Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

venerdì 14 ottobre 2011

BDSM - Approfondimento su me e su quello che si trova in giro, le ragioni delle incazzature che poi non mi piacciono nemmeno.

A chi è che non va bene l'arte dello sputtanamento?

Qualcuno mi faccia capire: se una mezza sega si comportasse così come quegli omuncoli incontrati, a forza di calci nel culo sarebbero stati rimandati a casa dalle comunità a forza di calci nel culo tanto forte da partire lombrichi ed arrivare canguri.
Qui Zitti. Shhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh silenzio. Non si dice. Non importa che tizio sia un abile legatore con al posto del cervello solo una serie di gangli nervosi. Zitti che gli si rovina la piazza. Così il rispetto va solo verso l'omertà e non verso la tutela di chi si affida. Onesto come sempre, diretto come sempre, criticabile come sempre, ripenso agli anni indietro ed ai mesi e penso a quando su fb non c'era nessuno o quasi e comincio a veder crescere tutti sti "ragazzini" che in termini di tempo sono diventati i miti attuali. Qualcuno bravissimo davvero, altri protetti dal muro dell'omertà, che hanno fatto e seguitano a far danno in rete.
Non ci conosciamo? Ah no? Sei orbo? Mi hai chiesto l'amicizia 14 volte a seguito dei ban tu non ti ricordi dell'unico drago rosso in tutta la rete? Quanti cacchio di amici hai? Vado a vedere e sono una cinquantina, guardo il mio profilo e sono 140. Oddio, io soffro di arteriosclerosi precoce e non mi ricordo numeri e nomi da sempre. Mi ci vuole tempo a memorizzare ma tu sei di coccio figliolo. Mi viene spontaneo il pensarlo. Poi la cosa si ripete due, dieci, cinquanta volte. No, nun sei di coccio, sei un figlio di. Allora il "ti ho visto da qualche parte appiccicato in bacheca significa solo una cosa: "toh, uno novo, ma chi è che sei tu?" ... e che chi arriva lo legga! ;)

Nun me devo incazzare no :) fare finta di nulla  ma si ... c'è l'omertà e bisogna adeguarsi alle classifiche stilate da loro. Sai ikke, della classifica da buon toscano, facci una pallina ed infilatela su per il buco del .. :DDDDDDDDDDDDDD
Così a denti stretti e senza rispondere mi viene solo in mente una frase: "ma guarda sto stronzo, mezza sega che cerca non solo di prendermi per il didietro con classe, cerca pure di farmi passare per l'ultimo arrivato!!!!!"
Vi voglio beeeeeeeeeeeeneeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ma non me ne sto zitto :P ogni tanto bisogna pigliare la spazzatura e buttarla via altrimenti ti sommerge. Quindi, mezza sega, o nel cassonetto ci vai da solo oppure ti ci accompagno io. Regolati. Da qua non si esce. Sei tu che entri in casa mia, non io nella tua. Adeguati o fuori! Se non vuoi che si parli di te, evita di parlar di me manco dietro che se mi giunge all'orecchio la regola dello sputtanamento arriva eccome. Tu mi guardi nelle palle degli occhi e come faccio io ti spieghi da uomo ad uomo non dal vigliacco quale sei. Alles Klar?

