sabato 22 luglio 2017

Dove stiamo andando


Mi sono sbagliato, di nuovo. A qualcun@ qua non manca l'ABC del SM, manca proprio l'ABC dell'educazione.

Mi chiedevo come spiegarlo poi stasera passano su dei canali sky un vecchio film, codice d'onore. Non è che ne andai pazzo quando uscì perché francamente è difficile davvero dire chi ha ragione. perché la vita è già difficile per conto suo, figuriamoci nell'ambiente militare ma fa riflettere proprio sui limiti. Dov'è che si comincia a sbagliare?
Da un lato abbiamo l'ufficiale comandante dell base che tutti i giorni fa i conti con le perdite sul campo e che mette nel conto uno sfortunato "incidente" e quelli per cui non si può  fare altrimenti che evitare ogni possibile perdita.
La vita non fa sconti, se qualcosa deve andare storto, ci va. Per errore, per un gesto mal valutato spesso in pochi secondi, le tue braccia volano via e tu ti metti li a raccoglierne i resti nella speranza che un medico possa fare un bricolage. Non è simpatico ma è nel conto. Non mi schiero. Davvero non so anche  se vorrei che non capitasse mai niente  di male a nessuno.
So solo che essere se stessi o "uomini d'onore" è pesante. Significa dormire poco, significa stanchezza ed un sonno da poterlo rivendere  fette. Significa paura e doverla vincere e tanti omoni addestrati poi sul più bello o sono scappati o si sono bloccati come statue. Shock, la paura fa dei brutti scherzi.. Significa essere cortese con i superiori e pure con quelli sotto anche se alle volte si dicono le cose in modo duro. Significa rispettare i patti e le parole date anche se ha un prezzo sconveniente per chi l'ha data. Non ci sono scadenze, questo è il fatto.

Mi fa un po ridere pensare al lei o alla forma in azione ed al limite basta un si o un signorsi detto con rispetto. Fortunati gli amici triestini che dicono "comandi" a tutti e alle volte un comando, un ordine, è qualcosa che è giusto fare e non comodo fare. Alle volte è pure stupido fare perché ti obbliga a mettere in gioco la pelle. Comparato alla vita di tutti i giorni quando qualcuno ti cerca per chiederti come stai, è una bazzecola al confronto. Eppure c'è qualcuno che trova più interessante non interrompere una lettura che rispondere.


Ho già sperimentato l'indifferenza. Basta e avanza così. Se non si ha tempo da dedicare ad una persona, non andiamola a cercare. Se la persona è sgradita per il suo comportamento o per le sue forse troppe o scomode attenzioni lasciamola andare con la dovuta cortesia o semplicemente facciamoglielo notare. Inoltre, ci sono diversi modi per approcciare qui e credo che il più semplice sia quello di dare sfogo ad ogni possibile perversione (chiamiamola così, ma non è appropriato), senza rendere conto a nessuno. Esaltare i propri "difetti" e le proprie mancanze tanto è "solo bdsm" e qui si gode e si tromba e che ti frega. E' il posto sbagliato questo. Stabiliamo un patto tra chi legge, chi si approccia e me. Questo è il posto dove prima si ritrova stabilità e poi si spinge o per meglio dire e fare, quella stabilità si trova divertendosi e si cresce. Se questo non è chiaro o c'è un dubbio girare i tacchi grazie, anche se sono tacco dodici sotto al più bel culo del mondo.


Eppure ci sono è vengono pure a cercarti poi fanno così. Nella vita non puoi mai sapere chi incontri, quanti dolori ha vissuto nella sua vita e cosa si porta dentro e per principio ogni persona si merita rispetto sopratutto se è prima disposto ad ascoltare i tuoi di problemi, piuttosto che raccontarti i suoi. Eppure anche in questo caso, loro sono sopra a tutto, loro sono ingiudicabili, a loro è dovuto tutto.
Il semplice concetto per cui: "io sono la donna e tutto o molto (troppo), mi è dovuto", qua non attacca. Sei una persona, meritati quello che chiedi, dopo sei una donna o un uomo.


