venerdì 19 maggio 2017

BDSM o SM cosa diavolo è?!


Cos'è che definisce il sadomasochismo e chi lo mette in pratica nella sua vita? In parole semplici, cosa definisce una persona come sadomasochista oggi? Basta essere iscritto ad un sito a tema per cui è sufficiente far parte della cerchia forse? Mettere in atto qualche pratica nella vita di tutti i giorni forse? Forse da un lato, basta imporre le proprie idee al prossimo e dall'altro subirle per essere classificati come sadomasochisti? Insomma qual'è davvero il limite per cui "siamo" o no nella cerchia, nel gruppo, o nei malati di queste che alle volte vengono definite deviazioni o ancora parafile?
Ci hanno provato in tanti senza riuscirci quindi non ho nessuna pretesa di farlo io ma rimane il fatto che per essere qualcosa o qualcuno una definizione ci deve essere altrimenti chiunque potrà uscirsene con un ma anche no e non arrivare mai ad una seppur ipotetica e discutibile definizione.


Quindi mi fermo un attimo e vado a cercare (per la 500ma volta), alcune definizioni scientifiche di quello che sia davvero il sadomasochismo. Ne posto alcuni visto che a quanto pare, la maggior parte della gente sa solo criticare quanto scrivo ma non porta nessun contributo valido alla definizione del quanto.
Ovviamente li cerco in sito autorevoli altrimenti poi l'ultim@ coglion@ si metterà a criticare anche questo dimostrando che associati al SM c'è una buona parte di narcisismo estremo in cui ognuno di loro ha ragione perché tutto il mondo gira intorno alle loro idee. Personali, senza nessun fondamento. Hanno ragione a prescindere come tutti i narcisisti.


All'interno di questi links potete di sicuro andare ad approfondire la cosa attraverso una ricerca multimediale degli argomenti e degli studi fatti dagli autori che si sono succeduti fino ad oggi. Ci sono comunque due dati assoluti: il primo che il sadismo storico di De Sade, non è lo stesso che viene messo in pratica oggi. Il secondo è che le visioni della sessuologia moderna hanno permesso a tanti di essere più elastici e che innegabilmente non tutto è parafilia e/o deviazioni.
Nell'articolo precedente ho già messo il link alle 120 giornate di sodoma, inutile che mi ripeta. Andatevelo a leggere. Se credete che a fare quelle cose sia tutto normale o beh, allora prima di venire rinchiusi e/o giustiziati (dipende dallo stato in cui vivete), proseguite così. Questi a quanto pare l'hanno proprio messo in pratica.
Sia nel Sadismo di De Sade, sia in quello messo in pratica da i due a Roma. c'è un denominatore comune. Sadismo e narcisismo, vanno spesso a braccetto ed anzi, sono spesso l'uno figlio dell'altro in un crescendo di egocentrismo associato alla gratificazione personale per cui le persone intorno a loro sono solo mezzi per appagare i propri piaceri e la propria curiosità. Un'altro innegabile aspetto è la ricerca alte dosi ormonali di adrenalina e questo spesso supera il piacere sessuale più convenzionale.
Non c'è un piacere sessualmente diretto tra una tortura e la pratica sessuale. Vengono ricercate situazioni estreme di estrema adrenalina.
Qualche anno fa, nel tentativo di mettere un limite al lecito, fu introdotta la definizione di SSC: Sano, Sicuro e Consensuale. Per quel che mi riguarda il consensuale non basta come ho già scritto ma rimane un limite comune decisamente accettabile.
Entrando in un sito a tema, nella fattispecie fetlife, ed intavolando una discussione seria mi trovo davanti le stesse identiche problematiche riscontrate in passato in altrettanti siti tipo manettematte (che non esiste più), legami, appartenenza tanti altri. Il problema non è nei siti di per se ma in chi li frequenta. Dopo le ultime mie esperienze adesso ci entro con un altro spirito e facendo attenzione ai dettagli. Insomma, con le antenne dritte alla ricerca dei comportamenti che definiscono atteggiamenti psicopatologici sado-narcisisti. Ribadisco che non sono un medico. Che quello che scrivo è una semplice opinione personale e che non ha nessuna valenza scientifica.
Gli atteggiamenti sono spesso ripetitivi fino alla noia. Le persone cambiano, i modi di fare restano e rimangono confinati in un certo ambiente. Quando ti confronti con medici esperti o persone con qualifiche alte il discorso cambia. Il dialogo è un dialogo e l'occasione un modo di scambiare esperienze ed opinioni nel rispetto reciproco.
Le linee guida di tali atteggiamenti sono ben descritte qui:
https://narcisismopatologico.wordpress.com/2016/02/03/le-8-tattiche-strategiche-usate-da-np-e-psicopatici-per-il-controllo-nelle-conversazioni/
Sarà un caso? Non credo. Avrò sfortuna? Non credo. Una volta è un caso, due volte è un caso, poi no, non lo è più. C'è penso, un luogo dove è più facile che un certo tipo di persone si possano tranquillamente ritrovare cosi come si ritrovano altri gruppi di interesse più o meno normale. Il narcisismo ed il sadismo sono spesso cose di quotidianità ma rimangono atteggiamenti o situazioni sporadiche piuttosto che come devianza comune. Insomma, non siamo tutti malati è che alle volte eccediamo in un senso o nell'altro. Capita, siamo tutti umani.
Il problema è sempre il come non il chi. Come definisce cosa si fa, la quantità di energia che ci si mette, il modo in cui si affrontano e si vivono le cose. La capacità di relazionarsi con i propri partners, amici e conoscenti. Tolgo gli amati perché "loro" non sono in grado di amare null'altro che non se stessi. Loro non sbagliano mai.

