domenica 16 ottobre 2016

Il possesso e il tempo.

Credo che nessun uomo possa possedere un altro uomo né fisicamente, né moralmente. Credo che ogni uomo nasca libero di essere e di diventare quello che gli dona felicità. Esiste il completamento semmai, il trovare, incontrare e vivere la persona che ti rende felice. Esistono pertanto diversi gradi di "completamento" e nelle relazioni. La semplice conoscenza, l'amicizia e il letto. L'amicizia è la prima base per cui qualcuno possa andare a letto con qualcun altro. Senza questo è solo un gesto sciatto e sporco per la sua stessa natura. Ha solo l'appagamento fisico e non comporta quasi nessuna morale che l'intesa a letto. Vero è che per trovarla quell'intesa a letto bisogna finirci ma se rimane li, ciao. Per trombare non bisogna per forza riempirsi le idee di puttanate varie, basta essere coscienti di quello che si fa e basta. Nessuna empatia. Un minimo di rispetto. Gesti materiali magari con buona tecnica e li finisce

.

Credo che il mio ed il tuo sia quello che ci viene donato e che li si fermi se questo è dato con sincerità, rispetto e lealtà. In quel caso considero veramente un privilegio aver incontrato qualcuna ed avere la possibilità di viverla qualsiasi sia stato il suo passato. Conta come ci si comporta da quanto ci si incontra e soprattutto da come le storie (purtroppo alle volte). Finiscono perché quello è tutto il senso che si ha e si può dare al vissuto, all'aver condiviso. In base a ciò, considero le persone buone o cattive.

Credo che sia meglio spiegare e rispiegare e far capire piuttosto che dare un ceffone o colpire qualcuno ma se mi colpiscono, rendo e anche in modo pesante. Non sono buonista e pacifista a tutti i costi ma cerco di usare un minimo di buon senso e che da uomo imperfetto, non sempre ho. Sbaglio e quando lo faccio, prendo delle cantonate micidiali. Considero ogni errore di qualcuno, rimediabile. Dico spesso che: "Il rotto riparabile non è mai rotto veramente" e in un certo senso è una forma di perdono anche molto ampia. Superato un certo limite ed è quello dell'umana decenza, no, non si va.

Credo che il diritto nasca dal dovere e non viceversa ma sopratutto non da solo. Credo che se chi hai accanto ti chieda qualcosa o tu veda che semplicemente abbia bisogno di qualcosa, tu debba essere in dovere di aiutare questa persona soprattutto se è una storia di letto. D'amore, mettetela come vi pare, spero che abbiate capito. Quindi non importa che cosa sia, se ha bisogno dell'auto o della ricetta di un dolce per far felice i figli, la famiglia o gli amici. C'è una ex che mi chiama ogni tre per due, cambia nulla chi e come. Se puoi, da' pure il dolce e di la, si spera che ne facciano buon uso. Immaginate chi con un'ambulanza va a prendere tizio e decida se soccorrerlo perché è una buona persona altrimenti no. Non funziona. Vero, se ti comporti male poi rischi che il dolce sia pure buono ma che il piatto su cui è fatto gli finisca direttamente su per il culo. Non importa chi glielo infila, l'importante è che non esca.

Credo che le esperienze nel bene e nel male cambino la vita. Avevo un capitano che era stato nella missione Libano con il Gen. Angioni secoli fa. Era "schizzato". Tic nervosi a go-go. Oggi lo definiremo stress post traumatico. Appunto. Forse i proverbi hanno una ragione no? "Semini vento, raccogli tempesta". Non seminare vento, semina AMORE per dio. Fa le cose con giustizia, rispetta chi hai accanto come reputi tu voglia essere rispettato. Quando cessi, se poi l'altr* sbarroccia, e beh. Ci dovevi pensar prima. Papà diceva: "Se tratti male un cane, quello prima o poi ti morde. Se tratti male una pecchia, quella ti buca. Eppure sono entrambi delle creature dolcissime."


Penso che spiegare alle persone sia una cosa molto difficile perché difficilmente capiscono e se lo fanno, invece di spiegare anche a chi hanno intorno, preferiscono distruggere quello che hanno imparato per compiacere e ritornano a fare le porcate che facevano prima. Pure io in fondo. I primi tempi di internet i rompicoglioni venivano tracciati, individuati gli ip ed inserito un virus che al riavvio gli avrebbe messo male il pc se non cancellato il contenuto dei miseri HD che si aveva. Poi si passò ad avvertire ma in genere rispondevano male, spesso con un "Fatti i cazzi tuoi" (appunto), ed il vederli continuare a fare i cazzi loro. Psss, non mi sto accusando di nessun reato. Credo che sia venuto il momento di smettere di spiegare soprattutto a chi non vuol capire o si difende dietro paraventi di carta di riso. Siccome la gran parte di voi è nella categoria "genio", questo non significa freddargli il pc o il telefono ma utilizzare i sistemi internazionali che regolano la rete e che superano le singole leggi o i buchi che queste hanno. Come si dice in Italia? "Fatta la legge, trovato l'inganno". L'altra sera Mitnick dall'alto della sua grandezza disse: "Di chi è la colpa di chi entra o di chi lascia la porta aperta"? In effetti non fa una grinza. Si geni, lo sappiamo tutti che non si dovrebbe entrare secondo le solite leggi ma se proprio è così sbagliato che ci fa Mitnick li dov'è invece di essere in galera a scontare la pena che gli avevano dato? Tutti i torti non ce li ha.