Una nota sul giudizio devo farla. Giudizio inteso come riflessione. Se qualcuno sbaglia chiaro che o è scemo o ha commesso uno o più  errori che l'hanno portato a sbagliare. Succede a tutti. Qualsiasi  cosa sia accaduta, fa di tutto per rimediare sopratutto  se coinvolge altri. Quindi no, non giudico la vita di nessuno ma il comportamento che si ha nei confronti della stessa e degli altri si. La vita è come l'amore, non sai cosa ti da. Un minuto ci sei, due minuti dopo no. La vita alle volte non ti da una scelta ma quando lo fa, sta a te e a me chiaro, fare la scelta "giusta". La costituzione italiana recita all'art. 3: "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso  di razza, di lingua, di religioni, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali." Ebbene si, ho scritto qualcosa di simile ma non è "davanti alle legge" ma come diritto assoluto. Ogni essere lo ha ma siccome si tratta di rapporti personali, ad una disugualità, rispondo nello stesso modo. Non è molto buddista ma in genere è il miglior modo per fare capire dove si sbaglia provandolo sulla propria pelle. Se arriva come "urto" personale, pace. Invece di essere occasione di riflessione vorrà dire che sarà questione di andare ognuno per la sua strada senza farsi male.


Prima di aver capito questi concetti di base che sono le fondamenta di ogni sana relazione tra individui, inutile che vi spogliate, che spedite foto, che cercate contatti, che veniate qua a rompere la mia armonia. Non sono solo ma ci riesco a stare da solo. Non voglio più persone negative intorno a me e le ultime esperienze importanti, mi hanno cambiato parecchio dentro. Non ho più pazienza. Anche questa bisogna meritarsela. Il che non significa essere drastici ma ridurre di parecchio l'elasticità della pazienza. E' chiaro che deve andare in entrambi i sensi altrimenti è una scusa o una pretesa e non voglio girarci intorno.


Le storie finite e la nostalgia.
Se un giorno esci con tizia e hai una storia che dura, o uno dei due o entrambi sono falsi come i soldi del monopoli, oppure ci sono delle ragioni valide per cui hanno condiviso un percorso di vita. E' vero che le storie si chiudono, che non si torna al passato e che se si tornasse assieme, probabilmente si litigherebbe di nuovo o non si andrebbe d'accordo ma è anche vero che se qualcuno si porta l'altr@ nel cuore, con qualche ora assieme  alle volte si fanno scintille in senso positivo. Chi l'ha scritto: "Una notte d'amore può riempire una vita?" Beh, non lo so ma ci ha ragione. Perché con me tutte tornano meno che alcune? La mia risposta è semplice. Perché molte sono state bene e si sono accorte che mastro in qualche modo le porta ancora nel cuore. Poi ci sono quelle che hanno creduto di venire qua e poter afferrare e prendere tutto senza "responsabilità" e lo sanno ma si vergognano. Così non tornano anche se alle volte vorrebbero tanto farlo. Sarà sbagliato ma così la sento. L'omino dentro di me, mi dice così e ancora per la miseria non ha mai sbagliato e adesso mi dice che c'è una a cui piacerebbe tanto alzare il telefono e (per caso), chiedere come stai. Francamente a quella "qualcuna" non saprei proprio come rispondere, davvero non so. So però che alle volte sono io che non l'ho ascoltato e ho commesso un errore ancora più grande per me stesso e per chi mi sta intorno.
Una ex una volta aveva due pappagalli bellissimi, non ricordo di che specie erano ma non erano piccoli. Un giorno le aprì la gabbia e uno andò allo sportello e lo richiuse. Lei insistè, riaprendo la gabbia. Dopo tre gg uscirono dalla gabbia e di casa e non tornarono mai più. La libertà di essere è una bellissima cosa ma fa fare scelte dure. La libertà da soli è solitudine e dover decidere. La libertà ha un senso reale se trovi e proteggi e mantieni il tuo incastro perfetto. Oltre a quello è solo un sogno che non si ripete più: "E' uno strano dolore morire di nostalgia per qualcosa che non avrai mai (più)". Alessandro Baricco.

