Cerca nel sito per parole chiave: inserisci argomento e cerca

sabato 14 novembre 2015

Se...

In primis, il feed. Adesso funzionano tutti e due. Creato il nuovo feed con feed burner, l'altro non lo legge direttamente dal blog e si autoinganna. Fino a che regge potete rimanere così.  Ma che stronzi. Avete mai letto Sant'Agostino? Ecco, dovreste. Dovreste parecchio, si.

Coloro che ci hanno lasciati non sono degli assenti, sono solo degli invisibili: tengono i loro occhi pieni di gloria puntati nei nostri pieni di lacrime. (Sant’Agostino)
Meglio avere un cuore senza parole che dire parole senza cuore. (Mahatma Gandhi)
Adesso mi viene la voglia di fare una domanda scontata alle lettrici di questo blog se ce ne sono. Chi di voi vuole una session tanto per fare e per divertirsi e basta? Su dai, è una domandina semplice, semplice. Mi avete sfrantecato le palle con la storia dell'unicità,  che le donne vogliono questo e quest'altro e poi arrivi ad un  certo punto e ti accorgi che di quelle veramente così,  una o due su cento. Guardate che è meno fatica dire una cosa e farla che fare l'esatto contrario. Non richiede tanto impegno, no!. Chiamate mastro o un altro e gli dite: "hai da fare domani? Nel caso tu fossi libero mi piacerebbe farmi un giro". Non mi direte che avete paura di passare da troia a dire che vi piace solo una cosa del genere. Però e nel caso, perché cazzo venite qua? Li fuori è pieno di gente così,  perché venite a rompere a me. La prima miss mi disse una cosa che è verità sacrosanta. Se sai che vedi una persona una volta, due tre, poi basta, ci metti tutto l'impegno per prendere e dare il massimo. Se sai che lo rivedi, non esaurire mai il desiderio, lascialo per la volta e la voglia di rivedersi successiva. L'onestà ha i suoi vantaggi. Effettivamente...

Le parole non sono state inventate perché gli uomini s'ingannino tra loro ma perché ciascuno passi all'altro la bontà dei propri pensieri. La misura dell'amore è amare senza misura. (Sant'Agostino)
Mantieni i tuoi pensieri positivi, perché i tuoi pensieri diventano parole.
Mantieni le tue parole positive, perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti.
Mantieni i tuoi comportamenti positivi, perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini.
Mantieni le tue abitudini positive, perché le tue abitudini diventano i tuoi valori.
Mantieni i tuoi valori positivi, perché i tuoi valori diventano il tuo destino. (Mahatma Gandhi) 
Poi siete venute con l'appartenenza. Che è sta roba? No non si va dal pizzicagnolo e si chiede se te ne incarta due etti. L'appartenenza è l'essenza di un rapporto e che si costruisce attraverso un legame serio, profondo e vero. L'appartenenza è fatta di piccole e grandi cose.  Dai grossi problemi della vita ali piccoli dettagli. Per l'appunto le tazze con le foto dei figli, il dolce per la festa, il sito che non funziona, i ladri che ti entrano in casa o sul posto di lavoro e pure dalle ore o i giorni passati assieme a fare bdsm. L'appartenenza non accetta falsità e preclude l'inganno e l'ipocrisia verso se stessi perché l'appartenenza è la presenza prima di tutto di persone con valori. Qui non esiste o quasi il tradimento fisico. Il bdsm si può vivere semplicemente guardandosi negli occhi o in un incontro di gruppo, il bdsm non è una pratica,  non vai a giocare a tennis. È uno stile di vita che parte dalla morale e finisce con l'appagamento. Il piacere non è il fine perché puoi godere mille volte e mille volte ancora e non trovare mai appagamento.  L'appartenenza non ha inizio né fine e non è mai un errore.  Non si può dire infatti mai quando questa cominci, non ci sono interruttori per cui "tu" puoi sentire qualcuno dentro ed essere ricambiato/a. Può avere fine una storia ma se davvero rispetti te stesso e con chi dividi la tua vita, questa non ha una fine.

Dio ti ha creato senza interpellarti, ma non ti salva se non c'è il tuo consenso. (Sant'Agostino)
Per me è sempre stato un mistero perché gli uomini si sentano onorati quando impongono delle umiliazioni ai loro simili. (Mahatma Gandhi)
La vita non è un errore, le persone sono sono errori e manco le scelte lo sono. Facciamo ciò che sentiamo e se lo sentiamo è giusto. Può essere sbagliato perché di per se porta ad un fine sbagliato ma non è mai un errore. Se sbagli capisci cosa fare bene e se hai fatto bene, non importa andare oltre.


E adesso per cortesia non venite a parlarmi di Dio, questo è un esempio e una metafora. Dio c'entra se credete in Dio e c'entra la vostra morale se credete in voi stessi. 

