venerdì 13 aprile 2018

La luna o le stelle?

Non ho scritto per un po' ed ecco qualche ragione.

La prima, avevo voglia di rifare il video sulle stelle ispirato da un post di budda's teaching, una pagina fb che mi piace assai devo dire. Il pensiero è di John O'Callaghan  e recita: “Never ignore someone who loves you and cares about you. Because one day you may realize you lost the moon while counting stars.”  Non ignorare mai qualcuno che ti ama e si prende cura di te. Perché un giorno ti renderai conto di aver perso la luna contando le stelle.

Niente di più sbagliato. Forse quando non c'è la luna questa non è più nel cielo? Non è vero, la luna c'è ma è solo coperta dall'ombra della terra. Per vedere le stelle comunque la luna DEVE essere coperta dalla luce solare altrimenti nel cielo saranno visibili solo qualche centinaio di stelle e qualche pianeta. Da questa zona, probabilmente solo Giove. Nell'esempio, il tentativo di portare un messaggio di attenzione verso qualcuno che ci ama, l'autore ha, secondo il mio personale giudizio, perso la coerenza e la visione d'insieme delle cose.  Se il sole tramonta è ed notte, abbiamo perso le stelle? Non è così. Ogni cosa nella vita ad un ciclo così come il giorno e la notte. Così come l'amore o come il non amore. Machiavellicamente parlando Fortuna è anche sfortuna e amore è nello stesso modo una miriade di sfaccettature ed anche il contrario. Così la realtà non è il perdere la luna e le stelle, l'una a soppressione delle altre ma capire come armonizzare le cose e per questo mai citazione più bella è stata scritta se non quella di Marcel Proust: "Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi".

Per vedere la luna questa deve essere piena. Di questa vediamo una sola faccia e non perché la luna è ferma ma la cui rotazione è di 24h e quindi presenta a noi sempre la stessa ma l'altra rimane comunque dietro. C'è anche se noi non la vediamo. Se vogliamo vedere le stelle abbiamo bisogno di una luna nera e di un cielo terso, senza umidità e quindi meglio le notti invernali con temperature sotto lo zero e niente nuvole. Per questo i telescopi sono piazzati in posti isolati e possibilmente in alto, in modo da togliere il più possibile lo strato d'aria tra loro e le stelle. C'è da dire infine che anche il sole è una stella (gialla), e nemmeno troppo grande. E' grazie a lei che esistiamo fino dalla sua formazione. Il materiale residuo ha formato i pianeti e a sua volta anche i loro satelliti quando presenti. Senza le stelle, la luna semplicemente non esisterebbe. Senza una stella esplosa, non esisterebbero metalli pesanti come il ferro e che al centro della molecola dell'emoglobina. Così ecco il video, rifatto e sta volta non con il programmino che danno gratis con win ma che consente di avere immagini in libera diffusione delle stelle ed animazioni varie. Vi consiglio vivamente di guardarlo da PC a schermo intero, massima risoluzione e un ottimo volume. 






Strauss e molte immagini, ispirate da 2001 odissea nello spazio di Stanley Kubrick, Se poi vi volete togliere un'ulteriore curiosità ebbene, anche lo spazio ha un suono. I pianeti e le stelle ce li hanno. Su questo video, Potete sentire i suoni per lo meno di tre tra pianeti e stelle che ho inserito nel movie. Potete fermare il video su Urano e sentirne il suono. La pulsar del Granchio o quella della nebulosa de La Vela.


Adesso mi direte che cosa c'entra tutto questo con il SM? C'entra tutto è solo questione di visione d'insieme. In sintesi è la statua di Giorgia Batumi. Ogni giorno un uomo ed una donna si incontrano, si baciano, si fondono e danno origine ad una nuova statua, una sola con due facce, una che guarda il cielo ed un ala terra. Cosa, la Luna, i pianeti o le stelle? Dipende da voi. Qualcuno può dire quanto alto vuoi volare ma è meglio dire quanto ampia è la tua visione delle cose e della vita intorno a te.


Così per chi ha cercato di tornare ed è stata accompagnata all'uscio, devo dire che non è mai questione di essere troia, di essere libertina, di essere carina o meno, di essere una persona chiusa o aperta, di saper scrivere frasi di sei parole di senso compiuto (che, garantisco non molte sono in grado di fare), di essere più o meno carina ma nel vostro e nel nostro insieme. Il quadretto disegnato per acchiappare i polli è spesso diverso dalla realtà e basta attendere e porre le domande giuste per capire l'inganno. Personalmente ne ho abbastanza quindi meglio scoperchiare la pentola prima piuttosto che vivere nel mondo delle favole e scoprire di aver ribeccato l'ennesima "roba" dopo qualche tempo.
E' sempre aperto qua ma è proprio come una si pone che fa la differenza tra il rimanere ed il sentirsi dire: "Aria, circola". 

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)