martedì 11 luglio 2017

Oggettistica e Gadget


https://www.sexpoint-firenze.com/
C'era ma siccome son chiusi da un bel pezzo, sto giro mi son detto di rimanere in città o nelle vicinanze. Così gli amici del Sex Point a Le Sieci, Via Mascagni n. 6-8, a pochi minuti da Firenze e senza dover entrare per forza in città, hanno gentilmente offerto uno sconto del 10% sui prodotti per chi arriva da loro da questo blog.
Ovviamente non ci guadagno una mazza. Non ho commissioni di nessun tipo. Mi pareva carino di offrire ai lettori un luogo dove avvicinarsi all'oggettistica e ai gadget con un po' di sconto.
Inserite alla cassa nel campo "sconto" la sigla MDS ed avrete il 10% di risparmio ad esclusione DVD. Spedizione gratuita sopra i 99.00 euro.
Buon divertimento ragazzi e ragazze. :)

mercoledì 5 luglio 2017

Da qui alle stelle (o si cambia una vocale)


Le persone non hanno sesso. I maschi e le femmine si. Gli uomini e le donne si. Quando nello zen parliamo di rispetto questo non si limita MAI ad un gruppo di cose o di persone. Non fa differenze di nessun tipo perché il rispetto e la cortesia (in cui questo è incluso),
non può esistere a metà.

O c'è o non c'è è semplice. Lo zen, il buddismo è una scienza della mente molto semplice in fondo. Noi occidentali costruiamo su ogni cosa dei grandi castelli in aria che regolarmente crollano mentre qua è tutto drammaticamente semplice.
Ci sei domani sera? Si, ci sentiamo/vediamo domani e poi quel domani uno dei due si è dimenticat@ o ha trovato di meglio da fare. L'importanza è relativa in merito, semmai si scoprirà con il tempo cosa sia più importante, mentre quello che noi consideriamo meglio, è immediato. Giudizio, spesso affettatto ed affrettato.
Così andiamo in giro con i telefoni che star Trek prima serie, gli fanno una semplice. Eppure nessuno o quasi ha tempo per scrivere un messaggio o uno vocale del tipo: "Stasera non ci sono, ci sentiamo domani, poi ti spiego". Così l'alt@ ha tutto il tempo per organizzarsi direttamente. E che ti fotte? :))))
Poi magari passano il tempo a scrivere e riscrivere cazzate sui vari siti della profondità dell'anima, di zen, di armonia... ok, io ci rido ma alle volte è patetico.
E' na roba bella, è come quella tizia che alla stazione dei treni trova la macchinetta che legge il futuro e ci inzuppa dentro un euro. Questa gli risponde dicendogli: "ti chiami Sara Andreoni, sei nata a Milano il 8/07/1974, abiti in via dei Fiori recisi, 47 e sei qua per prendere il treno per firenze, delle ore 10:30 e vai a divertirti".
"Cazzo" dice lei tra se e se, "ma come ha fatto"? e ci infila un altro euro. La macchinetta ricomincia: "Sara Andreoni, i tuoi figli si chiamano Stefano e Sonia perché in casa tua tutto deve cominciare con la esse. Ah, tua figlia sta per incontrare uno stronzo su un sito a tema ma tu devi prendere il treno delle ore 10:30 per firenze!!!"
"Ma porca miseria, ma guarda un po' o come fa questo a rispondere così e poi che deve fare mia figlia ora?" e ci rinfila un altro euro.
"Cara Sara Andreoni. tua figlia è un po' lasciva come te e certo che i siti sono pieni di questi "buffoni", tienila d'occhio. Però di dico che a forza di star dietro alle bischerate che dico, hai perso il treno delle 10:30!!! Vedi tu!..."

