...  ci sono tantissimi modi per aiutare il mondo. L'unico da evitare e di dedicare tutte le energie mentali ed emozionali a qualcuno che ha un vuoto enorme e che perdi più non potrà mai essere colmato!

3. Impariamo a distinguere le persone che hanno una reale esigenza da quelle che ci stanno manipolando per il loro tornaconto personale. Non si dovrebbe MAI entrare in relazione con una persona che sostiene di avere bisogno di noi solo per ottenere qualcosa!  Dovremmo intrecciare relazioni sono con persone emotivamente stabili che ci piacciono e che vogliono stare con noi, che non affermano di avere bisogno di noi per sopravvivere. questo porta solo a modelli relazionali emotivi non sani. 

4. Se ci troviamo spesso con dei "perché" qualcuno sta facendo qualcosa, o pensiamo "io proprio non riesco a capire", prendiamolo come una BANDIERA ROSSA GIGANTE! I narcisisti hanno una vita e dei modelli di pensiero che sono come dei labirinti. Fanno di tutto per il loro guadagno, e solitamente operano al di fuori della normale linea di pensiero razionale. Essi non possono comunicare come una persona normale perchè se fossero onesti ammetterebbero che stanno facendo tutto da soli. Farebbero saltare la loro copertura.

5. ATTENZIONE A CHIUNQUE CERCHI DI FARTI SENTIRE IN COLPA! Anche questa è una BANDIERA ROSSA che si dovrebbe prendere molto sul serio. La colpa non è amore, ma è lo strumento principale del narcisista. Useranno il senso di colpa per avere la nostra attenzione, per tenerci in gioco, tenerci lontano da persone che non vogliono vicino a noi, per arrivare a fare ciò che vogliono che noi facciamo. Anche per le cose più piccole come decisioni su cosa fare in una data. Chi ci ama non cercherebbe MAI di manipolarci, vorrebbe solo dire la verità su ciò che vuole, prendere in considerazione ciò che noi vogliamo, e prendere una decisione.

6. ATTENZIONE alle persone che cercano di dirci che i loro problemi sono giganti, e che hanno bisogno di più tempo per capire i problemi delle altre persone. Questo è uno degli strumenti principali di un narcisista . Essi cercano di mantenere una mistica di se stessi, come se essi fossero profondi e misteriosi. Pensano che questo vi terrà vicini o vi impressionerà e non vi farà porre altre domande. E' menzogna ed è manipolazione. Non abboccate. In un rapporto reale, il nostro partner non ci tratterà come se lui/lei fosse il più grande, più importante, o più magnanimo di te. 

7. Proprio come le persone che operano altre forme di abuso, UN NARCISISTA NON E' REALMENTE IN CERCA DI AMORE. Sta cercando di riempire un vuoto grande quanto la sua propria disfunzione. Ricordati di questo, è la dolorosa verità. Se non sei stato tu, sarebbe qualcun altro. E ' tipico di un narcisista spostarsi rapidamente da un rapporto all'altro. Perché non si tratta di amore o di prendersi cura di qualcuno, si tratta di avere qualcuno che appaghi i suoi bisogni.

8. Per favore, fate attenzione a coinvolgervi sentimentalmente con un narcisista, o anche conviverci anche solo come compagno di stanza. Può essere un'esasperante e triste esperienza che che può lasciare delle cicatrici.  E ' solo un'altra forma di un rapporto violento.

9. Se ci sembra di essere costantemente attratto da egoisti, persone instabili o persone con comportamenti narcisistici, è necessario fare un po' di auto-esplorazione. Considerare una terapia per se stessi, al fine di rompere il ciclo di rapporti malsani. MERITIAMO DI MEGLIO! .

Come riconoscere un partner narcisista

Su narcisismo e narcisisti ho scritto più volte ma è un argomento che trovo talmente interessante e degno di attenzione che mi piace tornarci sopra, stavolta per parlare di com’è un partner narcisista, cambia poco se uomo o donna.
Il narcisismo può essere semplicemente quella passione per la vita che ci spinge ad avere fiducia e affetto verso noi stessi, la speranza che le cose andranno bene. Come tante altre cose, a dosi moderate, il narcisismo è utile.
Diversamente, quando assume dimensioni estreme, il narcisismo rischia di diventare un modo di essere che allontana da un contatto intimo e di mutuo scambio con le altre persone. Certo, i narcisisti hanno una patina di sicurezza che li rende affascinanti e di fatto hanno spesso molte qualità e un gruppo di ammiratori. Ipocriti, egoisti e sprezzanti, hanno bisogno di un pubblico che battano loro le mani e apparire splendidi: le critiche li mandano in bestia. Sono presuntuosi, sopravvalutano le qualità che hanno e sono convinti di avere il diritto di essere trattati in modo particolare.
Sotto la patina della sicurezza e del carisma c’è però un’incolmabile sensazione di essere niente, di essere senza un ombrello mentre piove a dirotto. L’arroganza, la critica, la superiorità servono alla persona narcisista per non entrare in contatto con queste parti di se stessa che generano una sofferenza intollerabile: sono delle difese che la salvano dalla depressione.

Quando il narcisismo è troppo

Il narcisismo può configurarsi come un vero e proprio disturbo di personalità caratterizzato da:
  • bisogno costante di essere ammirati;
  • sensazione esagerata di essere importanti;
  • assenza di un autentico interesse per le altre persone;
  • invidia nascosta sotto la convinzione di essere invidiati;
  • scarsa capacità di provare empatia.
Racamier, psicoanalista francese, ha parlato di perversioni narcisistiche e un altro psicoanalista, Kernberg, ha descritto il narcisismo maligno, che è un mix di aggressività, crudeltà e sadismo con cui certe persone cercano di avere la meglio su chi sta loro accanto. Chi è appassionato di fumetti potrà rintracciare un esempio di narcisismo maligno in Bane, l’uomo che spezzò la schiena a Batman.

