domenica 22 novembre 2015

I miei gatti

I miei gatti. Solo dei piccoli, insulsi gatti.
Il piccolino, gamba di legno che si strappò un dito nel termosifone, dopo averlo cresciuto come mamma, lo chiamo e gli dico: "amore", lui si avvicina, mi da le testate (sono le coccole intime dei gatti), poi si alza sulle zampe, mi afferra le guance con quelle anteriori e accarezzandomi, mi da un morsetto in faccia. Polpetta, qualsiasi cosa faccia, viene a vedere ed aiutare. Birillo non mangia se non rientro, aspetta le coccole fatte e rese e poi, forse mangia. Forse. In genere prende un fermino ma aspetta. La piccola scodinzola appena ti vede, ti viene in contro con le coccole e sono tutti, ma tutti cosi, proprio tutti. Portano le cose come i calzini e le mutande che lasci in giro. L'altro giorno la mammona ha sfilato una rosa di plastica da un vaso e l'ha portata tra i denti ad uno di noi. Sono gatti, sono dei semplici, piccoli, insulsi gatti ma sono sinceri e hanno una anima così grande che qualche cazzo di essere umano ci si perderebbe tanto è falso e vuoto. È dura da dire ma è il quanto.



Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)