Dopo aver scritto su Legami.org la storia del BONDAGER ed essere stato attaccato di brutto su sta cosa, vedo sparire in fretta e furia tutti  nick "bondager" dalla rete. Ci fosse stato uno. Un'altra m.s. con mezze palle che disse: "oh ma forse hai ragione". Su non mi ricordo quanti milioni di risultati di google c'era solo 1 club, probabilmente ignorante come il resto della massa e che vuole rimanere tale, che aveva scritto per una festa: "welcome, fellow bondagers". Tutto il resto, dizionari, scritti e via così, riportavano tutti e dico tutti alle scozzesi a cottimo. Ora se uno mi dice ti lovvo o manageriale lo capisco eccome ma se tu vuoi una certa credibilità, quando scrivi in inglese, non scrivi manageriale, scrivi managment, non scrivi ti lovvo ma I love you. Cerchiamo di capirsi che queste non sono storie che dipendono dal mastro, dipendono dall'ignoranza diffusa. Se mastro le trova che deve fare? Stare zitto che altrimenti tutti i nick e le descrizioni vanno a puttane oppure dire che qui ragazzi si è preso un abbaglio? Sottolineo il SI, plurale, incluso me!
Anche il mastro era caduto nell'errore per non verificare quello che aveva scritto accanto al nome il guru. Solo che mastro non è un guru e non ha scritto sono un bondager per anni che le corde le usa ma non sono il mio unico universo. Il mio centro sei tu, mia partner, il resto sono strumenti. Non scrive libri, non si mette in mostra e lo sputtanamento alla fine è diverso per forza. Quindi non è se si vuole crescere o imparare, si vuole SOLO evitare di essere messi in discussione anche solo lontanamente. Non si vuole mettere in condivisione nessuna occasione di crescita.

Da quel momento decido ovviamente di verificare ogni cosa strana propinatami in rete da Tizio e Caio e  da questa decisione sono uscite fuori tutte le migliaia di stronzate fatte e dette dai soliti noti. Forse era meglio se rimanevo ignorante? "Non fate l'ondaaaaaaaaaaa, non fate l'ondaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa" ... Ecco! Insomma, per tutti quelli che come me hanno fatto bdsm per decenni tra le mura di casa mia o quelle di qualche amico o compagna, che non si sono esposti per rispetto e per altre e rispettabili situazioni, il vedere questi qua che diventano i tuoi maestri di vita e di regola raccontando uno sfondone dietro un altro.

Mi ricordo quando MaestroBD aveva appena scritto il libro la via italiana.. no pardon una delle sue pulzelle credo abbia il libro, per lo meno ricordo quando Red Lily stava in rete a chiedere frasi alternative in merito per non fare ripetizioni ;). Ma anche qui magari ho preso un abbaglio.

Beh un giorno se ne esce con un: "sono su donna moderna". Lo consideravo un amico e in quell'attimo mi venne spontaneo da buon toscano vedere il suo bel faccione barbuto associato a donna moderna e scoppiai a ridere con simpatia giocando sul doppio senso. Lo scrissi e 3" dopo una rivolta popolare. "Ma tu devi denigrare, devi prendere per i fondelli...".
Ma che cacchio state a dire? Li per li pensavo che si trattasse quasi di uno scherzo. Io ci avrei riso come un bischero e basta :). No.. litigata bestiale con la Red Lily che mi domanda del come mai non mi faccio i cazzi miei. Mezza sega pure te. Cinque mesi prima il tuo BONDAGER implorava di venire ad una festa cosa poi non fatta per una decina di motivi: tra le ragioni familiari a chi in rete c'è solo per fare chiacchiere. Si vengo, ci sto.. chi siamo, quando dove... poi no, io scherzavo! ;)
Segate una decina d'amicizie da subito. Poerelli.


C'è un ulteriore aspetto in merito: sei tu che scegli di fare una vita pubblica. Di salire su un palco, di infilarti su tutti i siti e di eleggerti a divulgatore. Allora se ti rispondono in modo pubblico anche pesantemente in cui qualcuno di mette davanti alle tue stesse cazzate poi t'infuri? Figliolo, le scelte di vita hanno un suo peso. Ci sono dei pro e dei contro e non puoi prendere solo quello che piacerebbe a te. Se poi la gente rimane appesa ad una trave è anche colpa tua che hai fatto di tutto per fare bdsm in ogni buco o anfratto senza capire davvero quello che fai. Vedi i lombrichi. Noi che da SEMPRE abbiamo messo prima di tutto la sicurezza della persona, la stabilità della persona, l'equilibrio, in non renderla tra una decina d'anni una donna scoppiata nella testa e nel fisico, noi siamo diventati tutt'ad un tratto degli immani idioti. E' si è. M'incazzo. Per forza mi incazzo.

