sabato 24 settembre 2016

Il Verga

La cosa strana da quando è cominciato tutto sto casino e dormo decisamente male, la gatta di  mia mamma si è trasferita da me ma non in casa. Non la vedo tutto il giorno ma ad una certa ora se mi vede alla tv, si piazza sul tavolo da fumo e comincia a guardare me ed il letto. Vocalizza e solo uno stupido non capirebbe cosa vuole.
Appena entro in camera  ci salta su. Aspetta che mi sdrai e poi regolarmente si avvicina, si fa fare le carezze e poi alla mia testa, comincia a fare le fusa e leccarmi i capelli. Smette e si accuccia vicino ad una gamba. Se non riprendo sonno e mi butto sul divano lei viene a riprendermi e non la smette fintanto che non torno a letto. Se mi alzo e vado in bagno, lei viene e comincia a vocalizzare agitata, a puntare il letto e quando ci torno, di nuovo mi sbaciucchia ogni santa volta. Dove l'ho visto fare? Quando aveva i cuccioli e stavamo assieme a dargli il latte e tutto quanto.  È "solo" una gatta e alle volte gli animali hanno più empatia di molte cose dall'aspetto umano che si sforzano di dimostrare di sentire qualcosa e che invece sono vuoti, morti dentro. Anzi, non sono mai nati. Vite false come chi gli sta intorno e non si accorge che accanto non hanno nessuno. Si, non c'è nulla meno di nulla. Ti fanno sentire così perché semplicemente sono così. Ho visto solo un film nell'ultimo anno al cinema e si, cosa sia avere una relazione con questi sub umani sta tutto qua.



Cosa pensate davvero che una violenza subita da qualcun* stia nei lividi, nelle percosse e quant'altro? I lividi dopo un po' passano ma è quello che resta dentro che non va via. Non se ne va per nessuna ragione vacca dell'Eva eppure "mi diverto" ma il disagio rimane li. Si perché non muori. Non c'è una spada laser che ti trapassa e ciao. Rimani vivo con quel coso dentro.
Per certi lati quel dolorino alla frattura, quel taglio che giace sulla pelle non se ne andranno manco se fai finta di nulla. Sono li e li rimarranno come tutto il resto ed il disagio, lo schifo che ti porti dentro per la disumanità di questa sensazione é indelebile. Il profumo di l*i diventa tanfo, i ricordi diventano sporchi, i messaggi, le foto, le parole, conati quasi come se gli volessi buttar fuori da te. E' tutto lercio quello impregnato da questa "cosa". Non ti fidi, ti sforzi di dire che le persone non sono tutte uguali, che ogni storia è diversa che devi dare ad ognuno la sua chance ma al primo sintomo di un comportamento simile ti torna di nuovo in mente tutto e fumi il soggetto alla velocità della luce.

Quante volte ho dato agli altri gli stessi suggerimenti che sto dando adesso a me stesso? Tante, troppe volte ma spesso e volentieri io ero li a dimostrare e stare attento a non replicare situazioni o cose simili. Ricostruire fiducia dove non c'è. Non esiste legge credo che possa davvero fare giustizia. Bisognerebbe trovare il modo di arrostirgli l'anima ma ancora non l'hanno inventato e soprattutto quella è una cosa che semplicemente non hanno.

Gli uomini non ragionano alle volte e se lo fanno, lo fanno con il cazzo. Per quello perdono la ragione e fanno delle cose inumane. La follia sta quando invece ti trovi donne che hanno gli stessi comportamenti. Loro, che danno la vita. Spesso la parola "mamma" è la prima e l'ultima che si dice nella nostra esistenza e sapere che una mamma considera il tutto come cose da possedere ed usare e nulla o poco più, è l'antitesi totale della bellezza e la profondità della vita. Semplicemente inconcepibile eppure ci sbatti il muso anche se non vuoi. Così partecipo e leggo e scrivo e mi confronto. Per chi vuole leggere: Se il cuore brama vendetta ma seguito a considerare da qua per non riempire il blog di qualcun altro che mi pare pure giusto non farlo, il come riuscire a fermarli che lo so è difficile ma so anche che se non si fa niente e non si seguita a parlarne, va a finire che si ignora il problema.

Io non voglio la giornata della pace, voglio la pace. Non voglio la giornata contro la violenza sulle donne, voglio la non violenza su tutti e tutti i giorni. Questa per me è la serenità o per lo meno, una parte di essa.

Non provo rispetto per loro, mi spiace. Ho scritto tanto quando rileggo questo blog mi sembra che invece sia già stato detto e ridetto e che ho solo ripetuto in alta forma la delusione per avere incontrato e dato l'anima a chi non si meritava nemmeno il buon giorno.

