domenica 4 marzo 2018

Rischi inerenti alle attività sessuali, cose da ripetere all'infinito.


Ricomincio dall'ABC e sto giro dalle malattie a trasmissione sessuale visto che qua nessuno le cerca o la cui conoscenza sembra molto approssimativa. Vi ridico per la 30ma volta o forse più che non sono un medico e che quindi quello che scrivo è molto da prendere con le molle. Consultate il vostro medico di famiglia magari per i dovuti chiarimenti.
Eccoci al dunque.



La Gonorrea (link): in questo caso non vi serve un preservativo ma uno scafandro. Dovete semplicemente stare lontani da chi ce l'ha ed il dovere dell'ammalato cosciente, è quello di stare lontani da voi. Anzi, in isolamento. La gonorrea o scolo, è una malattia altamente contagiosa. Non importa cosa fate, non è necessario fare basta stare vicini alla persona, addirittura toccare i suoi abiti o sedersi dove si è seduto il soggetto malato. Il problema è che non subito ci si accorge di essere portatori della malattia e che quindi possiamo contagiare o rimanere contagiati da chi ha spesso frequenti rapporti non protetti, da chi salta spesso da un letto all'altro e da chi in questo contesto ha comportamenti rischiosi. E' bene far presente che saltare spesso da un letto all'altro è di per se un comportamento MOOOOOLTO rischioso. Come per tutti gli attori porno, fatevi ed esigete analisi una volta al mese.

La sifilide (link): Questa piccola bastarda se ne può uscire manifesta anche dopo 90 giorni ma in genere sono 20. Per una sicurezza con un partner nuovo, dobbiamo per forza chiedere le analisi di 3 mesi addietro confidando che in questo periodo di tempo, il tipo o la tipa non abbiano avuto altri rapporti non protetti o non avremo mai una data ed una sicurezza "certa". Di nuovo, saltare da un letto all'altro, è molto pericoloso soprattutto farlo spesso. Le penetrazioni si fanno protette che siano preservativi in lattice o per chi è allergico allo stesso, con quelli in nitrile. Ogni farmacia seria, ne ha in vendita. Anche il sesso orale va fatto protetto perché le eventuali pustole cono contagiose e non sempre visibili. Quindi aprire un preservativo o portatevi del cellophan da interporre tra la vostra lingua e la fica della pulzella o del buco del culo della medesima. Che gusto ci possa essere a rapporti del genere, sinceramente non lo so ma ognuno faccia i cazzi suoi. :) Della serie con chi hai scopato ieri? Con un pezzo di "plastica"! Ecco! Questa malattia ha il pregio che se ne va con una singola puntura (dolorosa), di penicillina.


L'HIV o aids (links 1. 2. 3). I metodi di trasmissione che ci interessano in ambito BDSM sono due. Sessuale e via ematica. Aghi e medical o altre pratiche possono pertanto essere veicolo di questa malattia. L'hiv non sopravvive molto tempo fuori del corpo umano quindi anche i fluidi corporei sono molto pericolosi in contatto diretto es. pene (cazzo) > sperma > direttamente in bocca, intestino (sesso anale), o vagina (fica). La pp non è tendenzialmente rischiosa a meno che non vi siano come qualche volta succede nei portatori della sieropositività, perdite di sangue. Nessuno in genere fa prima pisciare in un bicchiere per vedere se vi fossero perdite di sangue e anche se ce ne fossero comunque, dubito che riusciate a rilevarne la presenza. I baci non sono fonte di contagio anche in questo caso, a meno che non vi siano perdite di sangue. Le precauzioni che dovreste adottare sono quasi le stesse della Sifilide. Quasi perché in fondo il rischio di contagio è pure minore in alcune situazioni. Il contagio maggiore dell'aids rimane comunque lo scambio di aghi nel mondo dei tossicodipendenti. Questa però è una delle ragioni per cui non pratico assolutamente fori nella pelle, di qualsiasi tipo e che gli attrezzi non appartengano a me ma alla diretta interessata su cui uso i suoi. Con le dovute accortezze gli aghi sono sicuri ma l'idea stessa mi mette in allerta. Ad alcuni piacciono  e pure parecchio. https://it.pinterest.com/aniimallover/needles/?autologin=true

Faccio un intermezzo tra queste tre malattie che ho conosciuto donne che le hanno contratte dall'idiota di turno che praticava rapporti occasionali senza cognizione di causa ed anche chi, consapevole di essere portatore di una di queste, se ne è sbattuto e ha continuato a contagiare persone  e che a sua volta, hanno contagiato i loro partner regolari dopo una scappatella. Ebbene,  mentre dalle prime due si guarisce, dalla terza no!

