Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

domenica 13 maggio 2018

mercoledì 9 maggio 2018

Non ce la posso fare


Ecco, questo era il post che stava qua da giorni prima di avere una richiesta di come la vedo, prima di aver avuto la visita della ex con tutti i suoi profili regolari e fakes insieme a tutti i suoi parenti in gruppo (o forse no ma poco importa).
Fatevene quello che volete, come al solito e buona tranquilla lettura.

Definizioni:
- Porco: un tipo che pur di fottere in modo strano fa qualsiasi cosa. Si attribuisce meriti che non ha, finge di essere chi non è e le studia proprio di tutte per saltare da un letto all'altro.

- Troia: una tipa che ha veramente bisogno di fottere in ogni modo. Anche lei è disposta ad infilarsi in qualsiasi situazione pur di divertirsi.
Tendenzialmente entrambi sono inaffidabili perché pur di soddisfare i loro bisogni raccontano ogni genere di bugia o mezza verità fintanto che trovano soddisfacente un rapporto di letto o fintanto che non si presenta loro una situazione più ghiotta.


- Porcello: un tipo che ha relazioni normali con le persone, ha dei sentimenti e crede che lealtà, sincerità, fiducia, rispetto e dialogo siano la base fondamentale per costruire un profondo rapporto in cui si arriva ad uno stato di complicità. Letto e rapporti nascono e si approfondisco, diventano sempre più profondi ed intensi attraverso il dialogo, la comprensione reciproca.
- Porcella: una tipa come il porcello ma al femminile.

- Confusi: appartenenti ad entrambi i gruppi, cercano l'empatia ma l@ vogliono fic@. Oddio, dovrebbe essere abbastanza semplice da capire che se i cromosomi di mamma e papà hanno dato una notevole mano a qualcun@, quel qualcun@ non ha un granché bisogno di altro che mantenere la "presenza" fisica per rimanere attraente. Palestra, corsa, bicicletta, jogging e tutto quello che capita pur di non avere un briciolo di grasso. Insomma, mantenersi in forma perché se sei giovane sei una bella topa, se sei tra i 30 e 40 sei una bella donna e se invece sei sopra i 40 diventi una MILF. Oddio, per gli uomini non so come funzioni ma in genere basta che respiri.

Allora com'è che si fa a mettere la mia testa ad esempio dentro un bell'Apollo tutto muscoloso e tirato? Non si può. Non si fanno travasi di neuroni e se anche fosse possibile, da soli non bastano. I narcisi sono in genere persone molto intelligenti ed argute ma sono anche delle teste di cazzo micidiali, quindi no. Facciamo passo.

Che ci vuole quando ti arriva una che vorrebbe davvero il bel figo con una testa ed un cuore così? E' italiana, mica vede oltre il suo naso e seguiterà a cercare il principe azzurro in un campo di rape. Quindi chi saluto oggi? No, dai non facciamo nomi e nemmeno nick che la mamma dei cretini è sempre incinta e ne sforna a centinaia.

Non so voi ma provate a chiacchierare con la palestrata di turno. Sa tutto sugli alimenti, su cosa fa ingrassare, cosa no. Magari è pure vegetariana perché non mangia gli animali per (giusto), rispetto però tratta le persone come soprammobili.
Presente il campo di rape? Ecco. Questa è un'altra che lo vuole figo ma è insoddisfatta perché l'appagamento non c'è. Però  esce con un ragazzino più giovane di lei e mi dice che fino a che dura, me la godo e dura solo un paio di settimane. Poi se ne esce con un avevi ragione e per la cronaca, con la ragione ci si pulisce il culo. Domandatelo a Giovanna D'Arco che la fecero arrosto. Si le hanno dato ragione ma lei finì in carbonella.

Così dopo averla allontanata tre volte è tornata sotto con il solito nulla, ho dovuto segarla con una barzelletta.

C'è un tipo che deve prendere un treno e mentre passeggia per la stazione trova una macchinetta che dice di indovinare tutto.
Così ci mette 10€  chiedendo notizie su di lui e la macchinetta spara fuori un biglietto con il responso: "Ti chiami Spartaco Sandrelli, abiti a Milano in via De Sanctis al civico 34, int. 3. Sei nato a Lambrate il 12 marzo 71 e sei sposato con Giuliana Falsettacci. Hai due figlie, una di 18 anni Gaia, e l'altra di 22  anni Sabrina."
"Cazzo! Come ha fatto?"
Prende altri 10€ domandando di sua moglie ed esce il solito biglietto:  "La Giuliana é nata a Lodi il 25 giugno 70. Lei li adora i 69 e tu no. Non è una strafiga ma a letto ci sa fare. Si è ripassata tutti i tuoi amici e pure due tue amiche. Ah, la tua prima figlia non è tua ma di Alessandro!"

"Troiaaaaa! Ancora,  voglio sapere di più!"
Si fruga in tasca e non trova 10 euro. Corre al bar e si fa cambiare 50 euri.
Torna alla macchinetta e domanda incazzato come una furia: "Voglio i nomiii!!"
La macchinetta sputa il biglietto e c'è scritto: "I nomi poco importano, ormai sono andati ma a forza di fare domande sceme, hai perso il tuo treno!"