Ecco, uguale. Perché a firenze c'è uno che aspetta che arrivi su quel treno e tu ti sei scordata di avvertirlo, di fare quello che dovevi. La macchinetta mica ti ha detto di tornare a casa subito che tua figlia è in pericolo, ma tu ci hai letto esattamente questo. Non va, non può andare. Non è Mastro che ha sempre ragione, è il metodo di approccio che è sbagliato ed è qui che ricomincia il percorso di rieducazione della mente.

Sempre nella stessa bolla di errore, qualcun altr@ ci legge che i Mastri non fanno mai errori, che sono fonte di assoluta verità e che non possono essere contraddetti. Beh all'inizio no, poi si. Ci sta che l'allievo veda qualcosa da un punto di vista nuovo. L'alliev@ un giorno sarà un@ maestr@ e tutti facciamo errori alle volte anche molto grandi. Di sicuro ne abbiamo fatti prima dell'alliev@ in proporzioni esagerate e ne facciamo e continueremo a farli. Non cambia il punto di una virgola però. Se hai scelto qualcun@ che ti da qualcosa anche nel contraddittorio e l'hai scelt@ come maestr@ allora seguil@ o cerca altro. E' semplice, non c'è altro. Non ci sono ma vedi se, ma forse quando e potrebbe darsi che o ancora, in certe condizioni sono d'accordo, in altre come nel caso di... STOP!
Attenzione ai dettagli, vuotare la testa, via questa roba di li.

Una mi ha chiesto se ho mai toccato le stelle. Si due volte. Una era vera, una no. Che cambia? Parliamo di momenti? Oh, si vissuto tanto da tremare. Tanto da fare dire al mondo che questo è amore. Tanto da vedersi guardare negli occhi dalla tipa della SAS e taroccare un volo per rivedersi senza doverla "Comprare". In the name of love come quella canzone degli U2. Solo per quello e non è poco.
Parliamo di stelle vere? E che vi fotte? Ci ho provato in passato a parlare di astronomia della bellezza dell'universo e di come noi tutti siamo piccoli di fronte ad esso. E infatti per molti guardare al cielo di notte quando fa freddo e le stelle sono miliardi ti fa sentire piccolo, ti riporta al granello di sabbia. Voi pensate di essere unici qua, sempre che l'universo sia davvero uno ma cominciamo anche qua a dubitare? Beh, pensateci bene che secondo le ultime scoperte e calcoli, ci sono più pianeti abitabili in grado di ospitare la vita che granelli di sabbia sulla terra. Andate al mare, provate a prenderne una manciata e se non vi sentite umili è tempo perso. Davvero.

Vi avevo fatto un video nello scorso gennaio dedicato un po' a questo, ai pensieri zen, all'approccio della vita cercando musica e titolo. "Le vent, le cri". Il vento, il grido. Il primo è la massima espressione della libertà, il secondo è quello dell'anima che vuole liberarsi dalle catene della mente imposte dalla società e dalla sua filosofia. La ricerca di un'altra dimensione, qualcosa che non sappiamo cosa sarà ma che di sicuro c'è. E' l'intrinseco dell'evoluzione e vale per tutti. Rendersi migliori nell'oggetto però dipende da noi, non dal caso e di nuovo, scusate se è poco. Poi gli insegnamenti: Ghandi, Lao Tzu, Confucio, Dalai Lama ed un paio miei. E' bella roba perdinci. Sarebbe da imparare come una preghiera che quasi lo è. "Bisogna lasciare andare la luna per arrivare alle stelle". Già. Però poi vi ci aggrappate.






Qualcun@ di nuovo dirà che parto prevenuto. Si, forse si ma la vedo bigia che un'altra abbia la costanza di arrivare qua una volta al mese da Torino, Milano, Verbania, Trento, Bolzano, Padova, Venezia e pure Udine va. Mi son scordato di qualcosa mentre si scorda le piccole cose che poi fanno la differenza dell'esserci e non. Del prendere quel treno o perderlo per sempre.
Adesso voglio fatti non chiacchiere. Non me ne frega un cazzo di come qualcun@ si dipinge, voglio vedere i veri colori prima di dire: "Si ecco, ci siamo".
E pertanto se dedico il mio tempo ad ascoltare voi, pretendo che per lo meno dedichiate il vostro tempo a permettermi di scoprire come siete prima di fidarmi. Una parte prima, una parte in corsa. Ed è il quanto.