Riconoscere un partner narcisista

Nella vita vera, perversione narcisistica e narcisismo maligno li troviamo, ad esempio, nelle relazioni di coppia in cui un partner eccessivamente amato e con un’autostima che, al di là delle apparenze, è un colabrodo si adopera (a volte senza averne consapevolezza) per far sentire l’altro un inetto, lo manipola tanto da spingerlo a tagliare i ponti con gli amici, isolarlo e renderlo un suo schiavo.
Un partner narcisista trova sempre motivi per aggredire l’altra persona, per criticarla e farla sentire sempre più insicura e al tempo stesso fortunata, perché ha lui accanto. Pian piano questa persona diventa dipendente dal partner narcisista e incapace di fare qualcosa da sola o senza il parere di lui.
riconoscere un partner narcisista
Il partner narcisista è un mago della colpevolizzazione: è sempre pronto a dire che la colpa è dell’altra persona, mai che la colpa è di entrambi o tutta sua. I meriti sì, quelli sono esclusivamente suoi.
Infedele e bugiardo, il partner narcisista ha costantemente bisogno di prede con cui nutrire la sua autostima e da abbandonare dopo che ha succhiato loro ogni energia. L’interesse per gli altri è solo strumentale e di come stiano o cosa vogliano non gli importa nulla: non se lo chiede neanche. E non dà niente o dà molto meno di quello che prende da partner e amanti.
Certo, all’inizio sembra tutto splendido. Il partner narcisista riesce a costruire l’illusione di un mondo incantato in cui tutto è possibile, per lui e per chi è al suo fianco. Sembra spesso una storia d’amore da romanzo, in cui l’altra persona si sente la prescelta dal principe o dalla principessa e anche agli occhi del narcisista questa persona ha qualità uniche. A questa idealizzazione segue però la drammatica svalutazione che si esprime nelle critiche di cui dicevo prima.
A questo punto possiamo chiederci se un narcisista può innamorarsi. Direi che è abbastanza raro che un narcisista (uomo o donna che sia) si innamori ed è ancora più raro che, sceso da quell’otto volante che è la fase di innamoramento, sia capace di amare qualcuno. Per amare bisogna essere in grado di riconoscere che l’altra persona non è un nostro prolungamento, ma ha una sua identità e suoi desideri, ha pregi e difetti, e bisogna essere capaci di rispetto e cure: capacità che chi è narcisista fa fatica ad avere.
Al di là degli splendidi fuochi iniziali, è raro che la persona che sta a fianco di un partner narcisista si senta amata, capita, supportata: un partner narcisista userà la persona con cui sta per dar forza a se stesso. E se questa persona pensa che, se riuscisse a capire come prenderlo o di cosa ha bisogno, lui cambierebbe, beh, questa persona si sbaglia. Un partner narcisista, come del resto tutti noi, cambia solo se avverte che nella sua vita qualcosa non va,solo se sente lui stesso la necessità di cambiare.

Narcisismo femminile



“L'amore autentico è sempre compassione; e ogni amore che non sia compassione è egoismo.”  A. Schopenhauer

Una diceva spesso di essere masochista per "fatica" di fare, poi per un po' di sano egoismo che alla fine si è rivelato il più totale egoismo. Collegati a queste considerazioni, vengono le mie. Perché è facile così scrivere frasi d'amore così spinte e profonde e a faccia a faccia invece, una profonda difficoltà ad esprimerle mascherate da un non lo so fare pur affermando con forza di preferire di fare e non di parlare. Contraddizione in termini ed ennesimo filo comune che le porta a negare anche la profondità più volte espressa anche con messaggi e scritti, come se fossero cose e pensieri di qualcun altro. Io non negherò mai come nessun altra persona onesta con se stesso e con gli altri, di aver provato ed aver detto ed aver fatto. Non fino a negare così palesemente l'evidenza.
Vero, ci sono dei limiti umani in cui esprimersi e fare ordine diventano una seria difficoltà che deriva dal coinvolgimento. E' facile come si dice, "fare il finocchio con il culo degli altri", molto difficile trovare obbiettività per noi e trasformare in scritti coerenti da pensieri di per se stesso confusi anche perché pieni di altrettanti sentimenti forti. Questa ad esempio è stata la ragione per cui ho riscritto diverse pagine riaffrontando gli stessi argomenti con più "freddezza" anche se con la stessa determinazione. Cercherò a sto punto di imparare a riconoscerne i sintomi e di "testarli" prima di dare fiducia in carta bianca come mi è (purtroppo, viste poi le conseguenze), solito fare proprio perché considero tutte le persone come detenenti valori assoluti di individualità, sentimenti e con le stesse potenzialità positive.

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

E' infatti più raro incontrare, sia nella vita che in terapia, maschi disposti ad aprirsi rispetto a ciò che non va nel comportamento delle loro compagne.

Ma chi è la donna narcisista? Come si comporta in amore? Di solito si tratta di donne dotate di un certo fascino, fisicamente attraenti ed intellettualmente vivaci. Durante i primi tempi della relazione mostrano una spiccata sensibilità, sono capaci di slanci e di una generosità fuori dal comune. Appaiono estremamente coinvolgenti, anche grazie alle loro dichiarazioni d'amore appassionate e all'esaltazione delle qualità dell'amato. Il partner si sente così messo al centro del loro mondo, si percepisce riconosciuto, visto ed apprezzato nella sua unicità. Tutto ciò lo porta ad allentare rapidamente i freni inibitori, a lasciarsi andare ai sentimenti e ad una correlativa idealizzazione della donna.

I problemi nascono però dopo non molto tempo. Bruscamente, senza preavviso, il mondo in cui lui viveva come in un sogno va in frantumi. Improvvisamente tutte le qualità che la partner gli riconosceva non esistono più. Iniziano a piovere critiche, rimproveri che coinvolgono tutta la sua sfera personale: il lavoro, la famiglia di origine, gli amici, il modo di vestire, il carattere. La demolizione è totale. Dall'esaltazione senza riserve dei primi tempi si passa alla svalutazione più feroce. Questa tuttavia non esita in un'interruzione del rapporto bensì in una rivendicazione aggressiva finalizzata a far sentire l'altro profondamente inadeguato e dunque dipendente. Se seguirà i dettami della donna, il partner avrà forse la possibilità di non perderla, potrà continuare a godere il privilegio di averla accanto. Il ricatto del ritiro dell'affetto e del susseguente abbandono lo tiene avvinto in un regime soffocante e via via sempre più dittatoriale. Questo lo lascio ad altri, ovviamente.