E pare che abbia capito. Pare è. Per lo meno non ha riprovato a richiedere amicizie che proprio... naaaaaa!!!




Poi chi c'è di consistente, quella che torna dopo qualche anno e che non era pronta e che si presenta con un: sono una troia? Ok non siamo mica in un porcile forse si, boh!
Quella che pensa di costruire  una relazione empatica e poi manda il tutto a vacca sparendo per dieci giorni dicendo che ha da fare ma che riempie la sua bacheca di porcellate? Ora, io ve lo dico in modo sincero e come al solito molto pacato. Ma pensate davvero che siano tutti più imbecilli di voi?
La matematica vi è proprio contro.  Ho cercato risultati in merito all'affermazione: "la metà della popolazione mondiale ha un'intelligenza inferiore alla media" che è stata pure centro di polemiche perché messa in mezzo da Piergiorgio Odifreddi  qualche anno fa. Dopo di che è successo il finimondo. Si perché Cretino su etimo.it e su treccani.it ha l'esatto significato di quello descritto dal matematico (mentre su accademia della crusca. ni), e che la citata percentuale presenti delle sorprese. Statisticamente siamo tutti li. La metà della popolazione non pare essere troppo scema come afferma quora e praticamente tutti gli altri. Il "problema" è quello della finestra come qualche articolo fa. Dove cavolo mi piazzo io (prendendo atto di quello che è, fine)? Praticamente sto tra 2.1-2.2% della popolazione mondiale e come cazzo faccio a spiegare al restante 97% come stanno le cose?

Non c'è mica modo.

Eppure è semplice: dietro ad un calamaro, ci sta un altro calamaro. In un campo di rape e dietro una rapa c'è sempre un'altra rapa o finisce il campo. Ok, alle volte ci sta magari pure anche qualche papavero o che ne so, della capsella? Se prendete atto di questo, se ci arrivate, allora quali speranze avete che quel papavero sia meglio della rapa? Quasi zero ed è più facile essere colpiti da un fulmine che rimediare il principe papavero. Eppure seguitate a cercare nel campo di rape  il vostro rospetto da baciare. La morale della favola è che bisogna guardare le cose e tutti gli esseri viventi con altri occhi, più profondi e allora si riuscirà a vedere il proprio principe o principessa dietro l'apparenza che ha dato la vita. Ve ne ha parlato anche H.C. Andersen ne "Il brutto anatroccolo" ma forse o non ricordate o siete troppo impegnati con le vostre notifiche, i vostri profili, desideri in cui vi sentite al centro del mondo mentre siete come me: una cacchina in un mare di nulla. Psss. ci sono più stelle in questo universo dei granelli di sabbia su tutto l'intero pianeta Terra.

Non c'è. E' sempre la storia dello ione sodio. Quindi che cazzo venite a rompermi le balle francamente? Venite qua a dire che la fiducia non esiste. Si tradisce, si fa quello che fa comodo e via così e anche se poi dite il contrario lo fate lo stesso.
Ecco, adesso vi dimostro dove la fiducia è vita.


Se molli, il gommone cade, se molli, il tronco cade. se uno molla cadono tutti e visto che nessuno ha gli occhi dietro come i ragni, "tu" copri loro, "loro" coprono "te". Non è questione di guerra è questione di comprendere come stanno le cose. L'unione è forza, la fiducia è forza, l'aiuto reciproco è forza, la volontà è forza, la lealtà è forza. E mi piacerebbe tanto poter svegliare la notte qualcuno di voi e fargli un bel "trattamento" così o per lo meno che gli si avvicini (visto che non sono mai stato un Seal né un incursore, meglio non assumersi qualifiche inesistenti). Vorrei tanto ma tanto vedere cosa vi succede quando vi trovate che un qualcun@ si trova ferit@ in modo grave da un'esplosione e vi trovate a raccogliere i suoi pezzi in giro per vedere se qualcuno riesce a rimetterl@ assieme. Vorrei davvero vedere quando vi trovate a prestare soccorso a qualcun@ e le possibilità di farl@ uscire viv@ sono praticamente nessuna così che l'unica cosa che potete fare e vederl@ crepare. Vorrei vedere tante cose ma sopratutto vorrei tanto vedere che la smetteste una volta per tutte di chiedere per voi, comprensione, attenzioni, pazienza e tolleranza che chiedete per voi stess@.

"Si chiamano promesse, se vengono mantenute.
Altrimenti si chiamano bugie o prese per il culo".
 Mauela Reich, Twitter.

ed aggiungo che anche l' "io non giudico, per me puoi fare come ti pare", si chiama menefreghismo o incapacità di discernere il bene dal male, il giusto dallo sbagliato, la leggerezza dal lasciare liberi.

Ecco e seguito visto che oggi ci sono, per la tale XX
"Ti voglio mandare un audio, me lo daresti il tuo numero di telefono tanto non abuserò di questo?"
consegno il nr.
La sera trovo il messenger così:
 


E poi vi lamentate perché vi fanculizzano? :) 
Mi sembra che lo facciano semplicemente troppo poco in effetti.

domenica 6 maggio 2018

Come lo vedo e sento? Così.

