Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

lunedì 25 aprile 2016

Ogni volta


Sono una persona semplice.
Vivo di sensazioni e di sentimento. Mi accontento di poco ma che sia vero. Pane e aringa va più che bene ma che sia aringa non calamaro travestito.
Questa è la ragione per cui spesso sbotto. Le persone tendono un po' tutte a dipingersi come vorrebbero essere ma che non sono. Cercano loro stesse nell'ipocrisia. Non hanno niente se non il niente e oramai si sa cosa sia il niente no? :)
A.m.i.c.izia: acronimo di Andare molto in culo alla giustizia
Amore. E' quella roba che si trova nei sexy shops o quando ti prude la passera.
Cuore: quello della palma
Dialogo: è quella roba che racconti per farti credere. In genere è quello che gli altri vogliono sentire ma di cui a te non te ne frega una beata minchia.
Dovere: Variazione di godere.
Fiducia: E' una Filastrocca sudicia da evitare.
Gratitudine: parola composta da Grattare alla moltitudine quanto più puoi.
Il partner:  una roba che si usa.
Lealtà: E' la sorella minore di Fausto Leali.
Legame: è quella roba che serve per accalappiare un pollo o una gallina.
Rapporto: è quello che hai quando godi. Cambia a seconda con cui scopi.
Rispetto: sinonimo di rispecchio, è quella testa di cazzo che vedi riflessa quando ti lavi i denti in bagno.
Sentimento: Senza intendimento. Insomma se dico una cosa mica vorrai crederci!
Sincerità. Il sapore del Montenegro.
Tradimento: Tradurre in godimento tutto quello che si riesce ad ottenere.
Ecco, mi pare il quanto :)
ah, oggi è il 25 aprile. Il giorno della libertà di fare come cazzo ci pare.

Però questa canzone riassume il tutto quando ci si passa. 
"ogni volta che non sono stato 
ogni volta che non guardo in faccia a niente 
e ogni volta che dopo piango 
ogni volta che rimango 
con la testa tra le mani 
e rimando tutto a domani.."

sabato 2 aprile 2016

Non mi interessa

PREMERE PLAY PRIMA DI LEGGERE GRAZIE :)



"Gli anziani saggi raccontano che alla nascita del Sole e di sua sorella Luna la loro madre morì, allora il Sole diede alla Terra il suo corpo dal quale sbocciò la vita, dal petto di lei tirò fuori le Stelle e le lanciò nel cielo notturno per ricordarsi della sua anima. Così tutto ebbe inizio, ma in alcune occasioni quando la Luna e il Sole si uniscono nel cielo per pochissimi minuti, la loro madre rivive portando speranza e vita sul nostro mondo terreno."

Non mi interessa
Non mi interessa cosa fai per vivere, voglio sapere per cosa sospiri
e se rischi il tutto per trovare i sogni del tuo cuore. 
Non mi interessa quanti anni hai, voglio sapere se ancora vuoi rischiare
di sembrare stupido per l'amore, per i sogni, per l'avventura di essere vivo. 
Non voglio sapere che pianeti minacciano la tua luna, voglio sapere se hai toccato
il centro del tuo dolore, se sei rimasto aperto dopo i tradimenti della vita
o se ti sei rinchiuso per paura del dolore futuro. 
Voglio sapere se puoi sederti con il dolore, il mio o il tuo;
se puoi ballare pazzamente e lasciare l'estasi riempirti fino 
alla punta delle dita senza prevenirti di cautela, di essere realisti, 
o di ricordarci le limitazioni degli esseri umani.
Non voglio sapere se la storia che mi stai raccontando sia vera. 
Voglio sapere se sei capace di deludere un altro per essere autentico a te stesso, 
se puoi subire l'accusa di un tradimento e non tradire la tua anima. 
Voglio sapere se sei fedele e quindi hai fiducia. 
Voglio sapere se sai vedere la bellezza anche quando non è bella tutti i giorni. 
Se sei capace di far sorgere la tua vita con la tua sola presenza.
Voglio sapere se puoi vivere con il fracasso, tuo o mio e continuare a gridare
all'argento di una luna piena: SI! 
Non mi interessa sapere dove abiti o quanti soldi hai,
mi interessa se ti puoi alzare dopo una notte di dolore, triste o spaccato in due,
e fare quel che si deve fare per i bambini.
Non mi interessa chi sei, o come hai fatto per arrivare qui, 
voglio sapere se sapresti restare in mezzo al fuoco con me e non retrocedere.
Non voglio sapere cosa hai studiato, o con chi o dove, 
voglio sapere cosa ti sostiene dentro, quando tutto il resto non l'ha fatto.
Voglio sapere se sai stare da solo con te stesso, 
e se veramente ti piace la compagnia che hai ....nei momenti vuoti. 
Scritto da un'indiana della tribù degli Oriah - 1890

giovedì 31 marzo 2016

Cesare Pavese

Tu sarai amato il giorno in cui potrai mostrare la tua debolezza senza che l’altro se ne serva per affermare la sua forza.

