Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

domenica 27 aprile 2014

La solita confusione

Facendo un po' il sunto dei posts degli ultimi giorni, incluso quello su fetlife rilanciato dall'utente "Tenshiko" dietro a quanto pare, un altro post di Stefano Laforgia (spero sto giro di averlo scritto bene che sono un po' di coccio), sui codici Hank, vorrei un attimo fare una riflessione.
In primo luogo va circostanziato il fatto che siamo negli stati uniti. Ogni stato ha le sue leggi e ripetendolo fino alla nausea, ce ne sono alcuni che considerano come la "sodomia" (il sesso anale), come una vera e propria violazione di legge. Dove i gay erano e ancora sono, come mal visti e poco tollerati.
Randy Jones, il cowboy. Dal 1980, Jeff Olson. David Hodo, l'operaio. Felipe Rose, l'indiano. Victor Willis, il poliziotto. Dal 1979, Ray Simpson.  Glenn Hughes, il motociclista. Dal 1995, Eric Anzalone. Alex Briley, il soldato.
L'Hanky code nasce in un'altra epoca dove la cosa era ancora peggio di adesso. Il bisogno di lanciare segnali agli altri senza farsi troppo comprendere dal resto del mondo. V'era una città dove storicamente la tolleranza è quasi assoluta e parliamo di San Francisco. 600 km la separano le periferie di SF e LA (fatta tutta in auto!!!), e qui vi sono gli opposti. SF è una città solare dove se sei gay nessuno ti ammazza o ti corre dietro per strada. Dove si può fare SM senza nessun problema. D'altra parte è una città piena di belle donne e vi garantisco che le unioni tra orientali e europei hanno dato vita a delle "soluzioni" miste davvero meravigliose. Come dicevo ho rizzato il culo e me ne sono andato a vedere cosa succedeva oltreoceano visto che in nord europa avevo già vissuto.
Così dopo aver passato l'estremo tedesco, il senza frontiere olandese, il perverso ma senza dogmi danese e l'animalesco svedese, ho passato l'oceano Atlantico. Gli USA per quel che ne so, vivono di separate realtà. Moralismo e bisogno di vivere la vita senza problemi entrano in conflitto quotidianamente.
Così non c'è una storia di bdsm nel HC, ma solo sicurezza per chi era dall'altra parte. Vivere il proprio mondo senza essere ghettizzati. E' anche il periodo dei Village People, gli uomini in pelle un po' bikers, un po' nudi sono di moda. Insomma orgoglio gay nasce, credo a livello mondiale con un pezzo musicale micidiale. YMCA.


Non a caso però il loro primo album e singolo del 1977 s'intitola proprio "San Francisco (You've Got Me)"



Andando a cercare simbolismi storici del bdsm in questo contesto a mio modesto modo di vedere rimane una forzatura ed un grossolano errore di attribuzione. Il bdsm c'è entrato dopo. Il "Macho man" non è che una situazione evolutiva di rapporti gay normali così come lo è in ambiente etero.
Siamo prima dell'AIDS, le persone volevano giustamente sentirsi accettate per quello che erano, con la loro fantasia e la loro particolarità così distante da tutti gli insegnamenti catto-religiosi di ogni chiesa dell'ambiente.
Non voglio entrare in pareri personali con cui potrei ribadire la superficialità ed il pressappochismo con cui si affrontano certi argomenti. Nessuno è stato linciato perché fa SM, ma alcuni gay lo sono stati solo perché erano gay.
Visto però che amo tanto i Village people ed ho introdotto poc'anzi questa canzone, la rimetto anche questa in versione originale. Buona visione e buon ascolto.


Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)