Cosa provo e che cosa è per me sta cosa. Muble, muble come si fa a spiegarlo? Bon ci provo sempre in modo pacato, tranquillo e senza strilli casomai che il mio modo di scrivere lasci adito a dubbi.

Pensa ad un momento in cui si possa vedere una frattura nel tempo. Una specie di passaggio in cui infilarsi dentro in cui lo spazio-tempo semplicemente si ferma e scorre in modo diverso. Una "singolarità" appunto. Per dirla nelle parole del genio: "Quando un uomo siede vicino ad una ragazza carina per un’ora, sembra che sia passato un minuto. Ma fatelo sedere su una stufa accesa per un minuto e gli sembrerà più lungo di qualsiasi ora. Questa è la relatività."
Non ho mai permesso a nessuna di far entrare in quella "bolla" odio, rivalità, litigi, cattiveria, invidia e cose del genere o per lo meno, non l'ho mai fatto in modo cosciente e voluto. Qualcuna c'è riuscita a portarcelo in effetti.

Cosa sia il SM al di fuori delle pratiche che poi sono molto personali non posso dirlo, no. Posso solo parlare di cosa sia per me all'atto "sentire" che è la sostanza della cosa piuttosto che l'apparenza.
SM è prima di tutto l'assenza di male.

Donatien Alfonse De Sade
Attribuzione:
Charles-Amédée-Philippe
 van Loo [Public domain],
via Wikimedia Commons
Sadico è sinonimo di persona cattiva che soddisfa le sue pulsioni  fregandosene  di quello che causa. Il sadico è un egocentrico all'estrema potenza, un narciso esplicito e lo dice in modo palese. All'inizio  di questo blog parlai della sindrome di Stoccolma e spesso il legame che qui si forma è derivato da questo stato o figlio del medesimo. Non sono sani manco i masochisti in genere a dire il vero che anche loro sono in genere dispost@ a tutto pur di soddisfare i bisogni del momento o del periodo. Altri narcisi.

L'SM pertanto  SSC non basta. Un sadico intelligente non l' "ammazza" la pulzella. La usa fintanto che può e se ne sbatte i coglioni se poi lei rincitruillisce. Nello stesso modo fanno le donne anche masochiste appunto. Il SM non è per definizione composto da persone sane anzi, da gente che definirla sciroccata è poco e spesso rendono  chi vi si si affaccia,  persone altrettanto non sane.
Il punto e proprio questo e quello che mi ha fatto un po da sempre pensare, è che di persone fuori di testa ne ho conosciute  ma non qui. Non in questo paese.  Per lo meno posso contarle sulla punta delle dita di una mano.

Come rendere il SM per tutti senza far danni? Praticamente quasi impossibile. Quindi seguito a dire che non potrete MAI mettere il mio  pensiero nella testa della rapa con cui uscite. Seguito anche a dire che dietro ad un calamaro ci sia solo un altro calamaro e ad una pantegana, solo un'altra pantegana. Così i fanculi si sprecano.

Eppure c'è il modo per vivere del SANO SM e bisogna recuperare il proprio istinto animale. Guardate che animale è una parola derivata dal latino, "che dà vita, animato. Dotato di ANIMA" e chi ce l'ha, è anche in grado di avere dei sentimenti. Chiamatela anima o coscienza purché funzioni. Si vero, come tutti gli animali ci sono quelli  più  evoluti e quelli meno sia tra specie diverse sia, nella stessa specie. Gli uomini, non fanno eccezione.
L'uomo dovrebbe avere la capacità di discernere il bene dal male, il giusto e lo sbagliato, la cognizione  che tutto ha una conseguenza. Gli animali questo non ce l'hanno, no. Un gatto gioca con un topo fintanto che si diverte, poi magari lo uccide e lo lascia li. Un gioco, punto. La chiave è forse il collegamento empatico con chi si trovano bene in qualche modo. Una volta instaurato quel gatto non farà del male manco al topo che lo considera un "amico" con cui giocare. L'amicizia e l'affetto tra specie diverse non è rara in effetti manco in natura. Un esempio su tutto. La mia lupa faceva letteralmente strage di gatti randagi eppure un giorno incontrò un micio rosso ed erano sempre assieme. Sembravano nati assieme. Facevano tutto assieme anche giocare e mangiare. Fecero amicizia anche con il riccio più intraprendente e l'aspettavano la sera che venisse a mangiare puntuale come un orologio svizzero: 22:20 e si coccolavano e giocavano come mah! Ci sarebbero voluti i telefoni di oggi e mettere tutto su you tube.

Detto questo cosa è il MIO SM?
- E' dialogo puro all'ennesima potenza.
- E' intesa pura all'ennesima potenza.
- E' piacere di stare assieme puro  all'ennesima potenza..
- E' lealtà pura all'ennesima potenza.
- E' sesso puro all'ennesima potenza.
- E' sentimento puro all'ennesima potenza.
- E' (se si forma), amore puro all'ennesima potenza.
Potete togliere solo l'ultimo perché innamorarsi non è volontà, capita. Il resto si e se ne manca uno solo, poi il fanculo prende subito il suo posto. Il che serve ad evitare l'inevitabile delusione poi e senza far danni o subirli:).