L'epatite C, direttamente dal sangue umano e se volete come mi pare giusto anche tutte le altre, links 1, 2 che non possono necessariamente essere associate al sesso se non in casi particolari.


Candide e funghi vari. Facili da beccare per diverse ragioni. Chi ha il diabete, chi ha un abbassamento per qualsiasi ragione delle difese immunitarie o chi per predisposizione naturale, li acchiappa solo guardando. Il primo caso è il mio e ci sbatto ogni po, e quando succede non è niente di drammatico. Due pasticche al giorno per due giorni ed in genere se ne va a meno di non aver buttato tutti gli abiti usati nel periodo della presenza della stessa. Alle volte la settimana successiva bisogna ripetere il trattamento. Spore rompicoglioni e di emme, ecco :).

Cistiti varie etc. etc. . Se fate sesso anale, lavate quell'intestino. Lavatelo bene con i clisteri e fate rifornimento di lactobacilli. Ce ne sono molti in commercio e di diverse marche tutti efficaci. Se vi lavate fate fuori sia i batteri buoni che quelli poco buoni, quindi reintegrate subito questi ultimi. Funziona anche con lo yogurt naturale senza frutta o alimenti solidi presenti. Lontano dai pasti sia prima che dopo. in modo da fargli superare la barriera acida dello stomaco che devono arrivare integri nell'intestino che avete appena lavato. Non mangiare prima dei rapporti anali profondi è anche questa sana educazione sessuale.

E mi ero proprio dimenticato.
La Clamidia (Link). Questa passa da ogni tipo di rapporto. Lingua, sesso anale, normale e insomma, tutto quello che fate a letto e pure fuori. Se vi beccate la Clamidia, probabilmente non vi accorgerete manco di averla presa e farete semplicemente una strage di chiunque venga a letto con voi.  Per quelli che invece se ne accorgono con i vari sintomi dovuti al contatto di trasmissione, è bene filare di corsa dal medico. Il trattamento è lungo, dura diversi mesi e quindi solo pugnette per un gran periodo di tempo. Una donna infettata da clamidia, ha il rischio 5 volte più alto di contrarre l'aids con pazienti infetti.



Ebbene quali rischio avete nella vita normale di tutti i giorni in cui la società vi dice che dovete avere una sola persona con cui fare sesso? Vi farete delle scappatelle occasionali anche ripetute ed anche con l@ stess@ partner e li rischiate, tanto. Vi farete delle senza approfondire il problema. magari usate il preservativo per i rapporti vaginali e poi vi prendete la sborrata in bocca o nel culo che tanto li non si rimane incinte. E beh no. Quello E' il comportamento più rischioso che potete avere con chiunque a meno che quel chiunque sia una persona seria, che non abbia partner segreti e che coinvolga anche voi in questo pluri rapporto. Intanto se il vostro partner è con voi, non è con qualcun altr@. Secondo, avete la possibilità di sperimentare senza dovervi vergognare di cosa vi piace a letto e lo condividete. Psss, io ve lo dico, è parecchio divertente in tre. Terzo, imparate che le persone, TUTTE, non amano essere il vostro svuotapalle o il riempibuchi di turno e questo vale anche per voi. Il sesso da solo è divertente, fa godere e venire ma non da appagamento. Più che ne fate, più che lo cercate senza mai riuscire a dissetarvi o saziarvi. I rapporti di letto funzionano se c'è sentimento e sesso in armonia, spinti quanto basta per soddisfare le vostre esigenze. Nessuno deve essere considerato meno di quello che volete per voi stessi anche se vi sentite Master o dom ineguagliabili o Mistress o Principesse o regine. Il o la vostra schiava di turno con cui avete una relazione stabile, deve ricevere il vostro rispetto e attenzioni così come lo chiedete per voi. E' pur vero che l'unico modo di avere rischio zero è non fare niente anche se la candida vi potrà venire lo stesso o potrete sedervi subito dopo dove si è seduto un portatore di gonorrea allo stato infettivo o ancora, bucarvi con un ago di una siringa in un parco. La vita è e rimane un rischio calcolato. Pensateci prima di scegliere il vostro stile di vita ed i partners con cui condividerla, poi fate quello che deve essere fatto. 


Scritto questo, andate dal medico e ditegli pure che avete letto queste "cazzate" su internet e che volete approfondire la cosa o verificarla. Chiaro che se è qualcun@ cristiano a cui il sesso anale e i plurirapporti non tornano, vi spedirà probabilmente a fotbar ma non arrendetevi. La vostra salute e la felicità di chi sta insieme a voi dipendono anche da questo.

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)