Cesare Pavese

mercoledì 30 marzo 2016

Il "reale"

Se si ha un brutto carattere è meglio dotarsi perlomeno di una buona dose di pazienza, come dimostra il caso di Einstein!
Buona sera gente.
E' già la terza tipa strana che parla di reale con me come se fossi uscito dalla penna di Crepax. Psss io non vorrei dirvelo ma non è 50 sfumature di grigio, siete piuttosto caduti nel famoso scritto di MDS: "5000 sfumature di scemenza" e voi siete una di quelle. Mi dispiace, non ho intenzione di offendere nessuno ma se vi comportate da idioti, riceverete risposte idiote.
Si perché la mattina mi alzo, vado al cesso, faccio pp, mi lavo i denti, la faccia e alle volte tiro dritto che mi lavo i denti direttamente sotto la doccia. Prendo i pantaloni, la maglia e le scarpe me le infilo presupponendo che mutande, camiciola e calzini me li sia già messi sotto!
Che pantaloni, maglia  e scarpe, dipende da quello che ho da fare. Mi sono messo la divisa per un po', mi sono vestito in giacca e cravatta, casual elegante e anche in jeans verniciosi e maglia pure. Il tutto per quello che devo fare. Certo quando dovevo andare a fare accordi con banche, istituzioni e quant'altro possa capitare, non ci posso andare in jeans verniciosi, pare chiaro. Ci fu uno una volta che mi diede di dott. senza sapere se fossi dott.. Ecco, non sono dott. e siccome mi ero pure rotto le @@ di scrivere su due righe i titoli o ridurre il tutto ad una specie di codice fiscale del tipo: "Pres. Per. etc. etc..." firmare con il mio nome a quattro sole lettere, ridussi il tutto ad uno e su una riga sola e per tutti, con il mio primo nome: Luca.
Quando ho finito di lavorare passo il mio tempo con i miei gatti, con la mia partner di vita se ce l'ho. Mi guardo un film, un programma tv, faccio qualche lavoretto al pc, mi diverto a fare cosette di programmazione, aiuto parenti ed amici nel loro lavoro se posso e per quelli che cercano di inchiappettarmi, ho in genere un bel palo appuntito a mo di Dracul quello vero pronto all'uopo. Dicesi anche spiedo! S. tibet insegna! :D :D :D con quello imi insegue! :)
Non vado alle feste a meno che non ci sia una combriccola di amici per una rimpatriata o per vedersi e fare due chiacchiere e due risate assieme. Non metto persone in vetrina a meno che non me lo chiedano espressamente ed alle volte non lo faccio lo stesso. Non mi piace semplicemente perché credo che in un rapporto sm ci siano due persone che si incontrano, due persone normalissime il cui aspetto diciamo "segreto" se vuoi o per meglio dire privato, la sessualità, sia una cosa che non debba necessariamente essere informato il mondo. Se lo è, m'importa una sega basta che non mi rompiate i coglioni. Per quel che mi riguarda potete godere come ricci a guardare due coccodrilli che copulano, quindi non bacate le scatole per quello che piace a me.
Vi devo fare la lista delle cose che so fare? Nope, poi dite che mi vanto oppure non ci credete quindi evito. Ho già dato. Ebbene, l'idea stessa di incontrare un "master" o una "slave" nel reale come dite voi, mi fa semplicemente piegare dal ridere. Sta a vedere che la prossima uscita che vado che ne so, a bere qualcosa, mi metto la spilla con con il drago, il nome e con scritto master e cinque stelline va, tanto per capire di che cazzo si parla.
C'è un'ultima cosa. Non mi frega manco di raccontare al mondo quello che faccio. Se qualche racconto c'è ed è sul blog è perché chi l'ha scritto aveva avuto piacere a mettercelo. A me bastava riceverlo in privato, come con tutto o quasi.  Non cerco confidenti, non sono l'ampollina dell'acqua santa e nemmeno considero voi come tali. Mi confido con i miei amici e porca troia alla faccia della legge, sono più di uno. Non ci sono foto nemmeno quelle che potevo pubblicare, che qualche volta ho messo e poi ritolto subito o quasi. Non ci sono foto in giro, di nessuna per lo meno che io ricordi. Non sono le foto che fanno grande una persona. Sono un culture dello sputtanamento ma questa è un'altra storia. Professare le proprie idee cazzo, non è un reato, non ancora anche se in modo cinghiale come il mio. 
Mi pare il quanto. Ecco, il prossimo che mi dice "reale", lo impalo anzi, lo spiedo. :) D'altra parte qualcuna se lo porta dietro per me quando viene a trovarmi, quindi... :) (leggasi su :) )