lunedì 4 luglio 2016

Io la chiamo come mi pare

"Quando guardi avanti nel tempo, sembra che tutto prosegua in eterno. Quando guardi indietro nel tempo, sembra che la vita sia passata in un lampo". Detto Zen

Non posso fare a meno di pensare che qui il momento più bello dell'unione di due corpi e due menti, coincida spesso e volentieri con la parte più terribile dell'essere umano: l'inganno e lo sfruttamento.  Te ne vai in giro a leggere e l'atteggiamento dell'ultima povera "idiota" ti salta agli occhi. Mette le foto dei segni mezza nuda e se ne va orgogliosa di essere un "brava schiava" perché ha ubbidire ad un "cretino" che s' è fatto da solo che gli ha odiato di toccarmi senza venire per due giorni. Poi l'ha riempita di vergate e l'ha trombata fino allo sfinimento chiamandola con gli aggettivi più infamanti. Non c'è niente di bdsm in questo. Non importa quali siano le dinamiche private legate alla singolarità della coppia. Si tratta di abuso da parte del top e di cecità del* sottomess* che non si rende conto che cosa fa e chi è. Credo davvero che questo genere di persone, forse troppo diffuse abbiano bisogno di aiuto. Bimbi che sono arrivati a 40, 50 anni senza essere mai cresciuti e che si portano dentro solo sentimenti e sensazioni basilari. Un po' come gli insetti che non hanno cervello ma solo gangli nervosi ed hanno reazioni automatiche alla stimolazione. Non vi offendete. Non è intenzione ma è talmente palese che...

"Questa è un’epoca dove tutto viene messo in vista sulla finestra per occultare il vuoto della stanza". Dalai Lama 

Non c'è niente di sbagliato a divertirsi e ognuno lo fa come crede e sente ma mi saltano in testa di nuovo i soliti pensieri: "Come mai siete venute qui?" Questo blog (io), è fatto di sentimenti,  di intesa, di intelligenza, di dialogo, di rispetto, di lealtà e non di vergate e di: "Spogliati troia". In fondo la risposta c'è ed è semplice. Qualcun* da prendere per il culo ci deve essere, non importa chi sia in fondo. L'importante è ottenere lo scopo e vale con con entrambi gli accenti.

"Qual è la sala in cui meditare? Il tuo stesso cuore". Dogen

Senza lealtà non ci può essere fiducia, come niente formaggio senza latte. Senza rispetto le offese non sono eccitazione, rimangono solo offese e ogni parola è per definizione, una bugia. Senza sentimenti è solo un atto di sesso. Come dicono molti, a sto punto è meglio un* professionist*. Paghi, fai quello che vuoi e fino a che paghi o non ti comporti da scem*, ottieni divertimento senza falsità o compromessi. Nessuno si fa male. E invece per assurdo, molte non si fanno pagare, sarebbe da "troia", ammettere chi "sei" e non va bene fare i conti con chi si vede nello specchio. Ci penso ma è quello che alcune davvero sono. La professionista ha per lo meno rispetto di chi la paga, la zoccola no. Prende quello di cui ha bisogno e sparisce. Oddio, parlo delle donne perché a queste che mi relaziono. Penso che noi non siamo da meno ma ovviamente per altri versi. Ripenso quando da ragazzo sono "uscito" con donne di mestiere e oggi posso dire che c'era molta più pulizia in quell'ambiente che qui. Firenze era una piazza molto ambita perché non c'erano i papponi. Niente botte e sfruttamento. Poi sono arrivate le albanesi, le cinesi, le africane e via così ed è tornata davvero la schiavitù.
Adesso magari arriva una lettrice e mi dice di nuovo che sono incazzato o polemico o boh! Naaa. 

"Se leggo ricordo, se vedo capisco, se provo imparo". Detto Zen

Perché dovrei essere incazzato? Ok, forse perché qui non è vero niente, è come entrare in un bar e chiedere un caffè e quello ti dà una spuma. Così che tu gli dici per forza: "Guardi che avevo che sto un caffè" e lui ti rimboccarsi rispondendo scocciato: "Ed io che gli ho dato? Un caffè!"
Non importa che il caffè proprio non ci sia. Devi accennare il fatto che la spuma sia il caffè punto. Ci fu un amico che era a ballare a Firenze e disse ad una che aveva una BMW blu così lei uscì con lui per vederla. Arrivati all'auto era solo una "500" e dopo che leggermente incacchiata glielo fece notare, lui gli rispose: "Io la chiamo come mi pare". Ecco :). E' tutta da ridere ma è e rimane una presa per il culo e lui era simpaticissimo.

"L’amicizia e l’amore non si chiedono come l’acqua, ma si offrono come il thè". Detto Zen

Già perché è importante essere "garantiti". Chi è l' "uomo" comune che tira fuori il peggio di se e vuole che questo venga messo in "piazza"? Nessuno. Così quello che vine fatto e peggiorato di giorno in giorno deve rimanere tra le quattro mura dell'anonimato. Si chiama "garanzia" (di non essere vist* per quello che si è), che poi chi ti si avvicina più? Il mondo, come ho detto più volte, è fatto di relazioni umane, commerciali e sociali. Senza la "fiducia" si è soli e soli semplicemente si "muore". Così zitti. Non fate l'onda, non dite niente. Mi ricordo vagamente da ragazzo quando il Pannella si battè per l'aborto. Quando ancora c'era il "delitto d'onore" nel codice penale. Roba da medioevo direte. Ebbene è stato abrogato nel 1981 non quando c'era Lorenzo il Magnifico. Così che te fai di un mondo di emme se non cerchi semplicemente di cambiarlo e possibilmente in meglio?
"Un’unica Forza, l’Amore, lega e da vita a infiniti mondi". Giordano Bruno 


Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)