giovedì 8 dicembre 2016

Ma stiamo scherzando?

Sì,  lo scopo del bdsm é divertirsi.
Funziona così:  si prende il servizio di volontariato dell' esercito e si trasporta a letto.
Sembra proprio il Sergente Hartman di full metal jacket. Una bella uniforme e un abito in giacca e cravatta non cambia un cazzo.
Soldatessa: rispondi signorsi, ubbidisci o ti apro come una cozza. Si da il caso che tal Sergente, sia una persona vera. Si chiama Ronald Lee Ermey ed ha interpretato il suo ruolo senza troppa fatica. Così il capo ordina e voi ubbidite:
Succhia il cazzo e tu succhi. Cazzo in gola e poi si "peggiora". In due è più divertente. In fondo è solo bdsm quindi vediamo un po' quanto siete maiale (senza offesa per i suini ovviamente). Sano esibizionismo e se non ti piace la fica che è a letto con te, m'importa un cazzo. Voi ubbidite, "ci divertiamo". Insomma lo scopo era quello di farvi diventare due troie imperiali, meglio galattiche, visto che ci siamo, puntiamo in alto.



Il passo successivo è comprarsi un bel set di corde, naturali perché con quelle sintetiche è poco fico e fare la stessa cosa. Nel mezzo ci si mette anche qualche corso base e qualche scopiazzatura di qualche legatura vista in foto. Dopodiché ti pigli un set di corde colorate e sottolinei che è per disegnare il corpo ed esponi la pulzella o le pulzelle su tutti i siti possibilmente dedicati a mo di trofeo. Immancabile il nick che sottolinei la rappresentazione che si vuole dare di se: masterdolce, mastertenero, masteroscuro, masterapallini  e pure masteracuoricini.

 

Se la pulzella non ubbidisce, la punisci. E mi raccomando l'abito. Scuro, figo e anche a mo di boia anni 2000. O impari a diventare una zoccola di prima o sono cazzi tuoi. Visto che ci siamo e per ribadire chi comanda, ogni tanto qualche vergata gli si da lo stesso. Se rimane qualche livido meglio, così riflette.

 

Non molto dissimile.


Visto che ci sei, gli fai fare anche un percorso di guerra, in modo che capisca che bisogna essere pronti a tutto. Rispondere sempre sissignore: "Yes Sir". Abbigliamento adeguato allo scopo (con la prima o stretta), e diamoci dentro.


Quando avete finito il corso, se ve lo meritate, vi daranno le mostrine. Alle volte anche il grado di preferita, il guinzaglio e ne sarete fiere. Anzi, guai a chi ve lo tocca! E' il vostro simbolo di appartenenza ad un corpo. No, mi sbaglio scusate. E' il simbolo che il vostro corpo appartiene come terreno di giochi.


Poi ci son quelli che non sanno che cazzo farsene di una donna e la usano come banco di esposizione per la loro bravura. Se son di più è meglio, fa più bravo. Così attraggono anche più aspiranti troie imperiali perché star li ed essere ammirate dal mondo, appaga il loro complesso di inferiorità e si sentono preziose e desiderate. Un mito tra le mani del mito. Vi darete o vi daranno un bel nick giapponese che fa ancora più figo anche se di quel paese non capite e non conoscete una beata minchia. Ci son pure degli apocalittici idioti che parlano di filosofia orientale e di arti marziali giapponesi senza manco aver mai messo piedi sui tatami. Mi son scordato di qualcosa? Nel caso lo metto nel post successivo.


Questo è solo BDSM ma... QUI? Quando mai?
Ieri sera l'amico a cui era dedicato il post ha messo questo:
Spesso è così. Poveracce. Così concludo con la frase che ha postato ieri una ex. Si di quelle che ho sputtanato ovunque eh! Eccome no! Foto, indirizzi e roba del genere. 
"Povero chi non ama.
Povero chi non sa amare."

Io non mi incazzo mica con chi fa sta roba. Ognuno ci mette quello che ha. Però è bene che si sappia e bene che tra il solo bdsm e il resto ci sono dei valori alla maggior parte sconosciuti. E' onore, rispetto, lealtà e spesso pure privilegio(2) di poter condividere assieme. Ah, non fate il test nel post precedente. Vi fa male. Vi verranno le pustole purulente.

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)