Si ma lo so che questo  non vi basta. In fondo è solo la parte tecnica e qua si parla  di Zen non solo di SM.
Fintanto che vi avvicinate qui con troppa testa piena di preconcetti, non v'è posto per altro. La serenità, il primo passo per questa è far cessare la mente. Togliere i pensieri, qualsiasi essi siano. Saranno figli dei problemi della vita oppure dell'ego ma non importa. Il primo passo  è sempre quello. La testa libera dai pensieri diventa serenità e pace. Il gatto o il cane  non è cattivo, manco la tigre o il leone. Seguono i loro istinti. Le orche, i delfini e molti predatori non sono nemmeno loro  cattivi è che alle volte insegno loro ad esserlo. La cattiveria è propria quasi esclusivamente  di alcuni primati con noi in cima.
Plachiamo la mente, recuperiamo quella parte che ci appartiene ancora e che è sopita dentro di noi. Recuperiamo la semplicità, la purezza delle piccole cose. Una carezza, una coccola, un grattino, una cosa buona da mangiare o leccare anche assieme, la bellezza della luce di un tramonto o di un'alba, l'aria sulla pelle nuda, il contatto, e si il respiro, la vita in ogni singolo respiro. Provate a considerarlo l'ultimo e come se non ci fosse un domani. Cosa vorreste per voi e per chi è accanto a voi? Lasciargli il ricordo di essere stati falsi, egoisti, sleali e cattivi o forse vorreste lasciare la miglior parte di voi nella mente  e nel cuore di chi è con voi in quel momento?
Ecco la scelta. Nessuno vi spinge. Ricordate però  che diventate quello che pensate. Sempre.
Si vero, nel buddismo si parla cosi tanto di solitudine ma i viaggi con le persone giuste alle volte sono molto appaganti.  È semplice in fondo, ogni persona  empatica ha bisogno di uno specchio  in cui riflettersi pertanto la vera solitudine è la mancanza dello specchio che rifletta chi siamo. L'incastro perfetto.

Vi siete mai alzati la mattina con il desiderio ed anzi il bisogno di stare con quel vostro incastro in modo  così  forte quasi da non respirare. Vi siete mai addormentati con il suo profumo in ogni parte di voi, con il bisogno assoluto di stringerla, coccolarla, strapazzarla. Sentire il suo respiro, il battito del suo cuore ed averla accanto, no?  La certezza e la sicurezza che con quella persona non solo potete essere voi stessi senza vergona ma senza manco la paura che si facciano cocci di te. "La vera seduzione è entrare dentro a un cuore e riuscire a spogliarlo delle sue paure." Scrive Massimo Bisotti. Niente di più vero ma va anche protetto quel cuore o nudo sarà a pezzi facilmente. "Oggetto" molto fragile, il sig. Cardio. Ecco è quella roba li che si chiama LEGAME, non altro è ciò.


Attribuzione sulla foto, deviantart

Papale, papale ci sono poche certezze nella vita.

La prima è che dobbiamo morire. Non sappiamo quando né come ma è il quanto. Un sociopatico potrà dire e chi se ne fotte. Me la godo fintanto che dura del resto non mi importa. Ok ragazz@ potrai essere pure anche ate@  e non credere nell'aldilà. Potresti non essere buddista e non credere nell'anima e nella reincarnazione. Potrai pure essere ascientifico e non credere che ne so, nella teoria dei quanti  sta di fatto che siamo fatti della materia di cuoi è composto l'universo e pure al contrario di qualche roccia, siamo vivi. Psss, e se uno avesse ragione? Se vi va bene qua siete fregati per qualche decina di anni, una vita ma se vi va male poi siete fregati per tutte le vite future o per l'eternità. Io un pensierino ce lo farei, GENI!
La seconda è che la cosa più difficile da affrontare nel corso dell'esistenza di ognuno è accettare chi siamo. Come vedersi riflessi, quasi guardandosi con gli occhi degli altri ma non fermandosi alle apparenze o quello che vorremmo che vedessero. Il tutto nel bene e nel male. Come mi disse la prima miss, è in assoluto la cosa più sconvolgente. Pensate a qualsiasi testa di cazzo andare in giro con l'etichetta di stronz@. Pensatel@ con l'idea che ess@ possa vedere e sentire tutte le cattiverie che fa e vedersi e sentirsi per quell@ che effettivamente è. 
Com'era? Ah, no. Sognata :)
Mr Alzheimer colpisce ancora!
La terza è che gli incastri esistono e sono univoci. Quelle sensazioni, quei risultati si ottengono solo se c'è la persona "giusta" accanto a voi. Si poi potete andare di nuovo a ricercarli e li ritroverete ma non saranno mai uguali. Mai la stessa intensità. Saranno diversi, altrettanto unici ma mai gli stessi. E' come per il fumatore andare a cercare il sapore della prima sigaretta che  ne fuma un'altra e un'altra ancora ma più che fuma e meno sapore trova. E' la stessa cosa. Ci vuole quella sigaretta, solo quella persona null'altro. Le stelle Signori e Signore si raggiungono con poch@ e saggezza vorrebbe di evitare ti mandare tutto a fottemberg per qualche embolo mal gestito. Raramente ci arrivi di nuovo. Molto ma molto ma molto raramente. Forse è più facile essere colpiti da un fulmine che tornarci. In fondo è semplice. E' un fatto di chimica, di intesa, di piacersi, di tante piccole ed infinite sfumature che compongono una relazione. In natura esiste una roba del genere solo a livello cellulare. Quando l'informazione del DNA viene copiata dall' RNA messaggero che si adatta a specchio sul filamento del primo. L'incastro perfetto. Niente è uguale o manco simile. Niente. Pensateci e tanto anche. Mi fa sempre pensare quella famosa frase di A. Baricco che francamente non amo ma questa l'ha proprio azzeccata: "E' uno strano dolore morire di nostalgia per qualcosa che non vivrai mai" (più).