Il narcisismo di questa tipologia di donne lo vediamo nella loro grandiosità, nel bisogno di ottenere ammirazione e riconoscimento, nella presunzione di possedere la verità. L' egocentrismo che le permea le porta a continue richieste di prove d'amore e a leggere in maniera distorta e pregiudizievole i comportamenti altrui. La mancanza di empatia impedisce loro di tenere in considerazione i reali bisogni dell'altro, che viene così disumanizzato e ridotto ad un mero strumento di gratificazione e supporto.

Di solito l' appiattimento del partner alle esigenze imperiose della compagna determina una tenuta del rapporto. C'è chi comanda e chi subisce e la relazione si tiene in piedi proprio su questa distribuzione malata di ruoli. Non mancano nemmeno liti sull'onda dell'esasperazione e abbandoni. Questi ultimi però non sono quasi mai definitivi perché seguono poi ricongiungimenti e riappacificazioni. Lui si costringe ad un "mea culpa" mentre lei generosamente gli consente una seconda possibilità, non venendo mai sfiorata dall'idea di una propria colpa.

Un uomo sufficientemente forte e sicuro di sé, se sulle prime può rimanere vittima di dinamiche simili non capendone a pieno la pericolosità, di solito dopo un tempo ragionevolmente breve trova il modo di sottrarvisi. Pur nella delusione e nella sofferenza della perdita non va incontro a sentimenti di disperazione ma mantiene un equilibrio e una sostanziale stima di sé.

La bambina crescerà così nel rapporto esclusivo, e più o meno simbiotico con la madre (mentre il maschio potrà fare riferimento a entrambi i genitori); e il rapporto con la madre, accompagnato alla frustrazione del desiderio di essere accettata anche nel mondo paterno. Resterà inevitabilmente connotato di caratteri regressivi, preedipici, narcistici. Tutto ciò comporta una situazione di dipendenza orale, caratterizzata dal bisogno di ricevere dall’esterno conferma e approvazione, di conformarsi alle aspettative, di adeguarsi alle regole della società, di farsi portatrice di valori stabiliti, e di trarre da questa subordinazione le sue ragioni di autostima e autocompiacimento narcisistico. Spesso questo desiderio regressivo, sentito come pericoloso
per l'Ego, viene negato o mascherato da difese di tipo intellettualistico, o fallico: abbiamo i comportamenti iperattivi, decisi, autonomi, efficienti, aggressivi, anticonformisti, ribelli. Il carattere difensivo di questi atteggiamenti risulta però chiaro dal fatto che essi sono troppo accentuati, troppo rigidi, troppo privi di gioia, di creatività, di Eros, per poter essere considerati genuine espressioni della personalità. Sono invece nient'altro che tentativi di reazione alla simbiosi con l'oggetto d'amore, e quindi all'annullamento di sé; d'altra parte questo « agire contro » è pur sempre un «agire in funzione di ». Quindi anche questo genere di difesa ci riporta al problema del narcisismo di base, della difficoltà a differenziarsi come individui autonomi; e la ribellione ha in questi casi la connotazione inconfondibile della sfida perdente. Questo narcisismo di base sarà a sua volta, come dicevamo. il terreno favorevole all'instaurarsi di una patologia difensiva di impronta masochistica.

Masochismo.
Quali sono le vicende della storia di un individuo, che provocano in lui il ricorso al masochismo?
Secondo Lówenstein il meccanismo della propiziazione dell'aggressore, palesemente presente in tutti i bambini. contiene in luce le possibilità di un futuro sviluppo masochistico. Va infatti tenuto presente che la struttura masochista si presenta con delle caratteristiche inizialmente adattanti; il bambino avverte inconsciamente che il comportamento masochista è un mezzo per placare i genitori, con i quali egli intrattiene nei primi anni di vita un rapporto di necessaria dipendenza e sottomissione, che rappresenta la possibilità stessa della sopravvivenza, anche quando l'atteggiamento dei genitori può essere negativo. La maggior parte degli autori sono quindi d'accordo sul fatto che una certa quantità di masochismo ha funzioni adattative, si presenta con le modalità di una richiesta d'affetto e rientra nei limiti della normalità. Si tratta poi di vedere a che punto l'interscambio masochistico genitori-bambino assume un'impronta patologica, non più al servizio dell'adattamento, ma di una deformazione del carattere.




sabato 21 novembre 2015

Em-patia e Norimberga

“Un cuore comprensivo è tutto, è un insegnante, e non può essere mai abbastanza stimato. Si guarda indietro apprezzando gli insegnanti brillanti, ma la gratitudine va a coloro che hanno toccato la nostra sensibilità umana"
C.G. Yung

Vi avevo parlato di Norimberga. Ebbene l'argomento non era il processo di per se per quale bisognerebbe fare delle considerazioni a parte. Il centro della questione è il nazismo ed i suoi effetti, l'applicazione del medesimo da parte dei suoi principali attori. Cosa pensavano, perché tanto cinismo nel praticare lo sterminio di massa. Perché tanta disumana leggerezza.
Ci furono diversi psicologi che seguirono la cosa, il primo fra tutti il Gilbert  che  con il suo libro "nelle tenebre di Norimberga" riporta gli stati d'animo dei prigionieri tedeschi. Da quel libro e dalle cronache fu tratto l'ultimo film.
La conclusione a cui il Gilbert arriva è che i gerarchi non erano più intelligenti, più dotati, ma individui nella norma come me e come voi. Eppure furono capaci di concepire macchine per lo sfruttamento e l'eliminazione di milioni di persone come se queste fossero che ne so, palline da tennis. Una persona, un un'unità,  un numero. Fine dell'immane, assurda frittata. Ebbene, Gilbert affermò che l'elemento comune era la totale assenza di empatia.
Guardate che questa "cosa" è stranamente presente nelle pantegane topesche mentre ci sono delle pantegane e dei pantegani umani che con sta roba ci si puliscono letteralmente il culo.
Com'è sto fatto e cosa è davvero questa dannata empatia?

Così, se qualcuno avesse dei dubbi.