E se siete qui a capire allora rileggetevi "regole tra me e te". Shogun. "Il tempio del drago Ryoanji", 47 ronin e molto altro ancora ma guardate le date così a facciamo finita una volta per tutte. Come concilio il buddismo al kumite ad esempio? Semplice. Se sei un nemico sei solo qualcosa da abbattere come tutti i soldati. Il "Chi". Ognuno di noi è fatto di bello e di brutto e tutti convivono nello stesso posto. E adesso questo cazzo di perdono di cui tutti parlano. Si ci ho provato qualche volta con il risultato che il o la perdonata si è sentito liber* ti tornare a rompere le palle e ricominciare da capo perché questa roba non cambia è. Nemmeno se la paghi, se la compri, se la rimandi in fabbrica. Son venuti talmente di emme che spesso non li rivogliono manco li. Una volta ci ho anche quasi rimesso la pelle tanto per cambiare una ventina di anni fa.
Quindi si taglia i ponti. Per me non è vendetta avere le mie cose o roba del genere come il tipo del post nel blog che ho linkato poco sopra. E' semplicemente cancellare le loro esistenze. Poi è roba mia, se un* la vuole, la paghi come fanno tutti sempre che gliela la vendo ma i cd, nastri, dischi in vinile, manco sotto tortura poi "tu" cosa "va a farti ammazzare il prima possibile" (detto male ma è quello che mi passa nella testa, così come i tir a 18 ruote), modi di dire, tutto qua. Se poi gli dai di zoccola va a finire che ti trovi una pantegana norvegese sotto casa che i miei mici dicono: "Finalmente una topa decente!" ma lei ti apostrofa guardandoti diretto negli occhi ed incazzata come una scimmia: "We, bischero, sarò brutta, grigia, con i denti di fuori ma al pari di quella tu non mi ci metti o ti do un camuffo nel muso che la tu mamma per riconoscerti ha bisogno dell'impronta dentaria. Forstået du?" Ah, se avete da ridire per i "camuffi nel muso", guardatevi questo così tagliamo la testa al toro:


Il perdono lo chiederanno a dio se credono, a me no. Non l'ho mai capito manco quando li vedo in tv che gli hanno ammazzato i genitori o quant'altro e si sentono dire: "Si, io l* perdono". Boh! E' fuori da ogni (mia), ragione sarà che mi pare strano che lo stesso dio abbia raccontato una cosa agli Ebrei, ai Cristiani poi e ai Mussulmani dopo e ancora roba diversa agli Avventisti, alla Chiesa del 7mo giorno e chi ne ha, più ne metta. O dio capisce un cavolo o siamo noi che abbiamo bisogno di un otorino bravo ma parecchio.
Mi viene spesso da fare delle similitudini con i cafoni del Verga che "continua a parlare, dolcemente, con la Dama in questa novella che ha tanto il sapore di un programma stilistico e contenutistico: “... mi è parso ora di leggere una fatale necessità nelle tenaci affezioni dei deboli, nell'istinto che hanno i piccoli di stringersi fra loro per resistere alle tempeste della vita, e ho cercato di decifrare il dramma modesto e ignoto che deve aver sgominati gli attori plebei che conoscemmo insieme. Allorquando uno di quei piccoli, o più debole, o più incauto, o più egoista degli altri, volle staccarsi dai suoi per vaghezza dell'ignoto, o per brama di meglio, o per curiosità di conoscere il mondo; il mondo, da pesce vorace com'è, se lo ingoiò, e i suoi più prossimi con lui. - E sotto questo aspetto vedrete che il dramma non manca d'interesse. Per le ostriche l'argomento più interessante deve esser quello che tratta delle insidie del gambero, o del coltello del palombaro che le stacca dallo scoglio”
Con una Dama ci andai a letto ma non era un'ostrica. Nel mediterraneo ci son solo le cozze ed il Verga non mi era mai stato simpatico. Credevo nell'individuo, nella possibilità di crescere e nel libero arbitrio che fa scegliere di fare cambiamenti drastici fuori dalla continuità dei canoni e delle regole dogmatiche della società italiana. Mentre studiavo il signore, andavo ed abitavo nella terra dei draghi e mi dicevo che era possibile e gli esempi qui ce n'erano tanti. Trentaquattro anni dopo mi sono dovuto ricredere. Le cozze rimangono delle cozze e anche se si attaccano allo scoglio, arriva qualcuno o qualcosa che le apre e se le mangia. Semmai la scelta è se accontentarsi delle briciole o se partecipare al banchetto. Anche perché pur stando ferme, hanno la straordinaria capacità di uccidersi a vicenda nel tentativo di sopravvivere a quella tempesta che in fondo non è altro che il predatore di turno.



Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)