Sigarette accese ed usate non per far indurire i capezzoli, ma per tentare di scrivere sulla pelle di qualcuna il suo nome. Poi scappato, lasciata lei li che ti chiama chiedendo aiuto e lui che se ne va in giro per la rete a strillare che vuole il suo nome scritto con la maiuscola che sono 30 anni che lega. Così per chiedere, "amico mio", ma a fanculo ci vai da solo o.... ? :)

La cosa peggiore comunque della stupidità rimane quel caso assurdo in cui un bottom ti chiede di fargli alcune cose, escludendone altre. L'esperienza del bottom è quasi zero, quindi se ti raffronti a me ti dico, guarda, questo no perchè è pericoloso. Me lo puoi chiedere in diverse salse ma questo non si fa. Quest'altro invece mi sa che dovrai ricrederti, certo con tutto il tempo che ci vuole ma devi pure fare una scelta di campo se se qui per godere, preparati mentalmente a nuove situazioni e a rivalutare le tue posizioni. Poi non è detto che alla fine ti piaccia ma fino a che non provi non lo sai. Il risultato è che spesso ti piantano e cercano la persona, il guru che le accontenta con il risultato è che non avranno imparato niente e che probabilmente avranno pure affrontato delle situazioni rischiose anche parecchio. Ne vale la pena? No. Non ne vale la pena quando si vedono sui media e non ne vale la pena anche quando c'è silenzio. Come dice l'amica Sabrina (che scrivo con orgoglio con la  maiuscola), "o la coscienza, la verità,     la coerenza,  c'è sempre o non c'è mai. Non si può cercarla solo quando ci fa comodo."

Ora, e sempre rimanendo sulla questione delle scelte, con sta gente mastro non ci vuole avere a che fare. Siccome queste cose capitano giornalmente è meglio evitare che degli spocchiosi imbecilli mi passino tra i piedi che poi ovviamente gli pesticcio per forza. Quindi ecco spiegato a chi mi chiedeva in privato delle mie incazzature. Sono più di due anni che queste cose si ripetono e sempre per usare le parole di qualcun altro, Miss Radaaria, "si fa se si sta bene" ed io voglio star bene. Voglio che la mia compagna stia bene anche se si pappa un gelato. Non voglio che queste incazzature giornaliere e questi scemi mi bazzichino intorno. Se mastro è ancora su fb? Si, ma con un altro nick e recupererà le amicizie valide non quelle così tanto per esserci. Io "DEVO" trasmettere serenità, piacere, me stesso per come sono e non per come mi fanno diventare questi stronzi galattici. Quindi se qualcuno strambo vi richiede l'amicizia ... magari sono io :)

Buona giornata mondo.

sabato 8 ottobre 2011

BDSM e Vanilla sesso tradizionale, differenze sostanziali.


Mi sono chiesto parecchie volte cosa sia il bdsm e sono partito da domande semplici, semplici. Se io ti lego faccio bdsm? No. Se io ti faccio un clistere, poi ti inculo o ti tappo fino a che non ne puoi più, faccio bdsm? No, probabilmente ti do un piacere diverso ma non il legame.
faccio bdsm. In altre parole cosa lo distingue in realtà dal resto del sesso estremo e dei giochi fantasiosi? Una parola sola,
Potresti pensarlo sbagliato visto che il legame ce l'hai con tanta gente: con il marito, con le sorelle se ce l'hai, parenti vari, figli amici. Questo è un legame diverso, è totale, assoluto, profondo e completo. Qui non esiste vera vergogna, non esistono bugie o false verità. Qui esiste il tutto o i niente se niente è. Tu non andrai mai a chiedere a tuo marito di farti sentire quello che tu hai chiesto a "me" (leggasi al tuo master, e che cazzo), e nessun altro lo fa. Se il legame si costruisce con sincerità, fantasia, perversione, condivisione, sensibilità, cognizione di quello che si fa in modo da non mettere in pericolo nessuno, intesa e amore, allora nasce qualcos'altro che lo rende completo, finalmente vivo e vero: l'appartenenza.
Quella non si scrive sui blog, non si sente perché qualcuno ti ha messo un collare, non si scrive sui muri. Arriva ad un certo punto e ti si stampa nell'anima come un marchio a fuoco.