""Empatia", secondo la definizione iniziale di Edith Stein, designa "una genere di atti, nei quali si coglie l'esperienza vissuta altrui". Usa inoltre questo concetto per determinati atti percettivi particolarmente in relazione ad altre persone. (Edith Stein chiama con Max Scheler l'atto dell'empatia nella propria esperienza  "percezione interiore". A differenza del giudizio (Ein-Sicht), che è rivolto ad afferrare e comprendere argomenti, idee e concetti mentali di un altro (o le conseguenze causali di un fatto nella natura e nella storia), l'em-patia (Ein-Fühlung) indica un atto conoscitivo ­ oppure la somma di atti percettivi -, che è rivolto alla percezione soggettiva  dell'altro, alla sua "esperienza" interiore e perciò anche alla sua stessa personalità. "Sentire (fühlen), e in particolare  em-patizzare ein-fühlen), è un altro particolare penetrare nel mondo che la persona si rappresenta come tale", dice un conoscitore della sua filosofia." Da http://www.ocd.pcn.net/edsi_kor.htm

In parole più semplici potremmo definire l'uomo in due aspetti: quello materiale e quello emozionale. Nella prima metà l'uomo percepisce la realtà ed il valore materiale di certe cose. Caldo, freddo. Il valore e la bellezza di un gioiello. La bellezza dell'arte come realizzazione  materiale e via così.  I sentimenti in questo caso sono legati alla sola sfera personale. Amo, ma non sento il tuo amore. Piango, ma non sento il tuo pianto. Rido, ma non sento il tuo riso. Mi importa solo di quello che mi importa. Senza sentimenti non si può stare ma sono sommersi di egoismo smisurato. Lo chiamano anche narcisismo, "l’espressione del mancato soddisfacimento del loro desiderio primario di essere riconosciuti per il proprio valore speciale." A loro tutto è dovuto, le loro decisioni sono insindacabili. Non hanno nessun rispetto se non per quello che gli fa comodo o li esalta, fintanto che lo fa. 
Credo che dire non ti perdono,  sia un altro modo per dire voglio giustizia o vendetta. Così come se tutto ti è dovuto, innegabilmente non devi niente a chi non gli fa comodo. Insomma, necessariamente dire una cosa significa anche accettare o significare il contrario solo con un'esagerata dose di ipocrisia. Le monete hanno sempre due facce. È un dato di fatto.   Sta di fatto che un narciso può dire tutto quello che gli viene ala bocca con assoluta naturalezza e l'esatto contrario dopo poco che ha cambiato idea e la sua idea non tiene semplicemente conto di chi ha intorno.  Questi esistono fintanto che i narcisi gli vedono, poi no.
Così che si che è possibile gestire queste persone. Basta che si sappia chi sono e come sono. Ah, mentre son qua a scrivere, sento Renzi che dice che bisogna taggare le teste di cazzo a scanso della privacy. Bene, occhio che però l'altra faccia della medaglia è quella di creare il grande fratello e per di più con le caste reali e virtuali. Ci vuole equilibrio. SEMPRE. Articolo complesso stasera è.  :)
Meditate. :)

Vi lascio con un pensiero di Emily Dickison e con una canzone. Molto bella, molto empatica, pure molto bdsm e con una nota. Cercate, per me una slave è prima di tutto una partner ed una donna. Cercate, non ho mai parlato di bdsm come un coso, un divertimento, un passatempo, una cosa degradante o comodo. Non è che mi importi troppo ma siccome molti si scordano... ecco. :)


“Se potrò impedire a un cuore di spezzarsi,
non avrò vissuto invano.
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena,
o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido,
non avrò vissuto invano.”

 

venerdì 20 novembre 2015

Ma come fanno

Vorrei sapere come cazzo fanno. Schemo girato. Post scritti e postati, bozze inviate e pure dal tablet. Son gatti... con gli stivali. Mah!!!!!

giovedì 19 novembre 2015

Il non dialogo

A cosa può arrivare il non dialogo. Prima dell'11/9 gli usa erano così (pressappoco), strutturati. Polizia comunale, polizia statale, Fbi per i reati federali. CIA, per lo spionaggio ed il controspionaggio fuori degli USA. Nessuno di loro praticamente si parlava. Se uno aveva una info su un tizio aerobomba, non lo diceva agli altri. Il risultato era che la testa non sapeva cosa facevano mani e piedi. In effetti poi gli aerei sono caduti e con dei bei botti pure. Per Francia e Belgio avete ancora dei dubbi?
All'inizio del, cinema andavano di moda i "cappelloni", gli western. Trovatemene uno che sia dalla parte dei nativi. Siamo cresciuti,  noi, con l'idea che i cattivi fossero loro. Poi arrivò "Balla coi lupi". No. Non è vero, il primo fu "Piccolo, grande uomo" con Dustin Hoffman. Beh, guardatevelo. Negli anni 70 quelli turbolenti erano i neri. Martin Luther King? Un casinista reazionario. Malcom X? N'altra testa di cazzo poi tutti abbiamo capito chi erano le teste di cazzo no? :)
L'assenza di dialogo distrugge prima le nostre teste che sentiamo solo una campana anche se solo prodotta dalla nostra mente. In secondo luogo crea dei danni a chi e intorno a noi, comunque sia, comunque vada. Capire è la parte fondamentale per la convivenza.  Poi chiaro che subito dopo c'è il rispetto per la diversità.
Dipende a chi si crede e anzi, a chi e cosa in legame indissolubile, si vuol credere e questo fa un'abnorme differenza.
Beh per le teste di cazzo storiche e non ci vuole poi tanto ad informarsi. Basta andare a fine IIGM e magari qualcuno sa cosa sia successo a Norimberga. Magari è ma non ci conto mica tanto. Una su tutte la dico: come cavolo fece Speer a diventare quello che fu nonostante la sua cultura. L'ennesima dimostrazione che la stronzaggine non dipende dal livello di studio.