E adesso devo tornare a quel maglione del post precedente. Per forza.  Perché dopo così tanto tempo, dopo che ti sei rivelata come un "it", una fumosa visione vestita da angelo e che dentro era solo un xenomorfo alieno, seguiti ancora o chi per te, a frequentare questo blog ed in qualche modo me? Vedi è come la cicatrice sulla mano, ci si fa il callo e si vive con quello che si ha. Invece di disegnare con la penna, si usa il mouse o la tavoletta grafica in grado di correggere i tremori e tolgono i dolori dove non dovrebbero esserci. Tu che da fantasma o da persona inesistente hai reso inesistenti tanti giorni di questo "passaggio", tu che con tutti i tuoi silenzi  che non dicevano altro: tu non esisti ed io non parlo e non spiego a chi non esiste e se lo faccio, nego anche quello che ho detto, vissuto, promesso, giurato, scritto ed inviato. Insomma il classico colpo di spugna. Tu seguiti a venire a trovarmi costantemente, inevitabilmente. Vedi e questa è la quarta certezza. E' che come per tutto il resto ti ho fatto vedere chi sei davvero e mi spiego pure meglio. Questa canzone di cui nel frattempo ho fatto un video con delle immagini "giuste", è in fondo dedicata ad una utopia. La capacità del Don Giovanni, il sociopatico appunto, di rendersi conto del suo stato. Di cambiare e ritrovare la sua umanità. Però è solo un utopia e nella vita queste cose non succedono. Non ci sono lieti fini ma solo un "...e vissero ognuno per i cazzi loro per l'eternità". Così ognuno si porta il proprio peso. Anche quello di guardarsi allo specchio e non piacersi. 

Buona visione :)

martedì 24 aprile 2018

Il maglione


Son giorni strani questi qua. Una strana malinconia alle volte pervade e non riesco a scrivere. Rischio di dire  cose che non voglio  dire o di essere  frainteso.
Quando eravamo  ragazzi c'era una storia che girava e parlava di un tale che trovò una pulzella per strada sotto la pioggia, così  si fermò e si offrì per darle un passaggio.

Lei gli disse il suo nome, dove abitava e cosi in pochi  minuti deviando dal percorso, furono a casa della ragazza.

Erano altri tempi i miei tempi. Non era difficile  trovare qualcuno  che andava a piedi. Una donna, comunque  creatura da rispettare ed il fascino sempre vivo della cavalleria. Ogni pulzella una principessa anche se magari di facili  costumi. Il rispetto prima di tutto. Una donna narciso? Manco a parlarne. Fuori di ogni concezione. L'uomo poteva  diventare il bruto, una donna mai. Eravamo stupidi di sicuro ma la morale era chiara, limpida. Nessuno  avrebbe mai detto ti amo con facilità  senza pesare le parole.

Oddio, qualcuno c'era come ho già  scritto  ma erano non solo dei casi sporadici ma a anche persone sole, isolate. Anche il tipo di cui ho raccontato  oramai anzianotto, è rimasto ovviamente  solo come un cane. Probabilmente manco un peloso a quattro zampe vorrebbe averlo come padrone o compagno.

Ebbene, tornando alla ragazza, lui si fermò sul lato destro della strada, ringraziò, scese e se ne andò.
Lui partì ritornando per la sua strada. Arrivato a casa, mise l'auto in garage e si accorse che un maglione era rimasto sul sedile posteriore. Cosi il giorno dopo decise di portare il maglione a casa della ragazza.

Tornò all'indirizzo del giorno prima, posteggiò, scese afferrando il maglione e suonò il campanello.
Aprì una signora attempata che gli chiese chi fosse e lui rispose che il giorno prima aveva dato un passaggio a sua figlia e che inavvertitamente il suo maglione  era rimasto nella sua auto e che l'aveva riportato.

La signora lo guardò in modo strano e rispose: "Suvvia giovanotto, mia figlia è morta dieci anni fa e non è possibile  che lei le abbia mai dato un passaggio."

"Veramente", proseguì il giovane, "non mi permetterei mai di prenderla in giro, questa ragazza si chiamava "Lisa"" e la descrisse con i suoi lunghi capelli castani, il vestito e tutti i dettagli. Cosi la signora a bocca aperta lo fece entrare e rimasero a parlare di questo strano incontro.

