martedì 16 agosto 2016

Narcisismo. Non sottovalutate il fino a che non tocca a me, me ne frego.


Stamattina Stefano Laforgia ha passato un link sul pericolo narcisismo così forse è meglio rilanciare piuttosto che ignorare il problema. Quindi comincio così.


Prelevato da un reblog su:
"It’s easy to reblog “all the right things”. It’s easy to say “all the right things”. It’s easy to give the impression via tumblr and facebook and kik, etc. that you are a “good person” who believes in and practices “all the right things”. It’s not so easy to follow through with it in real life.
Just because someone says something or reblogs something or texts you something or mentions something in your ritual goodnight phone call doesn’t mean they actually practice those things in person.
Now, they very well might. But it’s a lot easier to say something than it is to do it. Saying involves a lot less energy, time, effort, etc. Actually doing it is a whole different ball game.
You don’t really know that a person is going to follow through on all the things they post and say and talk about until you’re sitting across from them and watching them make that decision - those decisions - over and over and over again.
Moral of the story? Be careful. Protect yourself. Just because someone says something and appears to post all the right things - or all the good things - doesn’t mean they’re actually who they say they are.
Tread carefully."

E' facile rebloggare "le cose giuste". E 'facile dire "le cose giuste". E 'facile dare l'impressione via Tumblr e Facebook e Kik, ecc che sei una "brava persona" che crede in e pratica "le cose giuste". Non è così facile da seguire fino in fondo nella vita reale. Solo perché qualcuno dice qualcosa o reblogga qualcosa o ti scrive qualcosa o ti menziona in una buonanotte rituale, non significa che in realtà pratichino davvero queste cose. Ora, loro potrebbero davvero essere chi sono ma è molto più facile il dire che il fare. Dire comporta molta meno energia, tempo, fatica, etc. etc.. Effettivamente fare è una cosa completamente diversa. Non sai davvero se una persona stia veramente seguendo tutte le cose che pubblica. Tu non puoi vedere attraverso le loro scelte, prendere le stesse decisioni - quelle decisioni (che dicono di credere) - più e più e più volte. Morale della storia? Stai attento/a. Proteggiti. Solo perché qualcuno dice qualcosa e sembra inviarti e dirti tutte le cose giuste - o tutte le cose buone - non vuol dire che siano in realtà quello che dicono di essere. Procedete con cautela.


Quella cautela non deve abbandonare nessuno perché qua spesso non viviamo con loro, semplicemente ci incontriamo. Potrebbero essere dei truffatori, dei delinquenti incalliti, potrebbero essere degli arrivisti che sanno come conquistare la vostra e nostra fiducia. Il loro scopo è quello, sono allenati a farlo, noi no. Loro sono abituati a fingere. La vita altrui è solo uno strumento o il cestello dove arraffano quello che trovano anche i sentimenti perché ne sono privi. Riposto le immagini ma l'intero articolo è qua:
http://freedomfromnarcissisticandemotionalabuse.weebly.com/blog/how-i-lost-my-identity
Spero che per lo meno questa traduzione sappiate farla. Buona serata.



Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)