È notte, sono le 00:14 e ho sonno ma anche no. Mi piacerebbe tanto che la testa potesse andare su tumblr a postare qualche foto porcella o qualche altra semplicemente bella o dolce o selvaggia anche magari sono di un bel piatto infarcito. Ci penso e ho quasi paura perché oramai so che se ci vado, poi mi si contorce lo stomaco. Se scrivo, per lo meno penso a quello che scrivo e mi rifuto di sentire e di pensare. Evito di tornare a quello che ho creduto e magari evito di fare una strage virtuale. Di quelle che prendi un fucile e spari ai mostri, tipo doom. Avevo scritto della fata turchina e dei troll. Forse è pure peggio. È tipo la Circe che trasforma tutto in porci o porcheria. Lo sappiamo che i maiali sono intelligenti e sensibili e pure affettuosi ma sono pure di uno sporco unico e ineguagliabile. Ecco.
Ah, devo pure ringraziare alcuni blog femminili  che nonostante il bordello successo in Francia non hanno fatto una piega. Seguitano a postare culi, cosce, cazzi e quant'altro fa sesso e  nessuna ma nessuna parola per i poveri cristi crepati o feriti a Parigi. Quasi fosse un altro mondo. Forse lo è ma devo smettere di seguirli. Se vedete la lista a sx diminuire, questa è la ragione. Certo, il mondo è bello perché vario ma alle volte è parecchio, ma parecchio brutto. Penso che dopo millenni che hanno trattato le donne come niente, oggetti da usare, violentate, uccise ed abusate in così malo modo da farle sparire pure dai testi sacri che è doppiamente assurdo che alle fine, proprio loro possano comportarsi peggio di noi e se questo è vero allora... ve lo meritate.

"La gente falsa non parla, insinua. Non conversa, spettegola. Non elogia, adula. Non desidera, brama. Non chiede, esige. Non sorride, mostra i denti. La gente falsa è povera di spirito, poiché non cammina, striscia nella vita, sabotando la felicità altrui. La gente falsa ignora la bellezza e la nobiltà d’animo perché non ama, e così finisce per non vivere, esiste appena". Marisina Vescio

Niente ferisce, avvelena, ammala, quanto la delusione. Perché la delusione è un dolore che deriva sempre da una speranza svanita, una sconfitta che nasce sempre da una fiducia tradita cioè dal voltafaccia di qualcuno o qualcosa in cui credevamo. E a subirla ti senti ingannato, beffato, umiliato. La vittima d’una ingiustizia che non t’aspettavi, d’un fallimento che non meritavi. Ti senti anche offeso, ridicolo, sicché a volte cerchi la vendetta. Scelta che può dare un po’ di sollievo, ammettiamolo, ma che di rado s’accompagna alla gioia e che spesso costa più del perdono. UN CAPPELLO PIENO DI CILIEGE,  Oriana Fallaci
Bello no? Tra ieri e oggi hanno ammazzato altri 2-3 ostaggi. Le teste di cazzo le perdona Dio. Se c'è. Cara Oriana (visto che eravamo quasi paesani), non esiste soddisfazione più bella che "condividere" il dolore anche con chi l'ha causato. Aĺle volte ti devi abbassare al loro livello ma se non fosse così, nessun criminale mai sarebbe preso. Due piccioni con una fava. Psicologia e giustizia. Anche questo è un dato di fatto. 

mercoledì 18 novembre 2015

Liberté, egalité, fraternité


Guerre ri religione? No. Guerre di principi?  Si.
Una volta avevo letto che: "per ottenere la libertà bisogna combattere, per perderla è sufficiente non fare niente.".  Era attribuito ad un grande della nostra storia mondiale,  il Sig. Benjamin Franklin. Non sono mai riuscito a trovare similari e conferma attribuzione ma è un concetto verissimo.
La libertà parte dalla mente ed è prima di tutto equidistanza tra gli elementi che si valutano o a quello che si pensa. Facile insomma dire e parlare presi dall'emozione del momento, difficile è confermare o fare le stesse valutazioni al sopraggiungere di un qualsiasi elemento nuovo condizionante. La libertà è il valore primario per quale ogni cosa vale la pena di vivere. La libertà di decidere, di pensare, di andare e di fare. Libertà è pensiero puro,  sentimento puro. Libertà senza uguaglianza sarebbe niente. Il più stronzo, più intelligente, più bravo magari in alcuni settori economico-sociali farà presto a fare man bassa di risorse o di libertà altrui. Nemmeno l'equità è sufficiente a far si che giustizia legale e sociale sia trovata e mantenuta. Eguaglianza è avere prima di tutto gli stessi diritti e gli stessi doveri l'uno verso gli altri. L'eguaglianza è quello che da un senso di giustizia alla libertà e che va pure oltre il rispetto. Questo è come l'equità.  È semplicemnte implicito nell'uguaglianza.
E infine la fraternità. Il vecchio testamento è in comune con le grandi religioni monoteiste e la storia di Caino e Abele la raccontano tutti. E beh mi pare quasi superfluo raccontare cosa sia la fraternità e cosa non anche se qualcuno preferisce parecchio mettere davanti il desiderio o l'interesse o il comodo a questo sentimento. Gli tirza il cazzo o gli prude la passera e chi se ne fotte. Poi il contrario o forse no. L'importante è fare. Già. Lo diceva pure la Fallaci nella citazione di qualche post fa. "L'importante è fare" ma non è mica vero. Fare male è peggio che non fare e non fare è il non vivere e siamo di nuovo all'equidistanza, alla ruota del carro.
Perché è indubbio che qualsiasi male che tu dai che alla fine provoca una reazione, soprattutto se lo fai a qualcuno incolpevole. Che sia uomo, donna, bambino non importa.  È la gratuità del male che lo rende peggiore del male stesso ed alle volte la giustizia arriva a diventare "vendetta".
Così ritorno all'amato S. Agostino che diceva che tutti i pregi portati all'estremo diventano difetti.  La parsimonia diventa avarizia, l'amore diventa gelosia e così in tutte le cose della vita. Ne avevo già parlato in tempi non sospetti ma anche questo è passato da un orecchio all'altro così, senza lasciare traccia.
Così è come quello che tirava i sassi e gli dicevano "basta, basta". E lui smetteva per un po e poi rincominciava. Un giorno chiamarono i gendarmi senza dirgli niente e lui si mise a piangere implorando di non essere punito.
Ecco. Molti qua sono così.  Fanno i grandi, distribuiscono dolore e se qualcuno/a sbotta, la "colpa" è la sua.
Mentre son qui in tv si parla di droni e di privacy. Il garante dice che si potranno anche abbattere. Si penso io, fintanto che si vedono. Quando saranno grandi poco più che un insetto o che tutti ne avremo uno, sarà impossibile. La privacy crea la libertà per mostri di Parigi. Il controllo è oppressione. La migliore libertà è non avere niente da nascondere soprattutto in campo sociale e sessuale anche perché se nascondi poi va a finire che puoi provare  negare anche l'evidenza.
Buona serata a chi legge, se c'è.