Poi si possono mettere i collari per giocare, per sentire una carezza sul collo che ricordi in ogni momento quel legame e quell'appartenenza. Quando c'è questo, il problema non è cosa si fa ma dove magari è più lecito fermarsi perché il desiderio l'uno dell'altra è totale, ti strappa l'anima da quanto è profondo.
Ci vedremo, vivremo di noi, alla fine di qualche incontro saremo ridotti peggio di una latrina eppure vi saranno baci, dolcezze ed un continuo rinnovo di incontrarsi. Facile prendersi bella pulita, con l'abbigliamento giusto, con un bel paio di scarpe, calze a rete e via così. Prendimi adesso che puzzo di pp, della tua e della mia. Baciami adesso, accarezzami adesso che ti do il peggio che condizione umana sopporti. Questo è amore! E' questo l'amore. E' quasi il non dover chiedere di succhiare quando vengo, di mettere la bocca e leccarti quando schizzi (e spero che ci arrivi!!! ), è il semplice prende coscienza che è quello che vuoi, che sei li per lui e per te e vice versa. Ecco perché prima ti ho detto se davvero servono indicazioni? Fa parte del gioco quando il legame c'è e appartenenza c'è? Allora si, ma alla fine anche questo è solo un modo per ampliare il piacere comune.
Quindi non è questione se c'è il sesso, se ci sono le corde, se ci sono i vibratori, se ci sono le fruste e via così. L'unica cosa davvero che conta è che ci siamo noi. Poi si gioca con quello che capita, con quello che ci piace ma il primo piacere siamo noi due. Nessuno di noi è un attore porno che poi arriva li per il semplice fatto che ci piacciono le corde o che ne so, il cavolo a merenda.
Il legame e l'appartenenza nascono e crescono  solo se ci si mette in gioco. Se si fanno passi comuni con il gioco e l'anima. La mia anima, la tua anima. Se si decide di provarsi e di fare un percorso assieme perché nessuno che Dio l'abbia in terra sa cosa succederà domani e se non si vive non si può sapere. Ci vogliono incastri per decidere di provarsi, la voglia di mettersi in gioco e di rischiare anche un percorso che poi non porterà a nulla perché il rischio è parte della vita. Questa non è una cosa personale è un semplice dato di fatto.

Capisco che è difficile parlare di sensazione e sentimenti in uno stato in cui i sentimenti noQuindi se venite su questo blog e lo leggete, cercate di capire cosa leggete e lo dico senza offesa o senso di superiorità. Non lo è. Cerco magari con un po' d'irruenza di trasmettere anche questo sentimento che cerco e ricerco come chiunque l'abbia davvero toccato con mano. E' una cosa unica, speciale e non si fonda su un bel culo o due belle cosce... come cavolo riesco a spiegarlo? E' cosi difficile? Non capite? Chiedete, chiedete. il silenzio non serve. Le parole alle volte trasmettono solo parole e sono per come si leggono. I sentimenti e gli atti coerenti a loro stessi invece nascono dalle persone, sono ricche di odori, di sensazioni e di vita. L'unica cosa che in questo mondo davvero conti. 
n sembrano esserci. Già è difficile di per se, figuriamoci! Però ci sono, è questo lo scopo del bdsm arrivare a provare quella sensazione estrema, estenuante, disarmante, forte, potente, assoluta che sono il legame e l'appartenenza senza falsità o compromessi. E' una cosa, una forza talmente gigantesca che solo chi l'ha provata può davvero capire. 

Non so come altro dirlo, sul serio. Non si possono cercare sensazioni, odori e coinvolgimento se a priori questo viene negato. No. Non lo posso fare perché.... perché ho già chi mi scopa, perché faccio solo adrenalina, perché ho mille altri cazzi per la testa e in gioco c'è solo una parte di me. NON-SI-PUO'-FARE che in base a quello che ci metti, c'è quello che ti torna indietro. Se non ci metti nulla non ne ottieni nulla. Non ho altro da dire per il momento.

domenica 2 ottobre 2011

Tre tipi di persone a confronto, rischi e prospettive nel bdsm.