martedì 4 luglio 2017

Mica riesco a capirvi alle volte è



Si, si, dedicato a tutte quelle MDC che pensano che passarmi la topa davanti al naso basti perché mi infili in un letto novo. No, femmine, non funziona così. Il mio letto è già pieno e sta bene così. Perché permetta a qualcuna di infilarcisi deve darmi qualcosa che non sia un bel pompino o una furiosa scopata anche in modo estremo. Semplicemente non mi interessa.
Per l'ennesima volta:
- Per narcisiste di ogni età e gusti. Non vi ci voglio come dirvelo in modo cortese? :) Ho già dato. Quella roba milanese è stata decisamente abbastanza. Non mi interessa fare il bis nemmeno per sbaglio. Il buco lasciato da quella roba li dentro la mia anima è troppo grande e doloroso per descriverlo. Si certo, si è assopito ma non dimentico, no.

- Per chi cerca una botta e via ci sono i clubs o molti siti pieni di gente che faranno salti mortali per una topa nova. Poco importa se avariata o no. Basta la topa, cervello e cuore sono optional.
- Per chi cerca consiglio: in genere rispondo a tutt@, fino a che poi c'è tizia che cerca di prendere quello che le dico per metterlo nella testa vuota dell'ultima testa di cazzo con cui si sono spogliate. Beh, tenetevi la testa di cazzo in toto.
- Per chi cerca l'esibizionismo e le foto, e che si scordi pure di quelle. Ne ho messe qualcuna scherzosa e qualcuna che mi piaceva solo in un caso. Spiacente, non ho una rastrelliera "vittime" da mostrare. Non mi interessa manco quelle. Il mio ego è altro. Non devo dimostrare niente a nessuno, lo so dove sono bravo, quasi unico ma sempre non funziona e sopratutto non funziona con tutte. E' il limite delle stelle: molti desiderano andarci, pochi in effetti ci arrivano. La mia rastrelliera pur essendo vasta è nella mia mente e nel mio cuore, per alcune. Quando non sarò più in grado di ricordare, vuol dire che sono morto.
- Per chi invece cerca di capire se una relazione SM può nascere e svilupparsi, con tutta la dovuta calma, avanti ma avanti in tutti i sensi. Qui il ma ed il se non funziona. Qualsiasi cosa vi abbiano raccontato da altre parti e da altre persone, scordatevelo. Si comincia con il giochino della verità ed il primo che smarrona, fuori. Cortesemente fuori, ancora cortesemente fuori, poi i calci nel culo. Persone tossiche ed insincere, aria.

- Queste relazioni richiedono tempo, costanza, lealtà, sincerità, km da fare spesso e volentieri. Se non siete pronte a sopportarne il peso o il "prezzo"; state a casa. Eviterete di rovinare la vita altrui, della vostra fatene quello che vi pare. :)
- Infine ricordatevi che qui di fave per tope avariate, non ce ne sono. Non le fanno proprio. Anzi, vanno buttate nei rifiuti speciali che se le metti nell'organico, sputtanano anche quello.
Spero sia cortesemente esaustivo. Più chiaro è quello che avete in testa e dentro e più facile è capire cosa trovate cercandolo qua. In genere trovate chiuso ma alle volte c'è pure qualcuna che cerca di buttar giù la porta.
Si bussa, è aperto per tutti. Ci si presenta e si chiacchiera fino a che qualcuno dei due non si stanca o capisce di non aver trovato quello che cerca o di essersi rivelat@ per quall@ che è davvero. Parlo di tutto senza problemi ma quando toccate i sentimenti ocio a come lo fate perché da li interi non si esce.


Per concludere il post e riassumerlo: non è possibile insegnare ad un uccello a volare, quello lo sa già fare. Manco insegnare ad un pesce nuotare. Però se prendi l'uccello e cerchi di farlo diventare un pesce, non funziona.
Namasté