martedì 17 novembre 2015

Il master in casa

Avete fatto per conquistarvi la libertà,  l'autonomia,  la vostra capacità di pensare e di decidere e vorreste mettere un master in  famiglia. Se andate in alcune parti del mondo questo tipo di società c'e ancora. Andate a raqqah o ovunque vi sia estremismo religioso. Avete sta roba servita su un piatto d'argento e vita natural durante.
Lo pigliate così,  fuori della relazione normale e va a finire che fate male a chiunque vi capiti a tiro. Alle volte pure anche verso voi stesse. Tra voi non fate squadra e lo portate anche nella relazione.  Le vie di mezzo spesso vi sono sconosciute. O re o ciabatta. Avete pure linguaggi vostri, spesso incomprensibili. Il forse vuol dire "che cazzo hai fatto" o ancora "ma levati di qui". Raramente "forse" vuol dire "forse" e vale anche per un'altra lunghissima serie di parole. Se vi girano le palle vi fate venire i mal di testa che generalmente non vi riesce di spiegarvi per quello che non va, avendo pure la pretesa che vi si capisca al botto. Alle volte seguendo ragionamenti talmente complicati o contraddittori che lasciarvi con il mal di testa ed uscire con gli amici e quasi necessario alla sopravvivenza.
Come diceva quella canzone? "Dolcemente complicate...". Lo pensavo pure io, poi mi sono accorto che anche il dolcemente dipende dal troll dell'umore. Alle volte con il dolcemente ci mettono anche parecchio Shining.
Abbiate pazienza ma non so più come dirvelo ecco.

Il bdsm e il vanilla.

Ne ho parlato tante volte ma a quanto pare o non ci arrivate oppure fate recchie da mercante oppure ancora a seconda di quello che vi fa comodo e credo che sia questa parte che la fa da padrona.
Il bdsm non è un rapporto a parte. Non è, un flipper, un videogame, un diversivo per la sera. Oddio, per qualcuno si ma è bene dirlo subito (vedi post "Se..").
Il bdsm è fatto di PERSONE non di vibratori. Quando qualcuno definisce me, te, voi come "BDSM" vi porta sullo stesso livello di uno di quei cosi o poco ci manca.
Per quello affibbio definizioni di "cose" al posto di nomi o per quanto possibile li associo. Ripeto, a me pare ovvio, ad alcuni no.
Do' sempre un foglio in bianco a tutti, nessuno escluso. Non mi frega di religione, razza, altezza, peso, colore di capelli e quant'altro. Considero tutti come PERSONE con egual diritti ma anche egual doveri. In base a quello che fate, decido. Credo e spero che la cosa francamente sia reciproca perché come non ho nessuna voglia di considerare nessuno come un passatempo, un diversivo o una con cui fare sesso estremo, mi pare particolarmente degradante e non lo voglio per me.
Il bdsm non è un rapporto "normale". Mi piace parecchio paragonarlo ad un rapporto "soldato-comandante", condito parecchio da profondi sentimenti di affetto se non di amore puro.
E' chiaro che se tu lavori in un magazzino, sia abbastanza difficile che ti capiti che ti crolli addosso uno scaffale. Oddio, dipende dal magazzino ma l'equazione regge. Così se lavori in una acciaieria, il lavoro è particolarmente pericoloso e se sei un soldato, spesso e volentieri dagli ordini che ricevi o dalla situazione in cui ti trovi ci puoi anche rimettere la pelle o qualche pezzo di corpo.
Il bdsm  è qualcosa di molto simile. Fatto male è particolarmente rischioso, fino a giocarsi la vita. Non è un lavoro, è sesso e senza intesa prima e legame dopo, è solo un susseguirsi di gesti convulsi anche se divertenti.
Se il vostro ufficiale vi dice: "alzati e corri che dobbiamo individuare un cecchino", tu ti alzi e corri punto. Il rischio che il cecchino ti centri è alto e l'ufficiale lo sa eppure te l'ordina. Qui chiaramente non c'è nessun cecchino, nessuno che ti spara ma se non ubbidisci a quello che ti viene chiesto, ciao. Non è che si cambia perché non ti piace e diventa solo gioco di ruolo. In questo, quando ci si stufa, si smette. Qui si smette se ci si stufa di quell'altro/a o se quel che ti dice o fa, non ha nessun senso e si diverte solo lui/lei.
Comparare e mettere le due cose assieme è semplicemente impossibile a meno di non aver così tanti compromessi da renderlo altro rispetto a quello che è partito. Non vi torna? Pace. Quando ci avrete battuto il muso per anni, forse capirete.
Non avete le idee chiare? Di nuovo, non venite.
Non avete chiaro quali siano i vostri obblighi e i vostri doveri? Non venite, non aprite manco bocca.
Non avete chiaro cosa vi è dovuto e cosa no che significato profondo è fare un'azione o dichiarare qualcosa in questi rapporti? Andate a giocare con le bambole, le vostre però.