Ebbene, l'unica prova che il tutto fosse davvero avvenuto era quel maglione con ancora il profumo che Lisa amava. Va a sapere chi mai l'aveva creata la storia o raccontata la prima volta. Magari letta su qualche giornaletto dell'epoca con un articolo fatto per creare lettori. Chi lo sa.

Qualcosa di simile è successo. Non non parlo di persone morte realmente no ma mi è rimasto il segno di un passaggio di una persona che non capisco cosa ancora voglia da me. Ricordo i suoi occhi azzurri  come l'acquamarina. Ricordo i suoi sorrisi e tanti bei momenti assieme. Sono andato a vedere i suoi occhi di nuovo ma non sorridono più.  Eppure la storia è per certi lati molto simile. Non ci siamo mai incontrati, non ci siamo mai vissuti e nemmeno visti.  Praticamente nessuno è mai realmente esistito. È qualcosa che fa parte di un sogno e spesso pure di un incubo ma in fondo ci si sveglia e li tutto finisce se non fosse per il maglione che è rimasto e che testimonia una reale presenza.

Si, forse non ci capirete una mazza manco del perché di quella canzone che non nel nel titolo ma in fondo va bene così. Vuole solo testimoniare e fissare la sensazione. 

venerdì 13 aprile 2018

La luna o le stelle?

Non ho scritto per un po' ed ecco qualche ragione.

La prima, avevo voglia di rifare il video sulle stelle ispirato da un post di budda's teaching, una pagina fb che mi piace assai devo dire. Il pensiero è di John O'Callaghan  e recita: “Never ignore someone who loves you and cares about you. Because one day you may realize you lost the moon while counting stars.”  Non ignorare mai qualcuno che ti ama e si prende cura di te. Perché un giorno ti renderai conto di aver perso la luna contando le stelle.

Niente di più sbagliato. Forse quando non c'è la luna questa non è più nel cielo? Non è vero, la luna c'è ma è solo coperta dall'ombra della terra. Per vedere le stelle comunque la luna DEVE essere coperta dalla luce solare altrimenti nel cielo saranno visibili solo qualche centinaio di stelle e qualche pianeta. Da questa zona, probabilmente solo Giove. Nell'esempio, il tentativo di portare un messaggio di attenzione verso qualcuno che ci ama, l'autore ha, secondo il mio personale giudizio, perso la coerenza e la visione d'insieme delle cose.  Se il sole tramonta è ed notte, abbiamo perso le stelle? Non è così. Ogni cosa nella vita ad un ciclo così come il giorno e la notte. Così come l'amore o come il non amore. Machiavellicamente parlando Fortuna è anche sfortuna e amore è nello stesso modo una miriade di sfaccettature ed anche il contrario. Così la realtà non è il perdere la luna e le stelle, l'una a soppressione delle altre ma capire come armonizzare le cose e per questo mai citazione più bella è stata scritta se non quella di Marcel Proust: "Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi".

Per vedere la luna questa deve essere piena. Di questa vediamo una sola faccia e non perché la luna è ferma ma la cui rotazione è di 24h e quindi presenta a noi sempre la stessa ma l'altra rimane comunque dietro. C'è anche se noi non la vediamo. Se vogliamo vedere le stelle abbiamo bisogno di una luna nera e di un cielo terso, senza umidità e quindi meglio le notti invernali con temperature sotto lo zero e niente nuvole. Per questo i telescopi sono piazzati in posti isolati e possibilmente in alto, in modo da togliere il più possibile lo strato d'aria tra loro e le stelle. C'è da dire infine che anche il sole è una stella (gialla), e nemmeno troppo grande. E' grazie a lei che esistiamo fino dalla sua formazione. Il materiale residuo ha formato i pianeti e a sua volta anche i loro satelliti quando presenti. Senza le stelle, la luna semplicemente non esisterebbe. Senza una stella esplosa, non esisterebbero metalli pesanti come il ferro e che al centro della molecola dell'emoglobina. Così ecco il video, rifatto e sta volta non con il programmino che danno gratis con win ma che consente di avere immagini in libera diffusione delle stelle ed animazioni varie. Vi consiglio vivamente di guardarlo da PC a schermo intero, massima risoluzione e un ottimo volume. 






Strauss e molte immagini, ispirate da 2001 odissea nello spazio di Stanley Kubrick, Se poi vi volete togliere un'ulteriore curiosità ebbene, anche lo spazio ha un suono. I pianeti e le stelle ce li hanno. Su questo video, Potete sentire i suoni per lo meno di tre tra pianeti e stelle che ho inserito nel movie. Potete fermare il video su Urano e sentirne il suono. La pulsar del Granchio o quella della nebulosa de La Vela.


Adesso mi direte che cosa c'entra tutto questo con il SM? C'entra tutto è solo questione di visione d'insieme. In sintesi è la statua di Giorgia Batumi. Ogni giorno un uomo ed una donna si incontrano, si baciano, si fondono e danno origine ad una nuova statua, una sola con due facce, una che guarda il cielo ed un ala terra. Cosa, la Luna, i pianeti o le stelle? Dipende da voi. Qualcuno può dire quanto alto vuoi volare ma è meglio dire quanto ampia è la tua visione delle cose e della vita intorno a te.