Ci sono tre tipi di persone che girano per la rete e per le strade della vita.
Le prime, sono quelle rinchiuse nel loro guscio che desiderano ma sono oppresse da mille sensi di colpa e da altrettante paure. Paura di vivere, paura di sentirsi colpevoli di chissà quale peccato. Paura di mostrarsi, paura di rivelarsi e di non essere accettate e perfino paura a chiedere aiuto per liberarsi. Tristemente che è come mi sento, l'ultima esperienza con questa "cosa" dal nick Lady Milkshake, s'è rivelata una di queste. E' la gran massa qui in Italia. C'è poco da fare e per certi lati nonostante la tristezza e l'incazzatura per il bluff, a "bocce ferme", provo pure compassione per questo tipo di persone. L'unica seria vita sessuale e di coppia è relegata al non rapporto con il partner ed intendo quello umano, chiuse in loro stesse il cui unico vero sfogo alla fine è la solitudine. Il loro guaio è che nonostante tutto il desiderio non si ferma e pur di sognare una fantasia, pur di avvicinarsi a qualcuno che davvero vive, sono disposte a sbattersene di tutto anche dei rapporti umani. D'altra parte non li hanno, quindi non sanno manco cosa siano davvero.
Poi ci sono quelle che pur di vivere sono disposte comunque a tutto. Qualsiasi cosa il master gli chieda, lo faranno. Accondiscendere pur di piacere, pur di avere quello che "loro giustamente si meritano". Facili da guidare, alla fine ci fai di tutto ma spesso essendo prive di cognizione di causa si trovano invischiate nell'ennesimo figlio di che le inzuppa in qualche casino. Si fidano a prescindere, ti guardano affascinate per la tua maestria in idee e in gesti pratici e poi finiscono appese ad un cappio in un garage o fanno come rosaspina ed il suo master managua 803 che seguita a portarla a festini, che scatta foto all'insaputa dei presenti inclusa lei, poi ti chiama e te le fa vedere chiedendo compenso. Si sto mondo è fatto di "figliol di..." e bisogna tenere gli occhi e le orecchie aperte. Spesso e volentieri quelle del tipo sopra, terrorizzate come sono, vedono in questi seri rischi tutta la giustificazione per non buttarsi. Queste qui, si buttano comunque che gli frega di più divertirsi che delle eventuali conseguenze. Quelle che io definisco le classiche teste vuote. Spesso, sono proprio queste qua che tra qualche anno di bdsm dovranno affrontare una vagino plastica per il troppo fisting o che per sentire qualcosa dalle frustate, si dovranno far letteralmente massacrare. Non è solo colpa dell'imbecille che si definisce master ma è anche colpa loro che invece di documentarsi si fidano come cagnoline in calore che non capiscono una mazza. Poi ancora ci sono quelle che hanno capito il trucco. Che se trovi quello giusto si fanno guidare per raggiungere piaceri che all'atto pratico possono sembrare inusuali. Ad ampliare comunque i propri orizzonti dopo avere scelto un partner ed una guida giusta e sicura. L'hanno vagliato, si sono messe a disposizione per il semplice piacere di di esserci con lui e per lui ma anche per se, soprattutto per se. Quelle che hanno capito il "trucco", che dicono che prima stanno sotto e che poi si mettono pure sopra per soddisfare il proprio partner ed i propri piaceri: che tu lo faccia perché ti viene ordinato o che tu lo faccia perché sai che quella gesto piace al tuo lui è forse meno bsdm? Ti serve davvero un ordine? ;) Meditate gente, meditate.






venerdì 23 settembre 2011

Le foto che amo - Norio Sugiura

 Grande legatore (Nawashi), le sue opere sono di un bello assoluto. Dalla dolcezza alla cruda dimostrazione del piacere assoluto, ai caldi e tradizionali ambienti giapponesi alla modernità ed il contrasto tra il nuovo ed il vecchio. Grandioso.





























Official Site 杉浦則夫緊縛桟敷
News Site 緊縛新聞
DownLoad Site 緊縛桟敷キネマ館