Il principio base di ogni sana società è e rimane SEMPRE il principio della reciprocità. Se chiedi rispetto, dai rispetto. Se non vuoi che ti rubino, non rubare, se non vuoi che ti manchino di rispetto, non mancare di rispetto. Quando uno stato non capisce e non regima a modo questo, non è uno stato ma un'anarchia in cui l' "oppresso" troverà sempre il modo di fare a conto suo. Che sia quando dopo il terzo furto il negoziante spara al ladro o dopo che hanno riempito di botte moglie e figli per fregargli il ciondolino che la bisnonna gli aveva regalato e custodito per due guerre mondiali il cui valore è spesso solo o quasi MORALE, non funzioni letteralmente un cazzo. Se lo stato si impegna a proteggerti ebbene DEVE farlo. Se manca, cazzi suoi come di tutti.

Credo che nella formula del matrimonio ci sia una sola cosa che vada davvero la pena di ricordare e che prescinde da dio:
"Prometto di esserti leale sempre,
nella gioia e nel dolore,
nella salute e nella malattia,
e di amarti e onorarti
tutti i giorni della mia vita."
e ci aggiungo pure la notte!

Credo che dovrebbe essere pronunciato ogni qualvolta ci si impegni in amicizia e che sia vincolante per lo meno fino a quando qualcuno dei due non ci passa sopra con un carro armato di ultima generazione. L'amicizia mi spiace non è egoismo. E' la prima forma di amore e per il vostro dio se ce l'avete, per l*i vi sporcate le mani per aiutarl* o semplicemente non siete amici ma conoscenti di comodo. Vi fa piacere vedere quei pompieri e quei volontari che sono iti a tirare fuori le persone da sotto le macerie. Ecco, quello è sporcarsi le mani. Quella è amicizia disinteressata. Quello è considerare qualcuno importante per il solo fatto di esistere. E' rispetto, talmente tanto rispetto per la vita da rischiare la propria per salvare la vostra. 


Credo nella scienza e la morale che questa ci da. Non credo in nessuna morale divina, dettata da un dio immaginario che è al di sopra di tutto e che parla con gli uomini. Credo ancora di meno negli uomini che professano di parlare per conto di Dio. Per quello che mi riguarda sono degli allucinati senza per forza aver ingerito delle pasticche di LSD ma il cui effetto è talvolta peggiore della succitata droga. Per questi dialoghi, spesso torturano, uccidono ed abusano di altri esseri umani. Solermente con un pastiglia di LSD ci si lancia solo da un balcone credendo di volare. Ok, speriamo che sotto non ci sia nessuno e che non ci si metta al volante mentre siamo allucinati. Appunto però.
Detto questo, l'invenzione della monogamia degli uomini è data da presunte morali e lezioni divine. Noi non siamo fatti per vivere una vita con un singolo partner o meglio lo siamo stati. Infatti una qualsiasi femmina di sapiens-sapiens diventa fertile a circa quattordici anni, dono dell'evoluzione, quando la vita nelle caverne o anche in case anche di mattoni, era "fortunata" se arrivava ai 30-40 anni. Abbiamo allungato il periodo della fanciullezza e abbiamo fatto stramaledettamente bene ma ancora il nostro corpo non si è evoluto ed adeguato alla cosa. Ci vorrà probabilmente qualche milione di anni perché funzioni ma potete aspettare con fiducia se qualche psicopatico narcisista non finisce di rovinare questo pianeta e gran parte di voi, con lui.
Così l'unica forma di tolleranza possibile è dare amore e concentrarsi sui pregi delle diversità e non nell'oppressione di quello che non capiamo perché non è uguale a noi.

Credo che qualcuno quando entra nella vita di un altro, debba farlo in punta di piedi, rispettando tutto quello che ci trova anche se non è conforme al suo modo di pensare. Se ci entra per amore presunto o vero, ancora di più. Uscirne puliti e lasciare un bel ricordo o non far cessare qualcosa che era molto di più di un'amicizia, sia una forma di rispetto per se stessi prima di tutto e per gli altri. Siamo perché siamo stati e saremo domani quello che abbiamo costruito oggi. La vita è come una catenina o se vi piace il paragone, quel guinzaglio che vi lega. Ecco, non importa spezzarlo tutto perché si rompa, basta rompere una singola maglia che non sia più lo stesso. Questo è bene ricordarselo, sopratutto se il guinzaglio non è il vostro e se si ci siete stati professando lealtà, sincerità e amore, sia ancora un crimine peggiore farlo a pezzi con il chiaro intento di distruggere il guinzaglio e chi c'è dall'altro capo. Qualsiasi capo esso sia. In merito rileggasi anche "Quando la follia diventa manuale pratico. 04/07/2012"

Ebbene queste sono le ragioni per cui non ho tempo. Non voglio mettere il mio pistolino in un posto dove l'unica certezza è che prima o poi sarà morso senza riguardo né pietà per la sola "colpa" di esserci e di aver tentato con ogni atomo del mio corpo e con l'anima se ci credete di aver fatto di tutto per la felicità di chi ho accanto e chi c'è con lei per evidenti storie di vita vissuta. Basta e avanza. Non do' carta bianca più a nessuno, nemmeno prove continue ma intendiamoci, gli scherzi sono finiti. Se volete prendere per il culo, c'è il marito che avete a casa, l'amante che trovate sui siti a tema gratis e a pagamento. Qui il solo prezzo è il rispetto.

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)