Così per chi ha cercato di tornare ed è stata accompagnata all'uscio, devo dire che non è mai questione di essere troia, di essere libertina, di essere carina o meno, di essere una persona chiusa o aperta, di saper scrivere frasi di sei parole di senso compiuto (che, garantisco non molte sono in grado di fare), di essere più o meno carina ma nel vostro e nel nostro insieme. Il quadretto disegnato per acchiappare i polli è spesso diverso dalla realtà e basta attendere e porre le domande giuste per capire l'inganno. Personalmente ne ho abbastanza quindi meglio scoperchiare la pentola prima piuttosto che vivere nel mondo delle favole e scoprire di aver ribeccato l'ennesima "roba" dopo qualche tempo.
E' sempre aperto qua ma è proprio come una si pone che fa la differenza tra il rimanere ed il sentirsi dire: "Aria, circola". 

mercoledì 4 aprile 2018

I miei giorni

Oggi un'amica mi ha mandato un bellissimo messaggio  su whapp sulla vita. Cosi ho deciso di scriverne uno mio su quella falsa riga.

Le fasi più  belle della mia vita sono già passate. A 54 anni ti guardi indietro e pensi ai sacrifici che hai fatto  per vedere e vivere chi amavi. Hai affrontato pericoli e notti insonni cercando di fare del tuo meglio perché questo mondo fosse migliore e più  sicuro. L'idea che se ognuno facesse del suo meglio per questo il mondo in cui viviamo sarebbe un posto migliore è ancora viva ma la speranza che questo accada è sempre più  vana. È come mollare gli ideali per quei pochi anni, forse giorni che mi rimangono davanti e che  hanno il sapore amaro delle delusioni ricevute sempre - e sottolineo quel sempre -  dalle persone a cui volevi più  bene.
Cos'è in fondo l'invecchiare? È alzarsi una mattina con un occhio gonfio per una frescata e ti metti  la stessa pomata che hai sempre usato per guarire ma la tua pelle non è più quella di prima. Così quell'occhio guarisce ma ti rimarrà per sempre una fastidiosa "borsa " che nessuno potrà  mai far più  sparire.
Anche  se dentro ti senti sempre il bimbo che sognava le stelle, hai l'amara coscienza che si sono affievolite, quasi scomparse. È come andare a cercare Thuban in un cielo appena, appena velato dall'umidità. Difficilmente la trovi.

Due gg fa leggevo un precetto di e-buddha e non sono rimasto molto convinto. La vita non è scegliere tra due cose, tra la parte migliore e quella peggiore. Tra la luna e le stelle. Sono sempre li nonostante tutto. Intorno alle stelle orbitano i pianeti, intorno ai pianeti orbitano i satelliti. Senza la giusta posizione non  vi sarebbe vita sui pianeti, senza i satelliti non sarebbero stabili e impazzirebbero nella loro orbita. L'unica possibile soluzione non è pertanto scegliere tra il bianco ed il nero, tra la luce e la notte ma nell' avere visione e sensibilità dell'insieme e capisco che a questo  pochi arrivano.
Non ho più  fretta di vivere ancora, di gustarmi un ultima caramella ed un ultimo cioccolatino. Ho sempre  cercato di vivere ogni giorno della mia vita come se non ci fosse un futuro. Come se con quell'ultimo dolce o quell'ultimo letto in quel domani la mia vita finisse. Dare per quanto possibile il meglio di  se o di quello che umanamente si può dare era un punto non solo di indirizzo ma anche di piacere per se stessi e per chi era accanto a te. Forse è la ragione per cui ho vissuto sentimenti così intensi. Non so dare la luna e basta, non solo le stelle. O l'universo o non se ne fa di niente perché sarebbe semplicemente  una roba a metà. Cosa prendi di una persona, solo i piedi, il culo, il seno, la sua bocca, il suo sguardo o la sua anima?  In effetti c'è  solo un modo: tutta assieme e non mi pare proprio discutibile.

Sono morto diverse volte ed ogni volta la vita successiva aveva un sapore nuovo, diverso perché davvero non c'è niente di cosi intenso che a fasi s-fortunate della vita che ti porti così vicino a perderla e poi a rendertene una nuova. Ti senti vivo in un modo così profondo che non è spiegabile.

Nello stesso modo non c'è modo di raccontare come ti senti quando sei stato tradito dalla persona che ami. Ho sentito cosi tante donne parlare di stupri e violenze mai denunciate da farmi vergognare da essere un uomo e che dei miei simili fossero capaci di tanto. Cosi  come per le vite, fintanto che non ci inciampi, non capisci. Il lercio che ti senti addosso non se ne va con una doccia. Ti lavi e gratti la pelle fino a quasi scorticarti solo che quell'odore hai ancora nel naso in effetti è solo nella tua testa e nessun bagno chimico può  toglierlo. Ne "La figlia del generale" si sente sta frase: "Una volta ho chiesto a Moore cosa fosse peggio dello stupro. Ora lo so... il tradimento." Sul libro non ricordo se effettivamente ci sia quella frase, però visto che non c'è limite al peggio, vi dico che l' inferno è quando tradimento è legato al letto diventando inevitabilmente stupro così che le due cose coincidano.