Fides quaerit, intellectus invenit. Et rursus intellectus Eum quem invenit adhuc quaerit. - La fede cerca, la ragione trova. E ancora la ragione cerca Colui che ha trovato. (Sant'Agostino)
Non vale la pena di godere di diritti che non derivino dall'aver compiuto il proprio dovere (Mahatma Gandhi)
La prima volta che sono ito su al nord ero un ragazzino.  Arrivi ad un semaforo pedonale, non passa nessuno e tu cerchi di attraversare comunque come si fa qua. Ci hanno ripreso per il collo e detto che non si fa. Anzi, non mettere manco il piede fuori dal marciapiede che se passa un pula ti fa la multa. Adesso sinceramente non so cosa dice il codice della strada qua ma credo che sia previsto. All'epoca lo era ma qui non penso che nessuno mai abbia multato uno che abbia fatto una cosa del genere e manco un gruppo di ciclisti che prendono l'intera carreggiata. Una bici senza faro la sera e via così. Ecco perché nel post precedente dicevo che il diritto nasce dal dovere. Se non vuoi trovare gente in mezzo di strada quando guidi,  non entrare in mezzo di strada e se lo fai c'è uno che scrive e ti fa capire.

Nessuno può essere veramente amico dell'uomo se non è innanzi tutto amico della verità (Sant'Agostino)
Non dovremmo avere che una sola paura: quella di fare qualcosa di ingiusto o di falso. (Mahatma Gandhi)
Se domattina mastro dicesse alla signora x che è l' "unica che spoglia e la più importante", mentre lo dice ad un'altra in contemporanea e sta cosa si scopre chi è lo sputtanatore? Chi pubblica o "io" master, che sono uno stronzo?  Per la cronaca, la cosa è successa davvero ad un'amica qualche anno fa. Il tipo era un master famoso. Poi arrivò uno/a (boh), che con un profilo farlocco raccontò la storia. Ultimamente gli è risuccesso con un altrettanto master famoso (Esinem).  Morale?
1 - non prendere per il culo,
2 - non prendere per il culo,
3 - non prendere per il culo,
Prima di tutto te stesso/a ma soprattutto non gli altri.

L'amore non si vede in un luogo e non si cerca con gli occhi del corpo. Non si odono le sue parole e quando viene a te non si odono i suoi passi. (Sant'Agostino)
Se urli tutti ti sentono... Se bisbigli ti sente solo chi ti sta vicino... Ma se stai in silenzio solo chi ti ama ti ascolta. (Mahatma Gandhi)
Qualcuno ha un'idea di cosa siano gli accordi prematrimoniali negli states? Stessa roba. Prevenire che uno, ma in genere una stronza, sia li solo per i soldi del tipo perché a dire ti amo ci vuole uno sputo e a negare che sia vero, ancora meno. Poi c'è la fila per andare a puttane (e c'è davvero), figuriamoci se non c'è la fila da una che te la da gratis. Basta che gli giri nel verso giusto e se poi cambia idea, un'altra. Ecco, questo potrebbe pure essere un modo per evitare che circolino in giro certi soggetti o per lo meno che si sappia che tipo di cosi siano. Eppure ripeto, mi pareva è,  solo, mi pareva di aver sentito tante volte. Ho una cena, un compleanno, mastro mi aiuti? Ho bucato, sono senza ruota di scorta, come faccio adesso? Ho il pc in famiglia, non voglio che mi leggano, come si fa? Le tazzine appunto per le colazioni di casa, quello, quell'altro e uno se lo domanda effettivamente.  Cercavate un tuttofare? Che cosa signore cercate quando venite qua. Su, una che dia una risposta che poi non banno per evidente stupidità. Quando comincia una convivenza o una relazione, siamo tutti spinti dalla curiosità del viaggio. Quando finisce, se entrambi hanno vissuto con coscienza e non è andata, non ci sono né vinti né vincitori. Né offesi, né abusati. Né forti, né deboli. Né cattivi, né buoni. C'è solo il  rispetto reciproco perché sai che nonostante tutto ci siamo arresi per incompatibilità e non per via delle sveglie mattutine o dei desideri del cazzo o della fica. Quando finiscono le storie false c'è sempre uno sconfitto ed un vincitore ma non sono le storie ad essere false o "sbagliate", sono le persone.

“Se qualcuno vi si avvicina con un dono e voi non lo accettate, a chi appartiene il dono?”, domandò il samurai. “A chi ha tentato di regalarlo”, rispose uno dei discepoli. “Lo stesso vale per l’invidia, la rabbia e gli insulti”, disse il maestro: “Quando non sono accettati, continuano ad appartenere a chi li portava con sé”. (Storiella Zen)
Preferiamo ignorarla, la verità. Per non soffrire. Per non guarire. Perché altrimenti diventeremmo quello che abbiamo paura di essere: completamente vivi. trovare scappatoie quando non si vuole guardare dentro se stessi è la cosa più facile al mondo. Una colpa esterna esiste sempre, è necessario avere molto coraggio per accettare che la colpa – o meglio la responsabilità – appartiene a noi soltanto. (S. Tamaro)
Domattina arriva uno che sbagliando contenitore mette la candeggina in una bottiglia di acqua. I primo che ha trovato. Esce per andare a pisciare, arriva un altro che ha sete e beve. Scusa? Scusa lo chiedi a tua sorella. Non importa quanto sei stato bravo prima. A me pare ovvio, a molti a quanto pare no. Nelle vite giocate c'è anche questa. Non era candeggina e me ne sono accorto in tempo ma non abbastanza da finire al pronto soccorso raccontando una cazzata. Mo anche queste son finite è.  :)

Nessun commento:

Posta un commento

Non offendete, usate un nick riconoscibile o sarebe bannati. :)