lunedì 16 novembre 2015

Buona notte

Vorrei chiudere gli occhi e sognare un tempo dove falsità,  interesse, religione non ci sono mai stati.
Che bello il posto dove l'amore supera l'egoismo, dove dare è più bello che prendere anche perché è così ovvio che se dai, dall'altra parte c'è qualcuno che riceve ma lo spirito di sicuro, cambia. La pace nel sogno non c'è un dio migliore di un altro o un profeta altrettanto. Senza le follie di qualcuno che pretende di parlare con un essere superiore che anche se ci fosse, sarebbe così impegnato con il suo uni (forse), verso da non avere tempo per un granello di sabbia tra miliardi, di miliardi, di miliardi di mondi di sabbia. Vorrei che in quel tempo le persone siano finalmente tali e che si rispettino capendo che questo dipende da noi stessi e non dalla società ma dalla crescita interiore. Vorrei che non ci fosse bisogno di "punizioni" perché ognuno capisca quando sbaglia. Vorrei che ad ogni sbaglio ci fosse un modo per riparare con successo.
Poi ti svegli e ti accorgi che tutto questo non esiste. Se va bene, trovi uno che ti mente. Se va male ti ammazza magari per 20 euro o per dire che il suo dio è meglio del tuo. Ti chiama l'amico/a: "Mi fai un pc?"
"Ok", prendi i pezzi. 
"Non mi bastano i soldi, mi anticipi che appena è pronto pago?"
"Si, volentieri". Pc consegnato, soldi mai visti. Piccole cose ti dici ma per quelle grandi invece le persone cambiano.  No, fanno peggio. Per quelle grandi ti lasciano solo. Passa uno a Capaci e boom. Tutto a pezzi e tu cerchi quei pezzi perché il buono non si perda nell'aria o nel tempo ma anche qui capisci che non gliene frega un cazzo a nessuno. Dove c'è caos pochi furbi fanno come gli pare ed il resto si affanna per le briciole. Tu dirai che magari conosci una persona con cui sognare sia lecito. Per due, tre ore, un giorno, un we o quello che è, puoi fare pace con il mondo,  dare e ricevere solo serenità.  In fondo è così semplice: un giorno, un passo. Tanti giorni, tanti passi. Un cammino. 
Nulla da fare. Una mattina, un pomeriggio, una sera arriva qualcuno che senza vergogna ti dice che abbiamo scherzato. Così è meglio non svegliarsi e lasciare libera l'anima se c'è di poter trovare un posto dove la sua energia serva a qualcosa, magari solo a dare un'altra vita o ad accendere una stella.
A che serve svegliarsi se non ad adattarsi al peggio o a trovare le certezze che ogni meglio, anche piccolo,  è destinato ad essere demolito.
Buona notte, buona guerra. Ci sarà sangue e paura. Ribellarsi costa, non ribellarsi costa di più perché annienta anche il sogno.
Buon notte.

sabato 14 novembre 2015

Se...

In primis, il feed. Adesso funzionano tutti e due. Creato il nuovo feed con feed burner, l'altro non lo legge direttamente dal blog e si autoinganna. Fino a che regge potete rimanere così.  Ma che stronzi. Avete mai letto Sant'Agostino? Ecco, dovreste. Dovreste parecchio, si.

Coloro che ci hanno lasciati non sono degli assenti, sono solo degli invisibili: tengono i loro occhi pieni di gloria puntati nei nostri pieni di lacrime. (Sant’Agostino)
Meglio avere un cuore senza parole che dire parole senza cuore. (Mahatma Gandhi)
Adesso mi viene la voglia di fare una domanda scontata alle lettrici di questo blog se ce ne sono. Chi di voi vuole una session tanto per fare e per divertirsi e basta? Su dai, è una domandina semplice, semplice. Mi avete sfrantecato le palle con la storia dell'unicità,  che le donne vogliono questo e quest'altro e poi arrivi ad un  certo punto e ti accorgi che di quelle veramente così,  una o due su cento. Guardate che è meno fatica dire una cosa e farla che fare l'esatto contrario. Non richiede tanto impegno, no!. Chiamate mastro o un altro e gli dite: "hai da fare domani? Nel caso tu fossi libero mi piacerebbe farmi un giro". Non mi direte che avete paura di passare da troia a dire che vi piace solo una cosa del genere. Però e nel caso, perché cazzo venite qua? Li fuori è pieno di gente così,  perché venite a rompere a me. La prima miss mi disse una cosa che è verità sacrosanta. Se sai che vedi una persona una volta, due tre, poi basta, ci metti tutto l'impegno per prendere e dare il massimo. Se sai che lo rivedi, non esaurire mai il desiderio, lascialo per la volta e la voglia di rivedersi successiva. L'onestà ha i suoi vantaggi. Effettivamente...

Le parole non sono state inventate perché gli uomini s'ingannino tra loro ma perché ciascuno passi all'altro la bontà dei propri pensieri. La misura dell'amore è amare senza misura. (Sant'Agostino)
Mantieni i tuoi pensieri positivi, perché i tuoi pensieri diventano parole.
Mantieni le tue parole positive, perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti.
Mantieni i tuoi comportamenti positivi, perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini.
Mantieni le tue abitudini positive, perché le tue abitudini diventano i tuoi valori.
Mantieni i tuoi valori positivi, perché i tuoi valori diventano il tuo destino. (Mahatma Gandhi) 
Poi siete venute con l'appartenenza. Che è sta roba? No non si va dal pizzicagnolo e si chiede se te ne incarta due etti. L'appartenenza è l'essenza di un rapporto e che si costruisce attraverso un legame serio, profondo e vero. L'appartenenza è fatta di piccole e grandi cose.  Dai grossi problemi della vita ali piccoli dettagli. Per l'appunto le tazze con le foto dei figli, il dolce per la festa, il sito che non funziona, i ladri che ti entrano in casa o sul posto di lavoro e pure dalle ore o i giorni passati assieme a fare bdsm. L'appartenenza non accetta falsità e preclude l'inganno e l'ipocrisia verso se stessi perché l'appartenenza è la presenza prima di tutto di persone con valori. Qui non esiste o quasi il tradimento fisico. Il bdsm si può vivere semplicemente guardandosi negli occhi o in un incontro di gruppo, il bdsm non è una pratica,  non vai a giocare a tennis. È uno stile di vita che parte dalla morale e finisce con l'appagamento. Il piacere non è il fine perché puoi godere mille volte e mille volte ancora e non trovare mai appagamento.  L'appartenenza non ha inizio né fine e non è mai un errore.  Non si può dire infatti mai quando questa cominci, non ci sono interruttori per cui "tu" puoi sentire qualcuno dentro ed essere ricambiato/a. Può avere fine una storia ma se davvero rispetti te stesso e con chi dividi la tua vita, questa non ha una fine.