Così  non mi aspetto inciampi particolari. Mi rendo conto che si tratta spesso della stessa merda. Persone che scelgono tra luna e stelle o che nella loro limitatezza cercano si di imparare qualcosa ma che vorrebbero mettere la tua testa in un fisico  decisamente  più  prestante e sicuramente anche più giovane. Hagja Sophia e la quadratura del cerchio  (forse ve la spiego, ma no). 
La luna, le stelle, i pianeti, i satelliti e le loro orbite sono tutti visibili nel loro insieme per una semplice ragione: sono tutti tondeggianti, seguono orbite tondeggianti  e nessuno di loro è quadrato. Potranno stare uniti quanto si vuole (Hagja Sophia bis), ma non saranno mai uniti. Così  la mia testa in un ventenne o in un trentenne non ci starà mai. Non stava in un quarantenne ed in un cinquantenne quando ne avevo io venti, figuriamoci mo. Si, magari c'è quel tale dal buffo nome, Mr Alzheimer ma nel caso sarei da buttare tutto. Non mi sono mai accontentato di un bel culo senza che ci fosse dietro una persona in grado di trasmettermi qualcosa di positivo. Adesso il bel culo è sinonimo di vuoto, quasi il nulla. Tutto ha un'anima o un'essenza che siano cose e persone. Lo strano è che a volte molte cose riescono a trasmetterla mentre molte persone no. Credo che se non c'è niente, non si possa effettivamente trasmettere niente.


Quindi mi sveglio ogni mattina apparecchiando un bel tavolo basso, in un posto tranquillo e sereno dove pongo un cibo genuino e semplice, gustoso.  Un luogo sereno dove non vi sono formalità e dove si può ammirare un bel panorama fin quasi a perdita d'occhio. Francamente non ci invito nessuno. Qualche volta ci ho provato quasi per conferma di quello che supponevo. Ti danno sempre le stesse risposte o per meglio dire mille diverse risposte ma con lo stesso significato dietro e che recita cosi: io sono unica, voglio una tavola sfarzosa, un cibo luculliano ed il mio principe. Io sono unica e voglio il meglio, lo pretendo.

Sto lontano dalle persone che cercano continuamente di passarmi sopra la testa, di screditarmi, di tacciarmi di quello che non ho fatto di perdere tempo su discussioni futili e inutili.  Sto lontano dai titoli e dai clubs  dove l'apparenza è tutto e la sostanza è niente. Sto lontano dagli incontri per interessi di letto come se il BDSM fosse quasi aeromodellismo e chi è più figo ha il giocattolo o il vestito più bello. L'anima si veste di se non di sovrastrutture e di apparenze che in genere, sono solo maschere che nascondono delle parole vuote ed inutili. Se ho del tempo lo dedico a me stesso e alle persone che hanno qualcosa da darmi che non sia solo nudità fisiche ma verità del cuore anche semplici ma autentiche e profonde.

Si, alle volte mi chiedo se nel tempo rimasto della mia vita, ci sarà una che voglia sedersi con me senza portarsi dietro gli stessi errori, le stesse robe inutili senza capire che per cambiare il mondo, per avere altro dal mondo, bisogna prima cambiare se stessi o non cambierà mai davvero niente.

Ogni tanto qualcuna si ferma ed impariamo un po' l'un l'altra ma l'idea di aver assimilato pensieri e sentimenti  e modi diversi di vedere le cose e poterle applicare ad un altro tavolo è altrettanto irresistibile. La luna gira intorno alla terra perché  la terra esiste e la terra gira intorno al sole perché  il sole esiste. Esistono  solo  quella terra, quella luna e quel sole. Ci potranno di sicuro essere altri soli, altre terre ed altre lune ma quella terra e quella luna sono così perché sono unici. Non ce n'è uno uguale. Non puoi cambiargli sistema o orbita. Non funziona.



Alla fine di ogni  pranzo vedi inevitabilmente partire per la tangente un pianeta dietro l'altro lasciare il suo sistema verso il vuoto cosmico. È triste in fondo il vedere che attraverso l'ego siamo lentamente  arrivati all'assurdo. Pianeti che non sanno cosa siano essi stessi. Stelle che abbagliate dalla loro stessa luce  e splendore, fagocitano inevitabilmente ogni corpo celeste che si avvicina troppo alla loro orbita,  per te che rimani comunque ad aspettare un pianeta che sappia di esserlo con la coscienza che la sua esistenza e sviluppo sono legati non dalla sua eleganza o apparenza ma dal saper orbitare intorno alla sua stella.
Un'amica senza che glielo chiedessi, qualche giorno fa scrisse questo: "Lu,  non penso proprio  che sei pazzo, hai una tua personalità che non si lascia trascinare dal "comune" che ti circonda e che la capoccia è funzionante lo dimostri sempre. Molti dicono di essere fuori dal gregge, ma pochissimi lo sono realmente e chi lo è sta avanti. Se dietro non c'è nessuno perché vengono seminati, stanno troppo indietro". Ecco, ce ne vorrebbero di più vicine. Grazie G.
Namasté.