Fatto questo contorno necessario, torno alla domanda iniziale. Cos'è che definisce un sadomasochista? Dove comincia quel limite fa saltare in modo definitivo la normalità all'appartenenza ad un un gruppo di persone?
Secondo il ICD-10 2009, F65.5  -  Sado-masochismo 

Preferenza per attività sessuali che comportano il procurare dolore, umiliazione o schiavitù. Se il soggetto preferisce assumere il ruolo di ricevente di tali stimolazioni si parla di masochismo; se è l'inverso si parla di sadismo. Spesso un soggetto ottiene eccitamento sessuale da entrambe le attività. 
Per chi avesse la coda di paglia e seguiti a non capire di cosa si tratta, precedenti gli articoli: 
1 - I contratti bdsm ed alcune regole di convivenza lunedì 28 febbraio 2011

L'uso del contratto non è sempre necessario ma è inderogabile il riconoscimento del "ruolo" (non inteso come apparenza), nel rapporto del top e del bottom. Il o la top hanno il "potere" di rendere l' "ordine" vincolante. Nel gioco di ruolo no. La pronuncia della safeword in genere succede o quando chi controlla esagera per una situazione sfuggita di mano o per il superamento di limiti non discussi prima dell'incontro. Le safe word hanno spesso il potere di interrompere un rapporto. Molti lo legano alle tre pronunce giornaliere o consecutive perché indicano un affiatamento ed un intesa che non c'è. Qualcuno, all'interno del rapporto si sente insicuro, non protetto o per lo meno non adatto a quella situazione. In mancanza della pronuncia di una safe o della mancata attenzione alle esigenze del bottom, chi controlla dovrebbe rendersi conto o di cambiare sistema o di cessare una relazione che di fatto è abusiva.

Come ho più volte ripetuto quasi in ogni coppia normale ci sono delle relazioni top/bottom e come afferma anche l'organizzazione mondiale della sanità, anche atti di sadomasochismo più o meno coscienti. (Fedoroff 2008, p. 639: "There are several obvious differences between these criteria and those of the DSM-IV-TR. First, the conditions of sexual sadism and sexual masochism are combined. Second, there is an indication that elements of sadomasochism may be present in so-called normal sexual life. Third, there is an explicit differentiation between sexually motivated sadomasochistic acts and those motivated by cruelty or anger in a sexual context.")
"... Terzo, c'è una differenza palese tra il sadomasochismo motivato dal sesso e quello motivato dalla crudeltà o rabbia in un contesto sessuale."

Forse è questa la ragione per cui molti genialoidi americani stanno buttando di tutto nel BDSM purché vi sia un/a top ed un/a bottom. SBAGLIATO. E' la struttura stessa della relazione che è diversa e pure lo scopo che non è voce del verbo scopare o completare fantasie sessuali.
C'è pure altro. Pur essendo consenzienti c'è, per ovvie ragioni una spinta a dare e ricevere dolore, sia per ragioni intrinseche nel gioco (stimolare la produzione di endorfine), sia legate all'atto stesso. Per dare dolore bisogna "staccarsi" un attimo dall'amare quella persona. Diventa parecchio ma parecchio difficile "frustare" un/a partner così. E' e rimane un conflitto interiore perché se non è così, più di qualcosa non funziona nell'animo, nella coscienza e nella moralità di chi mette in atto. Significa "solo" appagare il proprio desiderio infliggere dolore e come spesso vedo, la deriva narcisista è molto marcata nei frequentatori dei siti a tema. Ogni possibile narcisista frequentatore farà come come hanno fatto con me e come fanno con tutti. Vi convinceranno lentamente che il loro modo è quello giusto e che dovete credergli.
Infine c'è da dire che essendo umano, tutto quello che qui ho scritto, potrebbe pure essere frutto di una mia follia o convinzione che comunque non è mai da escludere ma allora perché quando discuto ed espongo poi trovo corrispondenze e spiegazioni? Il loro modo è ripetitivo, quasi annoiante, talmente boriosi e pieni di se da non rendersi conto che stando con le antenne ritte, sono sgamabili facilmente e inevitabilmente. Cucinati come una rana in uno dei tanti blog e siti che seguo si dice (ma di cui è il solo che ho la possibilità e l'autorizzazione a coinvolgere qui), questo tentano di fare ma  un disco rotto. Sono tutti uguali, fatti in serie da uno stampo sbagliato, semplicemente disumano ed il SANO SM è o dovrebbe essere più che umano ma un'occasione imperdibile di crescere assieme.


Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)