Dio ti ha creato senza interpellarti, ma non ti salva se non c'è il tuo consenso. (Sant'Agostino)
Per me è sempre stato un mistero perché gli uomini si sentano onorati quando impongono delle umiliazioni ai loro simili. (Mahatma Gandhi)
La vita non è un errore, le persone sono sono errori e manco le scelte lo sono. Facciamo ciò che sentiamo e se lo sentiamo è giusto. Può essere sbagliato perché di per se porta ad un fine sbagliato ma non è mai un errore. Se sbagli capisci cosa fare bene e se hai fatto bene, non importa andare oltre.


E adesso per cortesia non venite a parlarmi di Dio, questo è un esempio e una metafora. Dio c'entra se credete in Dio e c'entra la vostra morale se credete in voi stessi. 

Fides quaerit, intellectus invenit. Et rursus intellectus Eum quem invenit adhuc quaerit. - La fede cerca, la ragione trova. E ancora la ragione cerca Colui che ha trovato. (Sant'Agostino)
Non vale la pena di godere di diritti che non derivino dall'aver compiuto il proprio dovere (Mahatma Gandhi)
La prima volta che sono ito su al nord ero un ragazzino.  Arrivi ad un semaforo pedonale, non passa nessuno e tu cerchi di attraversare comunque come si fa qua. Ci hanno ripreso per il collo e detto che non si fa. Anzi, non mettere manco il piede fuori dal marciapiede che se passa un pula ti fa la multa. Adesso sinceramente non so cosa dice il codice della strada qua ma credo che sia previsto. All'epoca lo era ma qui non penso che nessuno mai abbia multato uno che abbia fatto una cosa del genere e manco un gruppo di ciclisti che prendono l'intera carreggiata. Una bici senza faro la sera e via così. Ecco perché nel post precedente dicevo che il diritto nasce dal dovere. Se non vuoi trovare gente in mezzo di strada quando guidi,  non entrare in mezzo di strada e se lo fai c'è uno che scrive e ti fa capire.

Nessuno può essere veramente amico dell'uomo se non è innanzi tutto amico della verità (Sant'Agostino)
Non dovremmo avere che una sola paura: quella di fare qualcosa di ingiusto o di falso. (Mahatma Gandhi)
Se domattina mastro dicesse alla signora x che è l' "unica che spoglia e la più importante", mentre lo dice ad un'altra in contemporanea e sta cosa si scopre chi è lo sputtanatore? Chi pubblica o "io" master, che sono uno stronzo?  Per la cronaca, la cosa è successa davvero ad un'amica qualche anno fa. Il tipo era un master famoso. Poi arrivò uno/a (boh), che con un profilo farlocco raccontò la storia. Ultimamente gli è risuccesso con un altrettanto master famoso (Esinem).  Morale?
1 - non prendere per il culo,
2 - non prendere per il culo,
3 - non prendere per il culo,
Prima di tutto te stesso/a ma soprattutto non gli altri.

L'amore non si vede in un luogo e non si cerca con gli occhi del corpo. Non si odono le sue parole e quando viene a te non si odono i suoi passi. (Sant'Agostino)
Se urli tutti ti sentono... Se bisbigli ti sente solo chi ti sta vicino... Ma se stai in silenzio solo chi ti ama ti ascolta. (Mahatma Gandhi)
Qualcuno ha un'idea di cosa siano gli accordi prematrimoniali negli states? Stessa roba. Prevenire che uno, ma in genere una stronza, sia li solo per i soldi del tipo perché a dire ti amo ci vuole uno sputo e a negare che sia vero, ancora meno. Poi c'è la fila per andare a puttane (e c'è davvero), figuriamoci se non c'è la fila da una che te la da gratis. Basta che gli giri nel verso giusto e se poi cambia idea, un'altra. Ecco, questo potrebbe pure essere un modo per evitare che circolino in giro certi soggetti o per lo meno che si sappia che tipo di cosi siano. Eppure ripeto, mi pareva è,  solo, mi pareva di aver sentito tante volte. Ho una cena, un compleanno, mastro mi aiuti? Ho bucato, sono senza ruota di scorta, come faccio adesso? Ho il pc in famiglia, non voglio che mi leggano, come si fa? Le tazzine appunto per le colazioni di casa, quello, quell'altro e uno se lo domanda effettivamente.  Cercavate un tuttofare? Che cosa signore cercate quando venite qua. Su, una che dia una risposta che poi non banno per evidente stupidità. Quando comincia una convivenza o una relazione, siamo tutti spinti dalla curiosità del viaggio. Quando finisce, se entrambi hanno vissuto con coscienza e non è andata, non ci sono né vinti né vincitori. Né offesi, né abusati. Né forti, né deboli. Né cattivi, né buoni. C'è solo il  rispetto reciproco perché sai che nonostante tutto ci siamo arresi per incompatibilità e non per via delle sveglie mattutine o dei desideri del cazzo o della fica. Quando finiscono le storie false c'è sempre uno sconfitto ed un vincitore ma non sono le storie ad essere false o "sbagliate", sono le persone.

“Se qualcuno vi si avvicina con un dono e voi non lo accettate, a chi appartiene il dono?”, domandò il samurai. “A chi ha tentato di regalarlo”, rispose uno dei discepoli. “Lo stesso vale per l’invidia, la rabbia e gli insulti”, disse il maestro: “Quando non sono accettati, continuano ad appartenere a chi li portava con sé”. (Storiella Zen)
Preferiamo ignorarla, la verità. Per non soffrire. Per non guarire. Perché altrimenti diventeremmo quello che abbiamo paura di essere: completamente vivi. trovare scappatoie quando non si vuole guardare dentro se stessi è la cosa più facile al mondo. Una colpa esterna esiste sempre, è necessario avere molto coraggio per accettare che la colpa – o meglio la responsabilità – appartiene a noi soltanto. (S. Tamaro)
Domattina arriva uno che sbagliando contenitore mette la candeggina in una bottiglia di acqua. I primo che ha trovato. Esce per andare a pisciare, arriva un altro che ha sete e beve. Scusa? Scusa lo chiedi a tua sorella. Non importa quanto sei stato bravo prima. A me pare ovvio, a molti a quanto pare no. Nelle vite giocate c'è anche questa. Non era candeggina e me ne sono accorto in tempo ma non abbastanza da finire al pronto soccorso raccontando una cazzata. Mo anche queste son finite è.  :)